Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Consegna di armi in Ucraina: il cancelliere Schultz si sente solo ora

BIl ministro degli Esteri Annalina Barbuk (Partito dei Verdi) si è pronunciato a favore della consegna di armi pesanti all’Ucraina per la prima volta. “L’Ucraina ha bisogno di più equipaggiamento militare, soprattutto armi pesanti”, ha affermato lunedì il politico dei Verdi a margine di una riunione dei ministri degli esteri dell’UE a Lussemburgo. Ha fatto riferimento alle “immagini orribili e all’orrore orribile”. Pertanto, il ministro si oppone alla posizione del cancelliere Olaf Scholz (SPD).

Un portavoce del governo ha confermato lunedì che Schultz ha mantenuto il suo rifiuto di consegnare armi pesanti. Ha ripetuto le tre argomentazioni che Schulz ha avanzato al Bundestag mercoledì scorso per spiegare perché non aveva consegnato i carri armati Marder ordinati dall’Ucraina. “Stiamo agendo in coordinamento con i nostri amici nell’Unione Europea e nella NATO su questo tema”, ha detto Schultz. Nessuno dovrebbe andare avanti, nemmeno la Germania. “Sarebbe un grosso errore se la Germania giocasse un ruolo speciale”.

Leggi anche

Schulz ha anche affermato che la consegna di armi dovrebbe essere evitata di diventare un rischio per la sicurezza per la Germania se la NATO ne fosse priva. Ha anche detto che l’Ucraina voleva armi pesanti inutili. Bisogna “proteggersi dalle affermazioni che stiamo fornendo cose che non hanno uso militare”.

“Ora non è il momento delle scuse”.

“Ora non è il momento delle scuse, è il momento della creatività e del pragmatismo”, ha detto Barbock lunedì in Lussemburgo. Anche il capo del comitato di difesa del Bundestag Marie-Agnes Struck Zimmermann (FDP) ha cambiato la sua posizione sull’unione liberale WELT, ha dichiarato lunedì: “La Germania dovrebbe anche consegnare armi pesanti all’Ucraina, a condizione che l’esercito ucraino le utilizzi per difendersi con successo”, ha affermato lunedì il sindacato liberale WELT. “Anche la mia visione delle cose è cambiata nelle ultime settimane”.

READ  La Grecia si arma: combattenti francesi contro la Turchia

“Devi cambiare idea”, ha detto Struck-Zimmermann, data la brutalità della guerra. C’è solo una risposta che la Russia comprende: devi negoziare con Mosca, ma “ovviamente hai messo le mani sulla Colt”. Anche il capo del Comitato Europa del Bundestag, Anton Hofriter, ha cambiato rotta e ha chiesto la consegna di armi pesanti. Hofreiter è un sostenitore dei Verdi di sinistra, tradizionalmente pacifista. Il leader della fazione sindacale Friedrich Merz (CDU) ha recentemente chiesto la consegna di armi pesanti. Gli unici partiti attualmente in gran parte contrari all’unanimità a tale sostegno sono il Partito socialdemocratico, il Partito di sinistra e l’Alternativa per la Germania.

Il vicepresidente della commissione per gli affari esteri, Thomas Earndel (Csu), ha accusato il cancelliere di aver deliberatamente ritardato la consegna di armi pesanti. “La Germania deve essere all’avanguardia nella fornitura di armi pesanti”, ha affermato Arendl Welt. Stiamo assistendo a ritardi deliberati in Cancelleria sulle armi pesanti. Questo è insopportabile. Spero che vinca il ministro degli Esteri e che la Germania dia finalmente un contributo adeguato alla difesa dell’Ucraina”.

Armi per l’Ucraina: la nostra ricerca

Un politico straniero della CDU, Rodrich Keswetter, ha rilasciato una dichiarazione simile: “È troppo tardi, ma ora la Germania deve sostenere massicciamente l’Ucraina con armi pesanti e munizioni”, ha detto a WELT. “In questo modo, la Germania può aiutare l’Ucraina a sopravvivere alla guerra illegale iniziata dalla Russia e preservare la sua sovranità e il suo stato”, ha affermato Kizioter. “Se l’Ucraina cade, sarà a causa del supporto che è troppo tardi, quindi teme che la Russia lancerà una guerra contro altri paesi europei come la Moldova e gli stati baltici”.

READ  Corona live tape 17 gennaio: pandemia in Baviera - notizie da Rosenheim, Traunstein, Muldorf, Altötting e Berchtesgadner Land

Ordina più tipi di armi pesanti dall’Ucraina

Secondo una lettera del ministro della Difesa ucraino Oleksiy Resnikov al ministro della Difesa Christine Lambrecht (SPD), a disposizione di WELT, l’Ucraina ha già ordinato più tipi di armi pesanti di quanto precedentemente noto. Oltre a 100 obici semoventi e 100 veicoli da combattimento della fanteria Marder, l’Ucraina sta ordinando dal governo federale carri armati Leopard 1A5 e mezzi corazzati M113 G4. Inoltre, l’Ucraina nella lettera ha richiesto la consegna di carri armati antiaerei Gepard dalla compagnia di armamenti tedesca Krauss-Maffei Wegmann (KMW).

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Secondo il messaggio del ministro della Difesa, l’Ucraina ha ricevuto informazioni sulla presenza di armi pesanti dall’industria della difesa: “I rappresentanti dell’industria tedesca hanno espresso la loro disponibilità a vendere vari veicoli corazzati e attrezzature militari necessarie all’esercito ucraino”. Dopo l’inizio della guerra, solo le armi dell’inventario della Bundeswehr furono consegnate all’Ucraina.

READ  Dopo una telefonata con Merkel e Lukashenko - Battaglia alle frontiere esterne dell'UE - Politica all'estero

WELT aveva già riferito domenica dall’industria che il Ministero Federale della Difesa aveva saputo dall’inizio della guerra di centinaia di carri armati Leopard, Marder e Gepard che non erano più in uso dalla Bundeswehr o da altri eserciti. Il ministero di Lambrecht è a conoscenza di una parte significativa di queste scorte al più tardi dal 28 febbraio, come dimostra un elenco datato a questa data dalla più grande compagnia di armi tedesca Rheinmetall, di cui WELT ha già segnalato. Kiev è stata informata per la prima volta delle armi dell’industria il 31 marzo. Tutte le armi pesanti fornite dall’industria sono state rimosse dall’elenco.

Leggi anche

Guy Verhofstadt

Tuttavia, la Germania non ha ancora fornito all’Ucraina armi dalle fabbriche tedesche, nonostante il fatto che la Repubblica federale di Germania sia il quarto esportatore di armi al mondo. Le uniche esportazioni degne di nota di azioni industriali approvate dal governo federale fino ad oggi sono state i 5.100 missili anticarro Matador. Kiev li ha acquistati loro stessi da una fabbrica nel Nord Reno-Westfalia.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE Podcast di AppleE musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.