Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conferma della teoria dell'universo in espansione

Conferma della teoria dell'universo in espansione

A luglio 2019 è il momento: del telescopio spaziale Erosita (sta per: Extended Roentgen Survey with Imaging Telescope Array) è stato lanciato a bordo del satellite russo Spektrum-RG. Negli ultimi anni, il telescopio ha acquisito immagini a raggi X di molte galassie.

Gli scienziati del consorzio tedesco EROSETA guidato dall’Istituto Max Planck per la fisica extraterrestre (MPE) sono ora riusciti a Sono stati pubblicati i risultati della prima indagine del cielo a raggi X effettuata dal telescopio spaziale Aeroceta.

La missione ha prodotto misurazioni precise della quantità totale di materia nell'universo e ha supportato le teorie prevalenti sull'espansione dello spazio.

Lo stesso modello cosmico – dal Big Bang ad oggi

“Erosita ci dice che l'universo si è comportato come previsto nel corso della storia cosmica”, afferma il dottor Eroseta. Vittorio Gherardini, ricercatore post-dottorato presso MPE e responsabile dello studio cosmologico, in comunicato stampa Citato. “Non ci sono tensioni con la CMB – forse i cosmologi possono rilassarsi un po’ adesso”.

Inversione Scienze Anche Gherardini ha confermato questa affermazione. I nuovi risultati “farebbero sentire molto tristi molti teorici”, che ovviamente “avrebbero voluto scoprire qualcosa di nuovo”.

Le immagini a raggi X hanno permesso di trovare circa 12.000 “ammassi galattici”, che sono tra le strutture più grandi dell’universo. I ricercatori possono trarre conclusioni sulla composizione dell'universo dagli ammassi di galassie appositamente cercati e trovati.

I “parametri cosmologici” misurati dal team negli ammassi di galassie mostrano che “lo stesso modello cosmologico si applica da poco dopo il Big Bang fino ad oggi”, afferma il dott. Israa Bulbul dell'MPE.

La materia oscura e visibile costituisce il 29% della densità energetica

Secondo il cosiddetto modello lambda della materia oscura fredda, l’universo nei suoi primi anni era costituito da un mare di fotoni e particelle. Le osservazioni degli ammassi di galassie effettuate dal telescopio Aerosita mostrano che tutti i tipi di materia oscura e visibile attualmente costituiscono il 29% della densità energetica totale dell'universo. Questo valore concorda con i risultati dei calcoli precedenti con un grado di precisione molto elevato.

Aeroseta è stata coinvolta anche nella ricerca della massa dei cosiddetti neutrini. Queste sono piccole particelle create dal Big Bang.

Dato che i neutrini interagiscono raramente con altre particelle, misurarne la massa è molto difficile. Ma poiché sono presenti in tutto l’universo, la loro gravità influenza la distribuzione della materia. I valori di queste misurazioni sono coerenti anche con le stime del team AeroSita.

“Può sembrare paradossale, ma abbiamo trovato limiti stretti sulla massa delle particelle più leggere conosciute a causa dell’abbondanza dei più grandi aloni di materia oscura nell’universo”, spiega Gherardini.

Pubblicare i primi 2,5 anni di ricerca nei prossimi due anni

I ricercatori di Erosita sperano di poter migliorare la precisione delle misurazioni. Entro due anni verranno probabilmente pubblicati i rimanenti dati raccolti nei primi due anni e mezzo del periodo di osservazione.

I risultati di Aeroceta sono un precursore dei dati con cui altre istituzioni potranno lavorare tra qualche anno. Le indagini su larga scala dell'universo continueranno in futuro, tra cui il telescopio spaziale europeo Euclid e l'Osservatorio Vera C. Rubin.

Quasi fatto!

Clicca sul link nell'e-mail di conferma per completare la registrazione.

Desideri maggiori informazioni sulla newsletter? Scopri di più adesso