Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con Starfield, Bethesda crea ancora una volta un universo accattivante per i giocatori PC

Con Starfield, Bethesda crea ancora una volta un universo accattivante per i giocatori PC

Avviare una nuova attività è un’attività molto rischiosa. Chiunque nelle prime ore insulti accidentalmente i colleghi, distrugga una caffettiera o intasi un WC, può andarsene immediatamente.






A Starfield le cose sono un po’ diverse: ricominciamo come minatori per Argos, nelle profondità della superficie della luna Vectera, nell’anno 2330.

Non intasiamo la toilette della fabbrica, ma scopriamo un manufatto sotto una montagna di macerie. Quando lo tocchiamo, l’universo in qualche modo scorre attraverso di noi e sveniamo.

Cosa ci ha fatto il corpo misterioso, perché proprio noi lo abbiamo toccato? E soprattutto: cosa facciamo adesso?




Abbiamo ottenuto le nostre prime risposte poco dopo, alcuni pianeti di distanza, nella città di New Amsterdam, da un gruppo chiamato costellazione. Anche i membri non sanno molto, quindi abbiamo deciso di trovare più artefatti e conoscenze.

In Starfield controlliamo un personaggio che creiamo noi stessi nell’editor all’inizio del gioco. Oltre all’aspetto, prepariamo alcune abilità speciali, come abilità per fucili e pistole. Invece, sbloccheremo questi extra più tardi quando saliamo di livello.

Le prime sezioni e battaglie sulla Terra e nello spazio sembrano ancora un tutorial. Tuttavia, Starfield funziona molto più velocemente degli ultimi giochi dello studio di sviluppo Bethesda. Dopo mezz’ora o un’ora siamo già nel bel mezzo del gioco e viviamo avventure in un mondo enorme.

Controlliamo il nostro alter ego sia dalla prospettiva in prima persona che da una prospettiva esterna. Per prima cosa abbiamo eseguito la beta sul nostro PC con tastiera e mouse, che ha funzionato bene. Tuttavia, da allora siamo passati al gamepad perché lo troviamo un po’ più comodo anche nelle battaglie sparatutto in prima persona.

Con la nostra prima astronave e un compagno controllato dal computer siamo precipitati su un corpo celeste alieno. (Immagine: Bethesda/Screenshot: Golem.de) [1/17]

Durante la creazione del personaggio, scegliamo le prime abilità speciali. (Immagine: Bethesda/Screenshot: Golem.de) [2/17]

Le frecce sul terreno mostrano la strada per il prossimo obiettivo. (Immagine: Bethesda/Screenshot: Golem.de) [3/17]

Qui non si va oltre: i confini (invisibili) di un’area esterna. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [4/17]

Nel museo possiamo vedere un alieno in dettaglio. (Immagine: Bethesda/Screenshot: Golem.de) [5/17]

Con questa visione generale gestiamo i compagni. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [6/17]

Quello in basso a destra, che è molto sciolto nella tua mano, è il primo artefatto: la scena si svolge pochi minuti dopo l’inizio. (Immagine: Bethesda/Screenshot: Golem.de) [7/17]

Le armi nell’inventario sembrano molto dettagliate. (Immagine: Bethesda/Screenshot: Golem.de) [8/17]

Battaglia nello spazio con l’astronave. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [9/17]

Orientarsi nel sistema stellare non è facile. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [10/17]

Un percorso particolarmente elegante su una stazione spaziale (Foto: Bethesda/Screenshot: Golem.de) [11/17]

Non c’è molto che possiamo fare nella cabina di pilotaggio della nostra astronave: decollare o parcheggiare. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [12/17]

Nel corso del gioco potremo costruire la nostra nave. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [13/17]

In uno spazioporto combattiamo mostri alieni. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [14/17]

Le abilità nell’albero dei talenti possono essere aumentate in più fasi. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [15/17]

Il menu principale del nostro personaggio. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [16/17]

In una miniera oscura seguiamo un altro personaggio. (Foto: Bethesda / Screenshot: Golem.de) [17/17]


Una cosa che in precedenza avevamo immaginato diversamente era la struttura del mondo di Starfield. E questo è relativamente complesso: non esiste un mondo intero, ma tanti piccoli frammenti che vengono impressi nella memoria ancora e ancora.

Ci sono gli ambienti per le missioni vere e proprie, in cui sfrecciamo tra gelide stazioni di ricerca, caverne di mostri alieni, stazioni spaziali, edifici bancari e parchi di divertimento.

Video: Starfield – Trailer (giugno 2023)
[3:08]

In queste aree ci impegneremo in scontri a fuoco per progredire nella storia principale e nelle missioni secondarie. C’è molta varietà e molto da scoprire, comprese alcune aree insolite, che non vogliamo rovinare qui.

Il secondo tipo di ambiente sono le città. Il punto è New Amsterdam, che si compone di diversi livelli individuali. Qui e durante il gioco vediamo regolarmente schermate di caricamento, ma solo per un po’: non c’è da meravigliarsi che il programma richieda esplicitamente un SSD anche con i requisiti minimi.