Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Coltivazione sperimentale di pomodori con vitamina D in Inghilterra

Gli scienziati del John Innes Centre nel Regno Unito hanno utilizzato la tecnologia di ingegneria genetica Crispr/Cas9 per modificare i pomodori in modo da arricchire i frutti e le foglie con la vitamina D. Le prime prove sul campo inizieranno a giugno. Se gli inglesi allenteranno le nuove regole di ingegneria genetica come previsto, i pomodori probabilmente arriveranno presto sul mercato. I critici dell’ingegneria genetica dubitano che possa davvero fornire alle persone vitamina D.

I pomodori contengono naturalmente quantità molto piccole di 7-deidrocolesterolo. La sostanza è anche chiamata provitamina D3 perché la vitamina D3 si sviluppa da essa quando esposta ai raggi ultravioletti. Durante la ricerca sui processi metabolici nei pomodori, gli scienziati hanno scoperto che un enzima converte il 7-deidrocolesterolo in altre sostanze vegetali, gli esculeosidi. I pomodori aiutano a combattere parassiti e agenti patogeni. Il team del John Innes Center (JIC), guidato dalla professoressa Cathy Martin, ha ora utilizzato CRISPR/Cas9 per silenziare il gene che produce questo enzima. Di conseguenza, il 7-deidrocolesterolo si è accumulato nelle foglie e nei frutti delle piante di pomodoro manipolate, mentre il contenuto di escoglicosidi è diminuito in modo significativo.

Se i pomodori così modificati vengono esposti ai raggi UV (che è ciò che il sole dovrebbe fare all’aperto), il 7-deidrocolesterolo nel frutto viene convertito in vitamina D3. In uno studio pubblicato su Nature Plants, i ricercatori del JIC hanno stimato che si consumerebbe la stessa quantità di vitamina D con tali pomodori come consumando due uova o 28 grammi di tonno. Inoltre, la vitamina D3 presente nelle foglie può essere convertita in integratori alimentari. Pertanto, i pomodori sono adatti a sopperire alla carenza di vitamina D, che, secondo lo studio, colpisce un miliardo di persone. Altre piante strettamente correlate che condividono la stessa via metabolica, come melanzane, patate e peperoni, possono anche essere sintetizzate per sintetizzare la vitamina D usando questo metodo, afferma un comunicato stampa del JIC. In particolare durante la pandemia di Corona, è diventato chiaro quanto sia importante per la salute un buon livello di vitamina D.

READ  Cambiamenti climatici: come il sole e i vulcani riscaldano la vita e la conoscenza del nostro pianeta

La disattivazione del gene non ha avuto un effetto negativo sulla crescita, lo sviluppo e la produttività delle piante, secondo l’esperimento in serra dello studio. Resta da vedere se questo vale anche per il dominio. Il Munich Testbiotech Institute avverte che l’integrazione dell’ingegneria genetica nel suo meccanismo di protezione potrebbe rendere i pomodori più suscettibili a malattie e parassiti. Devono essere studiate anche altre interazioni con l’ambiente. Nel caso del pomodoro stesso, è opportuno accertare se l’interferenza abbia alterato inavvertitamente componenti o interrotto altre vie metaboliche. Infine, Testbiotech osserva che la concentrazione di vitamina D nei pomodori può variare notevolmente a seconda della varietà e delle condizioni ambientali. Sulla rivista Nature, gli scienziati hanno commentato che sono necessarie ulteriori ricerche sulla stabilità della vitamina nei pomodori durante la conservazione o la lavorazione. Dovrebbe anche essere chiarito quanto bene il corpo umano può assorbire la vitamina dai pomodori. Testbiotech scrive che è impossibile assumere una dose affidabile in questo modo.

Al fine di identificare i potenziali rischi per la salute o l’ambiente in una fase iniziale, l’istituto chiede che i rischi di queste piante modificate dal genoma siano esaminati in dettaglio. I nuovi pomodori sono semplicemente superflui: “Gli scaffali dei supermercati sono già pieni di ottime fonti di vitamina D: dal pesce grasso, uova e carne rossa ai cereali fortificati e una serie di integratori”, afferma Liz O’Neill, CEO di organizzazione anti-OGM GM Freeze. L’aggiunta di “pomodori misteriosi” non risolverà il problema della carenza di vitamina D perché la malnutrizione è il risultato della povertà e di una dieta viziata. “Abbiamo bisogno di un cambiamento sistemico, non di ketchup geneticamente modificato”, ha detto O’Neill. [lf/vef]

READ  Ha resuscitato "virus zombi" di 50.000 anni in laboratorio