Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Circa quindici missionari americani sono stati rapiti da una folla a Port-au-Prince

Circa 15 missionari statunitensi sono stati rapiti sabato pomeriggio (16 ottobre) da una folla in un’area urbana a est di Port-au-Prince, ha detto Agence France-Presse all’agenzia France-Presse (AFP) una fonte della sicurezza haitiana.

Quindici e diciassette missionari, bambini compresi, sono nelle mani della banda armata, che da mesi sta aumentando il numero di rapimenti e furti tra la capitale haitiana e il confine con la Repubblica Dominicana, indizi che avrebbero potuto essere citati sabato sera se il domanda di riscatto non è stata rilasciata.

Per saperne di più L’articolo è riservato ai nostri abbonati Haiti: dopo il terremoto, un affare debole per le bande di Martiண்டில்nd

“Il benessere e la protezione dei cittadini americani all’estero è una delle nostre priorità nel Dipartimento di Stato. Siamo a conoscenza di queste informazioni e al momento non abbiamo nulla da aggiungere”., ha detto all’AFP un portavoce del governo degli Stati Uniti.

Sabato mattina, una banda nota come i “400 maoisti” ha dirottato diversi veicoli dalle autostrade che controllavano e ha rapito cittadini americani e un numero imprecisato di cittadini haitiani. Fonti della sicurezza hanno riferito all’AFP che i missionari e le loro famiglie stavano rientrando in un orfanotrofio a circa 30 chilometri a est della capitale haitiana. Per alcuni membri dell’organizzazione religiosa con sede in Ohio, questo è il primo viaggio ad Haiti.

Nel centro, i residenti di Port-au-Prince camminano lungo una strada deserta tra due sparatorie tra bande ad Haiti nel dicembre 2019.

Aumento dei rapimenti

Da anni i gruppi armati che controllano i distretti più poveri della capitale haitiana hanno esteso la loro autorità a Port-au-Prince e dintorni, dove hanno aumentato il numero di rapimenti malvagi.

Secondo il Centro per l’analisi e la ricerca sui diritti umani con sede nella capitale haitiana, nei primi tre trimestri del 2021 sono stati registrati più di 600 casi contro i 231 dello stesso periodo del 2020.

READ  I voli dall'Italia e dalla Germania aprono la rotta per l'Olanda

Le bande non esitano a chiedere decenni di salario alle famiglie delle vittime che vivono al di sotto della soglia di povertà, chiedendo a volte riscatti superiori a 1 milione di dollari.

La maggior parte delle donne rapite da bande criminali subisce abusi sessuali e stupri, e le organizzazioni per i diritti umani condannano l’inerzia della polizia haitiana.

Prima del rapimento di sabato, i sindacati e le imprese di Port-au-Prince hanno chiesto uno sciopero a tempo indeterminato da lunedì per protestare contro il clima sempre più insicuro.

Per anni una profonda crisi politica ha paralizzato lo sviluppo socio – economico di Haiti. Il 7 luglio, un commando armato ha assassinato il presidente Joval Moss nella sua casa privata e ha fatto precipitare i Caraibi nell’incertezza.

Mondo con AFP