Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciò che preoccupa nelle dichiarazioni di Trump sulla NATO è ciò che stanno facendo all’Ucraina

Ciò che preoccupa nelle dichiarazioni di Trump sulla NATO è ciò che stanno facendo all’Ucraina

Al: 13 febbraio 2024 alle 10:29

Anche in Ucraina, i commenti di Trump sulla NATO vengono seguiti da vicino – e tra le preoccupazioni per l’aggressione russa. Ma ci sono anche ricordi positivi del suo mandato.

Di Sabine Adler, Radio Germania

Il fatto che Donald Trump ammiri il presidente russo Vladimir Putin, e voglia addirittura mano libera contro i paesi della NATO, e che Trump abbia dato la Crimea alla Russia perché lì la gente parla russo, tutto questo è presente in Ucraina.

“Quando Trump era il primo presidente, non eravamo nella situazione critica di guerra in cui ci troviamo adesso, e non avevamo bisogno di un sostegno militare così forte”, preoccupa la giornalista investigativa Tetana Nikolajenko. Senza armi, questo conflitto non resterà semplicemente stagnante come prima.

“Sopravvivere fino a novembre”

La deputata Ivana Klembusz-Zintsadze è d'accordo. Nei recenti attacchi aerei russi su Kiev e altre città, l’esercito ucraino è diventato sempre meno intercettabile nei confronti dei missili. “Dobbiamo soprattutto sopravvivere fino a novembre”. Le elezioni americane di novembre sono tanto lontane dalla realtà quanto le state vivendo voi. “Non puoi pianificare fino alla prossima settimana”, dice.

Tuttavia, l’esperto di politica estera non sta fissando come un coniglio un serpente se Trump verrà rieletto. Nonostante le sue minacce, non ha brutti ricordi di lui. Nel suo primo mandato, ha consegnato missili anticarro Javelin a Kiev per partecipare alla guerra nell’Ucraina orientale, a differenza del suo predecessore Barack Obama.

D'altra parte, Trump, in qualità di presidente, voleva ricattare il neoeletto presidente Volodymyr Zelenskyj affinché indagasse sul figlio di Biden, Hunter. Ciò ha portato a una procedura di impeachment contro Trump, che ha scatenato la sua frustrazione nei confronti dell’Ucraina.

L’opposizione ucraina si sente emarginata

Klympush Zynsadze, ex vice primo ministro ucraino, ritiene che una buona comunicazione a tutti i livelli della politica americana sia più importante che mai. Ma poiché appartiene all'opposizione parlamentare, non ha potuto presenziare. Il suo partito Solidarietà Europea è membro di due organizzazioni partitiche internazionali: il Partito popolare europeo e l'Unione democratica internazionale: “A dicembre avremmo voluto partecipare all'incontro annuale internazionale a Washington D.C., ma non abbiamo potuto”, ha affermato la portavoce di ha detto il nostro partito ucraino: “Il Parlamento non ce lo permetterebbe”.

Quindi hanno perso l’opportunità di unire le forze per ottenere il sostegno internazionale per l’Ucraina. Ma Zelenskyj sembra preferire assumersi questo compito da solo. L’opposizione si sente emarginata, qualcosa a cui oppone resistenza. “Non spiegano nemmeno il motivo per cui non ci è permesso viaggiare. Ecco perché, come altri del gruppo, sto intraprendendo un'azione legale contro il presidente del Parlamento”.

Rasmussen vuole le cose in fretta Garanzie di sicurezza

La vulnerabile Ucraina ha bisogno di garanzie di sicurezza e Zelenskyj ha incaricato il capo del suo ufficio presidenziale, Andriy Yermak, e l’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen di un gruppo di lavoro internazionale che dovrebbe includere paesi di tutto il mondo. La Gran Bretagna è stata il primo paese a garantire la sicurezza all’Ucraina, e la Germania potrebbe presto seguire.

Rasmussen ha detto recentemente a Kiev che spera che le garanzie di sicurezza siano messe in atto entro il vertice NATO di luglio a Washington – e prima della convention repubblicana in cui sarà scelto il loro candidato presidenziale. Non ha nascosto di essere favorevole all’invito dell’Ucraina a questo vertice, anche se i critici hanno detto che non avrebbe potuto diventarne membro finché la guerra fosse continuata. “Ma questo dà a Putin un incentivo a continuare la sua guerra e un veto di fatto”, ha continuato Rasmussen. Ha aggiunto: “Non dovrebbe essere lui a decidere l'adesione alla NATO, perché il cinese Xi Jinping concluderà che se Putin prende la Crimea, può prendere Taiwan”.

“Gli ho quasi sparato.”

Un'operazione del genere suscita speranza in Ucraina, inclusa Titana Nikolajenko, l'avvocato inquirente che ha dovuto sopportare lei stessa 20 giorni di soldati russi a Chernihiv. “Hanno quasi sparato loro. Semplicemente perché erano ubriachi e volevano sapere dove fossero i soldati ucraini.”

L’ucraino ha imparato cosa significava l’occupazione russa e cosa avrebbe significato per l’intero paese.