Febbraio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

C’è una minaccia di un’inversione di tendenza nei prezzi del petrolio e del gas

C’è una minaccia di un’inversione di tendenza nei prezzi del petrolio e del gas
  1. Pagina iniziale
  2. un lavoro

creatura:

da: Matteo Schneider

Focus sui mercati dell’energia – ogni due settimane su Merkur.de © Michael Kappeler

Settimana dopo settimana, i prezzi dell’energia nei mercati europei sono in calo e offrono buone opportunità di stoccaggio. Tuttavia, quest’anno è improbabile che sia così economico come prima della crisi: gli esperti prevedono prezzi più alti per gas, elettricità e oli da riscaldamento.

Monaco – luce e gas-
Tariffe sotto freno di prezzo, gasolio da riscaldamento a meno di 1 euro: l’energia è economica come lo era prima della guerra in Ucraina e offre ai consumatori la possibilità di riprendersi dai prezzi record del 2022. Ma i prezzi bassi e gli efficaci freni ai prezzi dell’energia non dovrebbero smorzare la fiducia dei consumatori di sicurezza: il prossimo inverno è già deciso ormai.

Gas

I prezzi del gas attualmente conoscono solo un modo: verso il basso. Il costo di un megawattora sul mercato all’ingrosso è ora di circa l’80 per cento inferiore a quello di settembre a meno di 45 euro. Tobias Federico, capo dell’agenzia di consulenza Energie-Brainpool, ritiene che, visti gli impianti di stoccaggio del gas pieni (circa il 70 per cento), sia possibile un ulteriore calo dei prezzi: “Da un punto di vista puramente tecnico, c’è un minimo di 40 euro per megawatt / ora, ovvero i costi di produzione e trasporto fuori dagli Stati Uniti. Tuttavia, molti degli sviluppi positivi sono già stati valutati: “Penso che il potenziale ribasso sia inferiore al potenziale rialzista”.

Ma è improbabile che vada così male come il 2022: “Se lasciamo il periodo di riscaldamento con un livello di riempimento di 60 punti percentuali, non credo che vedremo prezzi estremi”. Quest’anno, a medio-lungo termine, prevede contratti a tariffa al consumo tra i 40 ei 60 euro.

Nel frattempo, Ciaran Rowe, analista senior di GNL presso il servizio di notizie S&P Global, ritiene che anche con un inverno normale, i prezzi aumenteranno in modo significativo: “Le nostre previsioni indicano che i prezzi nel mercato dei fondi europei (TTF) aumenteranno durante tutto l’anno e in mesi inverni 30 euro in più rispetto ai prezzi odierni da 45 a 50 euro per megawattora. Ciò corrisponde a un aumento di circa il 60 per cento. “Ciò è dovuto sia a fattori stagionali sia alla mancanza di ulteriori forniture di GNL al mercato globale”, spiega Rowe.

Nonostante l’effetto di smorzamento dei prezzi dei nuovi terminali tedeschi, saranno ancora più costosi in Europa che nell’importante area di concorrenza tra Giappone e Corea: “I prezzi dovrebbero essere inferiori qui nel mercato dei derivati ​​almeno rispetto al mercato europeo dei fondi fino al 2028.”

Già nel 2022, gli importatori europei dovevano offrire prezzi competitivi per battere la concorrenza dell’Asia orientale. Tobias Federico: “Abbiamo tre incertezze per l’inverno: la ripresa economica in Asia, il loro inverno e il nostro”. Oltre al minimo tecnico di 40 euro per MWh, esiste anche un’economia di mercato basata sull’Asia orientale. Federico: “Se l’inverno è freddo nell’emisfero settentrionale, penso che il livello di 80 euro sarà normale nei prossimi anni”.

■ Consigli ai consumatori

Alcuni esperti prevedono che i prezzi del gas torneranno a salire al più tardi per la seconda metà dell’anno. Data la situazione attuale, sarebbe logico proteggersi da ciò con un contratto a prezzo garantito per la prossima stagione di riscaldamento. Perché l’estensione del freno ai prezzi dell’energia oltre la fine dell’anno non è stata ancora decisa. Dalla primavera del 2024, nuove capacità di GNL possono rimescolare le carte nel mercato globale. Attualmente ci sono tariffe di manodopera di poco più di undici centesimi per chilowattora e quindi sotto un freno ai prezzi. Sono possibili ulteriori diminuzioni dei prezzi, ma ci sono anche rischi dovuti al mercato del GNL piuttosto volatile.

elettricità

I prezzi dell’elettricità dipendono ancora molto dai prezzi del gas. «Attualmente ce ne sono 150, ma questo ha a che fare anche con i prezzi elevati della CO2 e dei certificati di gas naturale», spiega Tobias Federico. La questione del gas solleva anche implicazioni come il phase-out del nucleare tedesco ad aprile: “Considero la chiusura delle centrali nucleari di poca importanza in termini di prezzo”. L’elettricità è attualmente disponibile per meno di 36 centesimi per chilowattora, ben al di sotto del prezzo del freno.

carburante

I prezzi internazionali del petrolio sono ancora su un plateau relativamente economico, dall’inizio dello scorso febbraio il prezzo del barile (159 litri) non ha superato gli 87 dollari. I prezzi del gasolio, che è un precursore del gasolio da riscaldamento e del gasolio, sono attualmente relativamente bassi. Tuttavia, sembra che il mercato europeo dipenda ancora dalle riserve: secondo il servizio di informazione Insight Global, i porti olandesi sono stati addirittura inondati di gasolio da riscaldamento alla fine di febbraio e i magazzini erano più pieni rispetto a due anni fa: di conseguenza, le importazioni di gas petrolio – che è l’introduzione al gasolio e al gasolio da riscaldamento – per la quarta settimana consecutiva, mentre le spedizioni di gasolio da riscaldamento sono aumentate del 10% questa settimana. Secondo il rapporto, grandi quantità di olio combustibile provenivano, tra l’altro, dalla Grecia. La famiglia di Helen ha fatto scorta di olio da riscaldamento russo a gennaio.

Dall’inizio di febbraio, oltre al greggio russo, sono stati sanzionati gasolio e gasolio da riscaldamento. Gli importatori europei stanno attualmente accumulando scorte per attutire gli effetti delle sanzioni. La linea di fondo è che le condizioni per i prodotti di raffineria, in particolare l’olio da riscaldamento, sono le più favorevoli possibile.

Oltre al rischio di esaurimento delle scorte di prodotti di raffinazione, gli esperti sono preoccupati per il mercato del greggio: la Russia vuole tagliare la sua produzione a marzo, ritirando così lo 0,5 per cento della sua capacità dal mercato globale. A questo si aggiunge la ripresa economica in Cina. Il gruppo OPEC + oil production aveva già chiarito di non voler aumentare le proprie capacità produttive. Tutto sommato, gli analisti prevedono un prezzo compreso tra $ 95 e $ 100 al barile di greggio nel corso dell’anno, che è circa il 10% in più rispetto a oggi.

. Consiglio ai consumatori

Con l’avanzare dell’anno, le scorte di stoccaggio europee, la ripresa della domanda nell’Asia orientale ei vincoli di produzione nei paesi dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) suggeriscono che i prezzi saranno superiori al livello odierno. L’olio da riscaldamento è attualmente disponibile a 101 centesimi al litro. A gennaio era ancora sopra 1,20€. La speculazione di prezzi più bassi è possibile, ma ci sono poche prove di un tale sviluppo. Quindi può essere opportuno ricaricare i serbatoi alla fine del periodo di riscaldamento.

riscaldamento a pellet

Nel flusso dei combustibili fossili, i prezzi dei pellet di legno hanno continuato la loro tendenza al ribasso. Non molto tempo fa il prezzo per tonnellata era di 500 euro, ma a Monaco attualmente è di 332 euro.