Maggio 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Produzione alimentare minacciata: l’Italia è minacciata da una nuova siccità estiva

Produzione alimentare minacciata: l’Italia è minacciata da una nuova siccità estiva

L’agricoltura è stata particolarmente colpita nella Pianura Padana, una delle aree più importanti d’Europa per la produzione alimentare. La siccità dello scorso anno è costata agli agricoltori italiani sei miliardi di euro. Un terzo della produzione totale italiana è a rischio anche quest’anno, secondo l’associazione agricola Coldretti.

Dopo il 2007, 2012 e 2017, lo scorso anno si è verificata la quarta siccità in Emilia-Romagna e Veneto. Anche l’estate del 2023 sarà caratterizzata da una forte siccità? Luca Mercalli, presidente dell’Associazione meteorologica italiana, dice: “L’ultima speranza è la pioggia in primavera”.

Il livello dell’acqua è molto basso

I livelli delle acque di fiumi e laghi nel nord Italia non sono buoni. “Il Po, fonte della nostra agricoltura nel nord Italia, è molto basso, in alcuni punti tre metri sotto il normale”, dice Francesco Giardina. Anche i livelli dell’acqua nei laghi dell’Italia settentrionale sono diminuiti drasticamente. Il Lago di Garda e il Lago Maggiore sono attualmente al 39 percento dei loro livelli normali per questo periodo dell’anno.

Sulla costa occidentale vicino a Manerba di Garda è attualmente possibile raggiungere a piedi l’Isola dei Conigili, cosa impossibile quando il livello dell’acqua è normale. A Venezia ci sono gondole sulla terraferma lungo piccoli canali. Non solo non ha piovuto quest’inverno, ma c’è pochissima neve. Durante lo scioglimento primaverile, fiumi e laghi si riempiono di acqua di disgelo, di solito. Negli ultimi mesi, nelle Alpi italiane è caduto il 53% di neve in meno rispetto alla media a lungo termine, ha avvertito il gruppo ambientalista Legambiente.

I politici italiani hanno infatti capito che bisogna agire. Il governo di Mario Draghi, in carica fino a ottobre, ha già finanziato la costruzione di 10.000 bacini per immagazzinare l’acqua piovana. Per questo si stimano 3,2 miliardi di euro fino al 2030. Nell’ambito degli aiuti corona dell’UE, il denaro dovrebbe essere investito per prevenire future siccità. Tuttavia, dei 10.000 laghi artificiali previsti, solo 223 sono stati completati, il che corrisponde al due percento. Tutte le posizioni devono ancora essere determinate. Gli espropri sono necessari in alcuni luoghi e tutto questo richiede tempo.

Ostacoli burocratici

“Dobbiamo prendere subito le armi”, chiede Massimo Gargano dell’associazione per la tutela delle acque ANBI. Ora per spendere i soldi. “Servono un piano idrico nazionale, regole coerenti, un organo unico che prenda le decisioni”. Tre ministeri sono responsabili dell’acqua: Infrastrutture, Ambiente e Agricoltura. Ci sono conflitti meritocratici e ostacoli burocratici. “Se vogliamo ridurre al minimo le gravi conseguenze, dobbiamo agire immediatamente”, afferma Gargano.

Oltre all’agricoltura, anche le centrali idroelettriche sono interessate. A causa della mancanza d’acqua, alcune centrali del Trentino non possono funzionare. «Alcune centrali sono fuori servizio perché gli invasi devono garantire un minimo di acqua», spiega Mario Donina dell’amministrazione provinciale. I bacini idrici in Trentino sono pieni solo al 34 per cento. “Spero che ci sia pioggia o altra neve per garantire acqua potabile, irrigazione agricola e energia idroelettrica”, dice Tonino.

In caso contrario, può ripetere l’appello dell’anno scorso: “Risparmia acqua!” I cittadini, le imprese e le comunità dovrebbero essere incoraggiati a utilizzare l’acqua come risorsa, che sta diventando sempre più preziosa.