Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cambio di politica monetaria: la Banca centrale europea lascia scadere il programma di emergenza

Stato: 16.12.2021 15:26

Dopo la Fed, anche la Banca Centrale Europea ha iniziato a uscire dalla sua politica monetaria molto espansiva. I tassi di interesse rimarranno invariati, ma il programma di emergenza pandemica terminerà a marzo. I banchieri centrali in Europa prevedono un aumento dell’inflazione.

La Banca centrale europea (BCE) porrà fine al programma di acquisto di obbligazioni da trilioni di dollari lanciato durante la pandemia alla fine di marzo del prossimo anno. Così ha deciso oggi il Consiglio direttivo. Nei primi tre mesi, le acquisizioni legate alla crisi continueranno nel 2022, anche se a un ritmo più lento rispetto alla fine dell’anno.

Affinché non ci siano turbolenze di mercato in primavera dopo il ritiro dell’assistenza alla crisi del programma di emergenza PEPP, che è fissata per un totale di 1,85 trilioni di euro, la Banca centrale europea sta creando una transizione attraverso il suo programma di acquisto più piccolo recentemente rivisto chiamato APP: gli acquisti da questo vecchio programma di 20 miliardi di euro al mese saranno raddoppiati a 40 miliardi di euro nel secondo trimestre del 2022 e poi ridotti a 30 miliardi di euro nel terzo trimestre.

Quindi gli acquisti di obbligazioni continueranno, ma su scala molto più ridotta. Con il programma PEPP in scadenza, il più recente è stato di quasi 90 miliardi di euro al mese.

Nessun aumento di prezzo in vista

Da ottobre del prossimo anno la velocità di acquisto sarà ridotta a 20 miliardi di euro – e mantenuta per tutto il tempo necessario a stimolare l’economia.

L’Asset Purchase Program (APP) è stato introdotto a metà dell’ultimo decennio come pilastro dell’economia. L’uscita graduale dalla situazione di crisi avviene sullo sfondo di un rapido aumento dei prezzi. A novembre, l’inflazione nell’eurozona ha toccato un record del 4,9 per cento.

READ  Orari di apertura dei supermercati di Capodanno: Aldi, Lidl e Edeka sono aperti

È altamente improbabile che i tassi di interesse vengano aumentati nel 2022

La Banca centrale europea non ha alcuna speranza di porre fine all’APP. Poiché questo è un prerequisito per l’aumento dei tassi di interesse, un aumento dei tassi l’anno prossimo sembra improbabile. Come previsto, oggi la banca centrale ha lasciato il tasso di interesse di riferimento allo 0,0 percento. È improbabile che questo cambi l’anno prossimo. “Un aumento dei tassi nel 2022 è improbabile nelle condizioni attuali”, ha dichiarato la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde durante la conferenza stampa dopo la riunione del consiglio dei governatori della banca centrale.

In totale, la Banca centrale europea ha finora investito oltre tre trilioni di euro nell’acquisto di titoli di stato e titoli societari al fine di stimolare l’economia nell’eurozona e stabilizzare i paesi del sud carichi di debiti.

Quasi il doppio dell’inflazione elevata prevista

A differenza di Jerome Powell, presidente della Federal Reserve statunitense, il presidente della BCE Lagarde vede ancora l’inflazione come un fenomeno temporaneo. Lagarde ha affermato che esiste un “potenziale” rischio di inflazione più elevata, ma che l’inflazione si ridurrà l’anno prossimo. È probabile che anche i prezzi dell’energia si stabilizzino nel 2022.

Secondo le previsioni presentate oggi, le autorità monetarie prevedono un aumento dei prezzi del 3,2% per il prossimo anno. Nelle previsioni presentate a settembre avevano ipotizzato l’1,7 per cento. Per il 2023, la Banca centrale europea prevede ora un tasso di inflazione dell’1,8 per cento nell’area della moneta comune. Secondo la Banca Centrale Europea, l’inflazione quest’anno sarà del 2,6%. A settembre, la banca centrale ha ipotizzato il 2,2 per cento.

READ  DAX - Outlook giornaliero: Gap Down di 200 punti!

L’obiettivo della Banca centrale europea è infatti un tasso di inflazione del 2%. Ma negli ultimi mesi, i prezzi al consumo in tutto il mondo sono saliti alle stelle. A novembre, l’inflazione nell’eurozona è salita al 4,9 per cento.

Mantieni aperto il campo di lavoro

Lagarde ha anche difeso la politica monetaria espansionistica in corso e ha affermato che sebbene la produzione economica sarà più forte nel primo trimestre del prossimo anno rispetto a prima della pandemia, la situazione rimarrà complessivamente fragile, quindi la politica monetaria deve sostenere l’economia – cioè molto bassi tassi di interesse e acquisti Altre obbligazioni – saranno ancora necessarie. La variante Omikron può avere un effetto mitigante su richiesta. Questo è uno dei motivi per cui la banca centrale vuole mantenere il maggior margine di manovra possibile per le sue azioni.

Secondo le ultime previsioni della Banca centrale europea, l’economia nell’eurozona crescerà del 5,1 per cento quest’anno. E gli esperti della Banca centrale prevedono che per il prossimo anno la produzione economica aumenterà del 4,2 per cento. Nel 2023 il PIL dovrebbe crescere del 2,9%.