Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cambiamenti climatici: lo scioglimento dei ghiacciai sposta il confine tra Italia e Svizzera

Cambiamento climatico
Il ghiacciaio Theodul si scioglie, cambiando il confine nazionale tra Svizzera e Italia

Una romantica vista panoramica sul ghiacciaio Lower Theodul e sul Cervino

© Ruth Tomlinson / Picture Alliance

Il cambiamento climatico sta cambiando la geografia. I politici in genere non si preoccupano di questo. Tuttavia, in un caso speciale, lo scioglimento del ghiacciaio Theodul sta ora causando un dibattito politico.

Lusio Tucco, titolare del Rifugio Teodulo, deve chiedersi da che parte sta davvero in questi giorni. Svizzera o Italia? Ciò è dovuto al ghiacciaio del Theodul, nei pressi del quale si trova il rifugio, che in realtà si trova sul versante italiano. Il ghiacciaio si sta sciogliendo da decenni, spostando i confini nazionali tra Svizzera e Italia.

La prima linea di confine correva attraverso una spartiacque di drenaggio. Un luogo in cui l’acqua di disgelo scorre verso una terra su entrambi i lati di una montagna. Al momento della sua costruzione nel 1984, il Rifugio Theodulo era interamente in territorio italiano. Ma quando il ghiacciaio si scioglie, due terzi del rifugio, inclusi 40 posti letto e un ristorante, si trovano ora nella Svizzera meridionale.

Lo scioglimento dei ghiacciai non è davvero una questione politica

Alain Wicht è Chief Border Officer presso l’autorità svizzera di cartografia Swisstopo ed è responsabile di 7.000 punti di confine lungo il confine di 1.935 chilometri tra la Svizzera interna e Austria, Francia, Germania, Italia e Liechtenstein. Tra il 1973 e il 2010, il ghiacciaio Theodul ha perso quasi un quarto della sua massa. Ha esposto la roccia sotto il ghiaccio, ha cambiato la falda freatica e ha costretto i due vicini a ridisegnare una sezione di 100 metri del loro confine. Secondo Wickt, un processo è del tutto naturale e di solito regolato senza politici.

Ora che il piccolo rifugio è coinvolto, però, le cose si sono complicate in quanto aggiunge “valore economico” ad un Paese che normalmente dipende dal turismo. I colleghi italiani di Wicht hanno rifiutato di commentare “per la complicata situazione internazionale”.

Ma anche in questi casi c’è una soluzione semplice, dice al “Guardian” l’ex boss di Suistobo Jean-Philippe Amstein. I paesi interessati scambiano terre della stessa area e valore. Ma in questo caso, dice, “la Svizzera non era interessata a prendere parte del ghiacciaio” e “gli italiani non potevano compensare la perdita della parte svizzera”.

La Svizzera e l’Italia hanno da tempo una disputa di confine

Nel 2018 c’erano già colloqui diplomatici al confine. Tuttavia, all’epoca si trattava di una stazione della funivia che doveva essere costruita a pochi metri dal comprensorio sciistico più grande del mondo. Entrambe le parti hanno concordato il 2021 a Firenze. Tuttavia, i dettagli sono ancora riservati e rimarranno tali fino a quando il governo svizzero non approverà la decisione. Secondo il Guardian, ciò non accadrà prima del 2023.

Buone notizie per il 51enne custode del rifugio. Il ritiro rimane italiano in quanto il proprietario è sempre italiano. “Il menu è italiano, il vino è italiano e la linea è italiana”, dice.

Solo sulle mappe di Swisstopo la fascia rosa piena del confine svizzero appare inizialmente come una linea tratteggiata mentre attraversa il rifugio.

Fonte: “Guardiani”

cl

READ  Dalla Germania all'Italia: questi hotel sono ecologici, ma comunque fantastici