Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bundesliga: Dopo Nagelsmann le cose sono andate male

Bundesliga: Dopo Nagelsmann le cose sono andate male

Il nome di Julian Nagelsmann ha messo in ombra tutto all’Hoffenheim dall’11 febbraio 2016 fino alla sua partenza per l’RB Lipsia nel giugno 2019. Rimanendo in campionato, non è riuscito per un pelo a qualificarsi per la Champions League contro il Liverpool, ma dodici mesi dopo è stato accettato nella massima serie finendo Terzo posto in Bundesliga – I Kraichgauer hanno letteralmente battuto gli avversari e per la prima volta l’euforia è stata tanta come dopo la promozione nel 2008.

Dopo la partenza di Nagelsmann, il TSG è scomparso dagli occhi del pubblico

Con la partenza di Nagelsmann, TSG è gradualmente scomparso dagli occhi del pubblico. Anche Alfred Schröder e Sebastian Hoeneß hanno ottenuto un’ottima serie di punti e sono riusciti a raggiungere una volta l’Europa League. Tuttavia, l’euforia – certamente anche a causa del periodo cupo durante la pandemia di Corona – non è stata più così presente da allora, le cose sono andate silenziosamente peggiorando.

Il direttore sportivo del TSG Alexander Rosen (a destra) ha lavorato con successo con Julian Nagelsmann (a sinistra).

Alexander Rosen lavora all’Hoffenheim dal 2010. Il direttore sportivo ne ha passate tante in questi 13 anni, conosce il club a fondo e ha superato diverse crisi.

In un’intervista esclusiva con Sport1 “Abbiamo dimostrato più volte di cosa siamo capaci in termini di sport, non solo nella fase attuale ma anche negli ultimi anni – ha affermato l’autocritico Rosen. – Purtroppo ci è mancata coerenza, soprattutto nel ultime due stagioni”. Il direttore sportivo si interroga: “Forse il pubblico non ci ha visto bene per questa mancanza di sostenibilità. “Dopo l’inizio di maggior successo nella storia della Bundesliga, ora le cose sembrano un po’ diverse.”

La bancarotta, tra tutte le cose, ha cambiato l’umore

Il problema della mancanza di coerenza può essere meglio illustrato dallo staff tecnico di Andre Breitenreiter. Dopo dieci partite, la scorsa stagione la squadra si è classificata quarta in Champions League con 17 punti. Breitenreiter ha poi raccolto solo due punti in nove partite ed è caduto dalla classifica. Dopo la sconfitta per 2:5 a Bochum, il club ha ritirato il Ripcord e ha insediato Pellegrino Matarazzo. L’allenatore ha iniziato con una dolorosa serie di sconfitte ed è stato presto sotto gli occhi del pubblico. Anche una breve pausa non sembrava fuori discussione.

Ma è stata la sconfitta contro il Friburgo a provocare un grande cambiamento di umore e un improvviso miglioramento per l’Hoffenheim. “La sconfitta per 2-1 nella seconda metà della stagione contro il Friburgo è stata l’inizio della partita”, ricorda Rosen. “Lì abbiamo fatto una prestazione davvero buona, ma abbiamo dovuto comunque subire il gol decisivo poco prima della fine e così i nostri quinta sconfitta consecutiva. Tuttavia, questa partita è stata un vero incoraggiamento e in definitiva un punto di svolta. La sportività in campo era adeguata e c’erano molti tifosi del TSG a Friburgo – un chiaro segno che tutti sono vicini gli uni agli altri in questo situazione complicata È ancora possibile sentire questa atmosfera positiva.

Il TSG Hoffenheim ha finalmente un motivo per festeggiare di nuovo

Il TSG Hoffenheim ha finalmente un motivo per festeggiare di nuovo

Rosen era completamente convinto da Matarazzo

Quella che seguì fu una gara a cui all’epoca era difficile credere. Matarazzo e la sua squadra hanno segnato 18 punti su 30 possibili nelle ultime 10 partite e hanno così assicurato con sicurezza il girone. Il TSG ha continuato la sua corsa quasi senza intoppi dopo la pausa estiva, raccogliendo 15 punti nelle prime sette giornate di partite. Nemmeno il TSG ha visto un simile inizio sotto Nagelsmann. Stranamente, è tornato a Kraichgau senza di lui.

Rosen ha elogiato Matarazzo per il suo lavoro: “La Renault è rimasta assolutamente calma e stabile anche dopo la serie di sconfitte all’inizio del suo mandato con noi. Ma questo non valeva solo per lui. Non importa quanto grandi fossero le battute d’arresto, eravamo pienamente convinti che avremmo superato questa difficile situazione.” Dopo la vittoria contro l’Hertha Berlino abbiamo preso velocità e finalmente ci siamo assicurati il ​​nostro posto in campionato con una straordinaria vittoria casalinga contro l’Union Berlino nel turno 33.

“La squadra è cambiata appositamente per creare spazio per cose nuove”

La svolta dell’Hoffenheim non può essere attribuita solo alla fortuna o al caso. Deriva anche da una politica di trasferimenti intelligente e ben ponderata. Kraichgauer ha perso persone esperte come Sebastian Rudy, Ermin Pecakic, Thomas Delaney, Angelino e Christoph Baumgartner. Tuttavia, questa volta Rosen non ha ricavato alcun profitto dal trasferimento e ha rivelato: “Abbiamo deciso deliberatamente di dare un po’ di respiro alla squadra e siamo andati avanti costantemente con i cambiamenti. Non si è mai trattato di questioni di colpa, ma volevamo specificamente cambiare la situazione”. volto della squadra per creare spazio per cose nuove.” .

Nonostante le numerose partenze e aggiunte, ha deliberatamente evitato la parola rottura: “Stabilizzatori decisivi come Oliver Baumann, Andrej Kramaric, Grisha Brummel e Pavel Kaderabek rimangono pilastri importanti della nostra squadra – in campo e nello spogliatoio”.

Maximilian Pierre ha un grande futuro davanti a sé

Tuttavia, l’Hoffenheim ha agito in modo più coraggioso nel mercato dei trasferimenti, spendendo quasi 40 milioni di euro per Merjim Berisha, Attila Szallai e Anton Stach. “Non funziona solo con i giocatori giovani, ma solo con il giusto mix. Ed è esattamente quello che volevamo ottenere ristrutturando la rosa nell’ultima finestra di mercato. Penso che abbiamo trovato davvero un buon mix per noi in momento”, ha detto Rosen, una delle persone che Un primo esempio di questa giusta combinazione è Maximilian Pierre.

Il 20enne è tornato all’Hoffenheim dopo un prestito di due anni dall’Hannover 96 ed è attualmente il capocannoniere tedesco della Bundesliga dopo Leroy Sane con cinque gol. Rosen ha sorriso ed elogiato: “Chi dice seriamente che si aspettava questa quota e una prestazione così elevata da Maxi così in fretta, probabilmente non dice la verità”. “Sapevamo e sappiamo che Maxi Pierre è un superuomo e un attaccante di grande talento. È incredibilmente veloce, pericoloso e sa calciare bene. Il suo periodo all’Hannover è stato molto positivo per lui, quindi il prestito di due anni è stato vantaggioso per tutti. tutti, grazie alla sua volontà incondizionata e al suo stile rinfrescante come giocatore ha un grande futuro davanti a sé”.

Nagelsmann pioniere del marchio “Made in Hoffenheim”.

Nagelsmann, in qualità di allenatore della nazionale, sarà presto di nuovo presente alla Prezero Arena grazie a Pierre? Sarà felice che il suo ex club sia di nuovo di umore molto migliore, anche senza di lui, quattro anni dopo la sua partenza.

E Rosen è ovviamente orgoglioso che Nagelsmann sia passato dalla fabbrica dei talenti dell’Hoffenheim all’allenatore della nazionale: “Julian, come molti allenatori, esperti e giocatori del calcio di alto livello, è ‘Made in Hoffenheim’. È sicuramente un simbolo di questo prezioso sigillo e penso che sia la persona perfetta per l’allenatore della Nazionale”.

In ogni caso, il gruppo tecnico gli è pienamente d’accordo: “Ciò di cui Julian e la nostra Nazionale hanno bisogno ora è un supporto completo, e lo otterremo sicuramente da noi”. Quindi l’umore nella squadra della DFB sarà buono come lo è adesso. A Hoffenheim è così.