Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Brochure Società Aste Brigate Rosse Romane – Panorama

Si comprende l’interesse di alcuni collezionisti. Una casa d’aste romana mette all’asta sul proprio sito web fino al 18 gennaio documenti su una delle epoche più buie della storia italiana del dopoguerra. -Gli estremisti dell’ala hanno confessato il rapimento della Brigata Rose, l’allora leader del Partito Democratico Christiana ed ex primo ministro del paese, Aldo Moro, nel marzo 1978. La campagna di due pagine e 80 righe risuona ancora nelle orecchie degli italiani come un’eco drammatica degli anni principali. La casa d’aste scrive che il documento è “in ottime condizioni” e presenta “bei strappi nei bordi centrali e nelle pieghe”.

Prezzo di partenza 600 euro. Pochi giorni dopo, l’offerta massima è stata di 11.000, il che ha suscitato grande indignazione nel paese. Cosa cerca un documento del genere in un’asta? Non è in un archivio, in un museo, in un monumento? Ed è permesso: fare soldi attraverso una confessione terroristica?

Prima nel 1978. Moro è stato una figura chiave della politica italiana, negoziando uno storico compromesso con i comunisti: i vecchi acerrimi rivali Democratici Cristiani e Bardito Comunista Italiano devono governare insieme. Questo progetto, che non è stato ancora realizzato, non è piaciuto a tutti. Il 16 marzo 1978, poco dopo mezzogiorno, l’Armata Rossa attaccò il convoglio di auto di Moro a Roma. Uccisero cinque guardie del corpo e rapirono Moro. Quarantotto ore dopo, un giornalista ha trovato un volantino con il logo in cinque punti dell’organizzazione con una foto polaroid del politico nel sottopassaggio “Comunicato n. 1” nel centro della città. Nelle prossime settimane, in una fase in cui i negoziati non erano ancora del tutto illuminati, sarebbero seguite altre otto dichiarazioni.

Il 20 aprile 1978 i rapitori inviarono una foto per dimostrare che Moro era vivo. Il 9 maggio è stato trovato morto nel bagagliaio di un’auto.

(Foto: Image-Alliance / DPA)

Il 9 maggio 1978 Moro viene trovato morto nel bagagliaio di un’auto in via Catani. Ha 61 anni.

“Abbiamo già dimenticato l’orrore?”

La paura dell’Italia per Moro, durata 55 giorni, è iniziata nel volantino. Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. La casa d’aste lo pubblicizza come “originale” ma il nome è un po’ confuso. Brigade Rose ha utilizzato la macchina da scrivere elettrica IBM con la testa a sfera per i suoi volantini e ha scelto il carattere sfumato di luce. C’erano nove copie del primo rapporto, copiate a buon mercato con un vecchio duplicatore rotante che funzionava con stampini di carta cerata e poteva stampare solo versioni molto piccole alla volta. Tuttavia, il testo è lungo 81 righe, non 80 come nella presente copia. Nei giorni successivi le Brigate Rosse hanno distribuito decine di copie in tutta la città, alcune delle quali non è stato subito chiaro se provenissero dalla stessa macchina. 41 di loro sono nel fascicolo dell’inchiesta “Moro Uno”.

Italia: la prima pagina di un affidavit di due pagine è ora all'asta.

La prima pagina della lettera di responsabilità di due pagine è ora all’asta.

(Foto: Bertolami Fine Art)

Quindi la casa d’aste non mente nel definire il documento come originale, è uno dei tanti.

“C’è sangue su queste pagine”, dice il giornalista Mario Calabresi. Le Brigate Rosse giustificarono la strage durante il rapimento, che non era semplicemente un monumento storico. Mario Calapreci, figlio del commissario Luigi Calapreci, assassinato dai terroristi nel 1972. Attualmente sta valutando l’acquisto di una lettera al Gaza Della Memorial, un museo commemorativo in Prussia. “Abbiamo già dimenticato l’orrore?”

I politici di tutti i campi vedono l’asta come una critica simile; Il coro è una volta unanime. Come i ricordi del leader fascista Benito Mussolini, vengono presentate emozioni malate e ha sempre attirato una folla di collezionisti. L’offerta è raddoppiata poiché è stata avanzata la richiesta di fermare l’asta “Comunicato n. 1”.

READ  PS Miracle dall'Italia - Nuova Hypercar Elettrica: Pininfarina Batista Testata