Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Box confermato: la scoperta di un unico piccolo buco nero nella Via Lattea

Due gruppi di ricerca hanno concluso in modo indipendente che nel 2011 il telescopio spaziale Hubble ha trovato la traccia del primo buco nero solitario nella Via Lattea. Tuttavia, entrambi i gruppi hanno fornito valori diversi per l’oggetto, che potrebbe anche essere una stella di neutroni. Il gruppo guidato da Casey Lamm e Jessica Lu dell’Università della California, Berkeley, presume in realtà di aver scoperto un buco nero con una massa compresa tra 1,6 e 4,4 volte la massa del nostro Sole. Potrebbe essere il primo dei 200 milioni di sospetti noti per essere nella nostra galassia. Un altro gruppo di ricerca ha prodotto una massa di 7,1 Sole.

Entrambi i team hanno esaminato una stella che era diventata significativamente più luminosa per un periodo di tempo significativamente più lungo nel 2011. Questo è stato il risultato del cosiddetto effetto microlensing, in cui un oggetto di fronte alla stella assicura che i suoi raggi di luce siano piegati via a noi in modo tale che la stella appaia più luminosa o ingrandita rispetto alla Nostra. La luminosità del 2011 era una delle cinque luminosità che un altro team ha affermato non era causata da un buco nero. Questo ha reso Lam e Lou curiosiPerché, se fosse vero, hanno scritto, i modelli esistenti per il numero di buchi neri così isolati dovrebbero essere adattati. In poche parole, è improbabile che uno qualsiasi dei cinque eventi possa essere attribuito all’esistenza di un buco nero.

Infatti, un’attenta analisi dei dati ha suggerito che almeno una delle osservazioni fosse dovuta a un buco nero – MOA-2011-BLG-191/OGLE-2011-BLG-0462. Il più indicativo era la durata della luminosità, con modelli che suggerivano che tali buchi neri isolati avrebbero dovuto dare origine a molti più di 120 giorni di luminosità – OB110462 è durato 270 giorni. Utilizzando ulteriori dati astrometrici del telescopio Hubble, Lamm Luo ha scoperto che l’apparente cambiamento di posizione della stella dovuto alla lente sottile era ancora misurabile dieci anni dopo. Poi hanno confermato che la colpa era di un buco nero stellare. Poiché un tale oggetto deve avere una massa di almeno 2,2 soli, non possono nemmeno escludere la presenza di una stella di neutroni.

READ  Usando gli ultrasuoni contro il cancro al fegato - la distruzione parziale del tumore da parte degli ultrasuoni fa scomparire completamente il cancro

Stella luminosa

(Immagine: NASA, ESA, K Sahu (STScI) e J DePasquale (STScI))

Ciò rende più probabile che OB110462 sia effettivamente un buco nero che viaggia da solo e quindi difficile da rilevare attraverso la Via Lattea. Ciò è stato determinato per la prima volta da un team dello Space Telescope Science Institute e il loro lavoro precedentemente pubblicato è stato ora accettato per la pubblicazione su The Astrophysical Journal. Spread Lam e Lu la loro analisi Nelle lettere del diario astrofisico. Il fatto che i loro risultati per le proprietà dell’oggetto differiscano tra loro è dovuto alla diversa interpretazione dei dati. Ciò si traduce anche in diverse informazioni sulla distanza e la velocità del buco nero. Ulteriori analisi dovrebbero mostrare chi ha ragione.


(mo)

alla home page