Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bielorussia: Merkel ha contattato Lukashenko in merito alla situazione alle frontiere esterne dell’Unione Europea

NSAngela Merkel (CDU) ha parlato al telefono con il governatore della Bielorussia Alexander Lukashenko alla luce del crescente bisogno di diverse migliaia di migranti alle frontiere esterne dell’Unione europea tra Polonia e Bielorussia. La televisione di stato bielorussa ha riferito lunedì sera nella capitale, Minsk, come commentato dal portavoce della Merkel Stephen Seibert, secondo l’Agence France-Presse.

Secondo la televisione bielorussa, la conversazione è durata circa 50 minuti. Si è anche discusso su come prevenire un’escalation della situazione alla frontiera. Si trattava anche di sostegno umanitario ai migranti bloccati nella zona di confine.

Nel frattempo, gli Stati Uniti si preparano a imporre nuove sanzioni alla Bielorussia. Lunedì, il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Ned Price ha affermato che le sanzioni saranno eseguite “in stretto coordinamento con l’Unione europea e altri partner e alleati”. Ha parlato dell’approccio “disumano” della leadership a Minsk.

Lukashenko ha affermato che il conflitto di confine sarebbe “estremamente dannoso per noi”.

Lukashenko aveva detto in precedenza che il suo paese stava cercando di riportare i migranti al confine bielorusso-polacco nei loro paesi di origine. Si sta facendo un lavoro attivo per convincere le persone a tornare a casa. “Nessuno vuole tornare indietro”, ha detto Lukashenko lunedì dall’agenzia di stampa ufficiale Belta.

Anche la Bielorussia vuole “nessuna disputa sui confini” con la Polonia. Belta ha citato il governatore della Bielorussia dicendo che questo è stato “molto dannoso per noi”. La crisi dei rifugiati non dovrebbe trasformarsi in un “conflitto”. Migliaia di persone, soprattutto dal Medio Oriente, sono attualmente bloccate nella zona di confine bielorusso-polacca a temperature intorno allo zero.

Allo stesso tempo, ha affermato che la Bielorussia potrebbe accettare un’offerta dalla città di Monaco di Baviera per il trasporto di rifugiati in Germania con la compagnia aerea bielorussa Belavia se la Polonia non fornisse un “corridoio umanitario”. “Li manderemo a Monaco di Baviera con i nostri aerei privati, se necessario”.

Immigrati in Bielorussia

Bambini che guardano il confine bielorusso-polacco da un campo profughi

Fonte: dpa / Henadz Zhinkov

Nel frattempo, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha chiesto che tutti i rifugiati siano rimandati nei loro paesi di origine. Ha rifiutato l’ingresso in Germania. Questo è un segnale importante per la Bielorussia e per i potenziali falsari, “che l’Unione europea non può essere ricattata”.

Belavia ha imposto il divieto di voli da Dubai alla Bielorussia per le persone provenienti da Siria, Iraq, Afghanistan e Yemen. Belavia ha annunciato domenica che la mossa è arrivata su richiesta degli Emirati Arabi Uniti. Nel frattempo, il governatore bielorusso Alexander Lukashenko ha annunciato che si sta lavorando “attivamente” per riportare i rifugiati bloccati nella regione di confine con la Polonia nei loro paesi di origine – e allo stesso tempo ha annunciato che alle persone sarebbe stato permesso di recarsi a Monaco “se necessario”.

La compagnia aerea privata siriana Cham Wings Airlines aveva precedentemente sospeso i suoi voli per la Bielorussia a causa della crisi dei rifugiati. Inoltre, il governo turco ha vietato alle persone provenienti da Siria, Iraq e Yemen di recarsi in Bielorussia. Il traffico aereo tra Baghdad e Minsk era già stato sospeso ad agosto.

L’Iraq vuole rimpatriare gli iracheni dalla Bielorussia giovedì con il suo primo volo privato. Un portavoce del ministero degli Esteri a Baghdad ha detto domenica sera alla televisione di stato irachena che il ritorno è volontario. Il suo governo ha appreso circa 750 iracheni bloccati al confine bielorusso in condizioni meteorologiche difficili. Tuttavia, ci sono altri migranti iracheni difficili da raggiungere nelle foreste lungo il confine.

Migranti in un campo di fronte al confine bielorusso-polacco.  Vuole molto restare

Migranti in un campo di fronte al confine bielorusso-polacco. Vuole molto restare

Questi: AP / Oksana Manchuk

Il portavoce del ministero degli Esteri gli ha assicurato che il governo di Baghdad stava anche cercando di impedire ad altri iracheni di recarsi in Bielorussia. Ad esempio, il lavoro del console bielorusso a Baghdad e nella città di Erbil, nel nord dell’Iraq, si è fermato affinché i visti non vengano rilasciati.

Nel frattempo, i ministri degli esteri dei paesi dell’Unione Europea hanno adottato un nuovo strumento di sanzioni contro coloro che sono coinvolti nel traffico di migranti in Bielorussia. Il Consiglio degli Stati membri ha annunciato lunedì che l’Unione europea sarà ora in grado di prendere di mira le persone e le istituzioni che aiutano il regime bielorusso a sfruttare le persone per scopi politici.

Leggi anche

giovani_persone_IMG_20211112_114624_

La dirigenza dell’ex Repubblica sovietica di Bielorussia è accusata di introdurre deliberatamente migranti nel Paese per poi condurli ai confini con Polonia, Lituania e Lettonia per recarsi nell’Unione europea. Si sospetta che il governatore Alexander Lukashenko voglia vendicare le sanzioni imposte dall’Unione Europea per la repressione della società civile e dell’opposizione democratica.

Niente più aerei per le compagnie aeree bielorusse

Il nuovo strumento sanzionatorio sarà utilizzato contro la compagnia aerea statale bielorussa, tra le altre compagnie. In futuro, non dovrebbe più essere consentito l’utilizzo di macchine di società europee che noleggiano aeromobili. L’obiettivo è che la Belavia non sarà più in grado di trasportare molte persone da paesi poveri o in conflitto in Bielorussia per essere contrabbandate nell’Unione europea.

Le società di noleggio di aeromobili che hanno noleggiato macchinari a Belavia includono la società danese Nordic Aviation Capital e l’irlandese AerCap. Secondo le informazioni provenienti dagli ambienti dell’Unione Europea, recentemente la compagnia Belavia ha noleggiato più della metà degli aerei che utilizzava solo.

Leggi anche

Polonia Immigrazione Bielorussia

Secondo i diplomatici, il nuovo strumento di sanzioni mira a prendere di mira dozzine di persone e aziende come primo passo. Oltre a Belavia, si dice che tra questi ci siano tour operator e membri dell’apparato governativo bielorusso coinvolti nel contrabbando.