Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bella o milionario? – Lufthansa vaglia l’ingresso in Italia

L’Italia è da decenni un paese ambito dai manager delle compagnie aeree tedesche e questo amore non è molto ricambiato. Ma ora ci sono segnali crescenti che il Gruppo Lufthansa potrebbe fondersi molto presto con la compagnia aerea di stato Ita a Francoforte e Roma. Nel monopolio delle compagnie aeree dopo aver superato la crisi della corona, il successore di Alitalia sembra un obiettivo attraente. “Bella Italia” non è solo una destinazione attraente per i viaggiatori di tutto il mondo, ma anche un mercato redditizio e redditizio per le startup, spiega Andreas Jahnke, consulente di Accenture.

Poco prima di Natale, il nuovo governo di destra guidato da Georgia Meloney ha steso il tappeto per il Granich Group. Secondo il decreto, Ita dovrebbe andare solo a una compagnia aerea che ha il pieno controllo del business operativo, anche con una quota di minoranza. Successivamente, si è vociferato più volte sui media che Lufthansa avrebbe potuto inizialmente fare un’offerta per circa il 40% della quota. In discussione importi compresi tra 200 e 350 milioni di euro.

Il capo della Lufthansa Karsten Spohr era felice di sentire le offerte del governo, ma alla fine i tedeschi nell’Italia politicamente instabile vogliono di più. Idealmente, un accordo a tenuta stagna su come prendere le azioni rimanenti – o una comoda clausola di uscita. Jahnke dice: “Bisogna anche fare attenzione ai rischi di cambiare le stelle politiche in Italia e di allontanarsi dagli impegni precedenti. Quindi una piena acquisizione e dismissione da qualsiasi intervento dello Stato italiano sarebbe una soluzione migliore”.

L’ex primo ministro italiano Mario Draghi una volta descrisse il leggendario predecessore di Ita, Alitalia, come “costosi cugini” che devono ancora arrendersi. In effetti, la compagnia aerea esclusiva del Papa è malata da decenni. Non registra profitti dal 2002 e ha dichiarato bancarotta l’ultima volta nel 2017. Oltre ai miliardi di sussidi ripetutamente approvati, anche i fondi degli investitori di Arab Etihad e Air France-KLM si sono ritirati.

READ  Guerra in Ucraina: la Polonia vuole fornire carri armati Panther - Sì, se non tedeschi

Il successore Ita, attivo da ottobre 2021, è stato potenziato dal governo dopo diversi fallimenti di Alitalia, ma al momento è solo in perdita. Con solo un buon quarto del personale a bordo, la flotta Airbus di 66 aeromobili sarà ampiamente rinnovata e ampliata a 104 jet. Ita ha recentemente affermato di voler assumere circa 1.200 nuovi dipendenti, rendendola più grande della compagnia aerea svizzera, che è allora la più grande e redditizia filiale di Lufthansa.

Il mercato a sud delle Alpi è uno dei mercati più venduti in Europa. Il predecessore di Spohr, Wolfgang Mayrhuber, aveva già tentato di fondare la neonata “Lufthansa Italia” contro Alitalia nel 2009, momento in cui è stata privatizzata. Dopo pesanti perdite, nel 2011 Air Dolomiti, controllata di Lufthansa, è stata l’unica compagnia aerea a trasferire passeggeri dal ricco nord Italia a Monaco. Non senza successo: l’Italia è il secondo mercato estero più importante per Lufthansa, dopo gli Usa, come insiste sempre Spor. Ora, prima dell’acquisizione, Crane trasportava più passeggeri dagli Stati Uniti all’Italia che alla Germania.

Di certo Lufthansa non è mai stata vicina all’ingresso in Italia, afferma Jürgen Krumdunker, consulente di Prologis. A suo avviso, Spore dovrebbe correre il rischio solo con una quota di maggioranza per affrontare seriamente le “riforme veramente necessarie e la ristrutturazione in ritardo dell’ITA”. Dopo gli anni del Corona, Lufthansa non può più permettersi un nuovo cimitero di milioni, quindi deve evitare l’influenza politica più esigente.

Una cosa che parla a favore di Lufthansa è che il gruppo ha già integrato le ex società statali nella sua struttura multi-hub: dopo la ristrutturazione, la svizzera Lufthansa è diventata una perla di fatturato tra le filiali. Brussels Airlines, il successore austriaco e belga della Sabena, non è stata semplicemente eliminata: anche gli aeroporti di Vienna, Zurigo e Bruxelles hanno mantenuto molti voli a lungo raggio.

READ  Italia contro l'ingerenza del Cremlino: la proposta elettorale di Medvedev suscita indignazione

A proposito, Brussels Airlines ha rilevato la compagnia di Francoforte in un’operazione in due fasi, che ora potrebbe essere pianificata anche in Italia. Insieme al primo 45 percento, il gruppo aveva un’opzione per acquisire il resto delle azioni in un secondo momento. La compagnia belga è interamente di proprietà di Lufthansa dal 2017.

Spore ha pubblicizzato che se Ita fosse stata acquisita, Roma sarebbe diventata un hub, soprattutto per l’Africa e il Sud America. Tuttavia, il governo italiano non dovrebbe aspettarsi molta potenza dell’hub, afferma Gerald Wissel della società di consulenza aeronautica Airborne. “L’aeroporto di Roma può gestire solo voli di lungo raggio con un numero sufficiente di passeggeri provenienti dal proprio bacino di utenza. Non è previsto il trasferimento da altri centri del gruppo. »

Tuttavia, la struttura centrale del gruppo, mantenuta per motivi politici, ha da tempo raggiunto i suoi limiti di complessità. Wissel consiglia di avere una visione più ampia: “Lufthansa dovrebbe utilizzare l’acquisizione di Ita come un’opportunità per diventare un vero gruppo aereo europeo. Per fare ciò, le singole società devono essere controllate più centralmente.