Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Battaglione speciale per gli ucraini?: La Russia dovrebbe permettere ai prigionieri di guerra di combattere per loro – obietta Kiev

Battaglione speciale per gli ucraini?: La Russia dovrebbe permettere ai prigionieri di guerra di combattere per loro – obietta Kiev

Battaglione speciale per gli ucraini?
La Russia dovrebbe permettere ai prigionieri di guerra di combattere per loro, cosa a cui Kiev si oppone

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Si dice che circa 70 prigionieri di guerra ucraini abbiano cambiato schieramento e stiano prestando servizio al fronte per la Russia. Lo riferiscono i media statali russi. Tuttavia, così facendo, la Russia commette anche un altro crimine di guerra.

La Russia ha inviato un gruppo di prigionieri di guerra ucraini in prima linea in Ucraina per combattere al fianco della Russia. Secondo i media ufficiali russi, i soldati ucraini sarebbero affiliati al Ministero degli Interni della Repubblica popolare di Donetsk in un battaglione separato chiamato “Bohdan Khmelnytskyi”. Si dice che ora abbiano partecipato alla loro prima battaglia contro le forze ucraine vicino a Orozhayny.

Così facendo, la Russia ha commesso un altro crimine di guerra, ha detto Das Istituto per lo Studio della Guerra (ISW). Le Convenzioni di Ginevra vietano l'utilizzo dei prigionieri di guerra in attività militari da parte della parte che li ha catturati. Pertanto nessun prigioniero di guerra potrà essere inviato o detenuto in zone dove potrebbe essere esposto al fuoco in una zona di combattimento, né potrà essere utilizzato in lavori insalubri o pericolosi.

L’intelligence ucraina ha affermato che il Cremlino stava semplicemente affermando che un battaglione russo di prigionieri di guerra ucraini era ora schierato sul fronte. Il portavoce Andrey Yusov ha detto al Kyiv Post che si trattava di un'altra campagna di disinformazione.

Comandante russo?

I primi rapporti sul battaglione sono apparsi mesi fa. Circa 70 prigionieri di guerra hanno prestato giuramento di fedeltà alla Russia e ora combattono dalla parte russa, ha riferito RIA Novosti. Si dice che il comandante sia un ex comandante di carri armati ucraini. Tuttavia, un consigliere del sindaco della città occupata di Mariupol sostiene che il comandante è in realtà russo. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

L’esercito russo ha invaso l’Ucraina più di 22 mesi fa. Crimini di guerra, come gli abusi e l’uccisione di prigionieri di guerra ucraini da parte di soldati russi, hanno ripetutamente attirato l’attenzione internazionale. Casi di prigionieri di guerra russi maltrattati da soldati ucraini sono stati documentati anche dalle Nazioni Unite, tra gli altri.