Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Barbock in Cina: il ministro degli Esteri vuole sottolineare “una comune convinzione europea”.

Barbock in Cina: il ministro degli Esteri vuole sottolineare “una comune convinzione europea”.

BIl ministro degli Esteri tedesco Analina Berbock è arrivato giovedì nella città portuale di Tianjin per un’attesissima visita inaugurale in Cina. Nella città a sud-est della capitale, Pechino, il politico del Partito dei Verdi ha voluto, tra l’altro, frequentare le lezioni in una scuola partner di Bash e visitare un’azienda tedesca che produce turbine eoliche. I colloqui politici centrali si terranno venerdì a Pechino. Dato il sostegno della Cina alla guerra del presidente russo Vladimir Putin in Ucraina e alla situazione a Taiwan, la visita sarà probabilmente una delle missioni diplomatiche più difficili nello Stato di Barbock. L’esibizione militare della Cina, usata per intimidire Taiwan e mettere in guardia contro gli sforzi per l’indipendenza, mette in ombra la visita di Barbock.

La Cina ha recentemente aumentato la pressione militare sulla Repubblica Democratica dell’isola con un maggiore dispiegamento di navi da guerra e aerei vicino a Taiwan. Anche dopo che le principali manovre di tre giorni si sono concluse lunedì, 26 aerei e sette navi militari sono stati nuovamente rilevati entro un giorno giovedì mattina, ha riferito il Ministero della Difesa di Taipei. 14 aerei hanno attraversato la linea mediana non ufficiale precedentemente rispettata nello stretto di Taiwan ed sono entrati nella zona di controllo aereo di Taiwan (ADIZ).

Berbock vuole sottolineare “una comune convinzione europea” durante la sua visita in Cina

Prima della sua visita, Burbock ha confermato che avrebbe esplorato le opportunità per una futura collaborazione e avrebbe ridotto il rischio di dipendenza unilaterale. La Germania non ha interesse al “disaccoppiamento economico”, ha detto il politico dei Verdi mercoledì sera prima di partire per Pechino, “ma dobbiamo dare uno sguardo più sistematico ai rischi delle dipendenze unilaterali e ridurli”. “Ciò è particolarmente vero alla luce dello scenario orribile di un’escalation militare nello Stretto di Taiwan, attraverso il quale passa ogni giorno il 50% del commercio mondiale”.

Durante la sua visita, sottolineerà la “comune convinzione europea” che il cambiamento unilaterale dello status quo nello Stretto di Taiwan e l’escalation militare non saranno accettabili. Brubock ha inoltre spiegato che per la Germania “molto dipende dal fatto che riusciremo a trovare il giusto equilibrio nelle nostre future relazioni con la Cina”.

Dalla divisione politica tra la Cina continentale e Taiwan nel 1949, Pechino ha visto l’isola come un territorio separatista che vuole riunire alla terraferma, se necessario con la forza militare. Il commento di Burbock potrebbe anche essere letto come un riferimento a una controversa dichiarazione del presidente francese Emmanuel Macron, che è stata in parte interpretata come un suggerimento che l’UE potrebbe rimanere neutrale se la Cina attaccasse Taiwan.

Leggi anche

Qualche giorno fa, dopo una visita di Stato in Cina, Macron ha avvertito che l’Europa sarebbe diventata un “vassallo” della questione Taiwan. “La cosa peggiore è pensare che noi europei siamo seguaci e dobbiamo adattarci al ritmo americano e alla reazione eccessiva cinese”, ha detto il capo dello Stato in un’intervista al quotidiano britannico The Guardian. WELT è un partner di pubblicazione POLITICO e due giornalisti francesi Giornale Les Echos.

Le osservazioni di Macron hanno suscitato aspre critiche nei paesi occidentali. D’altra parte, i media statali cinesi hanno elogiato il presidente francese. Mercoledì Macron ha nuovamente sottolineato l’indipendenza della Francia. “Essere un alleato non significa essere un seguace”, ha detto Macron ad Amsterdam, riferendosi agli Stati Uniti. La Francia ha il “diritto di pensare con la propria testa”.

“Responsabilità speciale per la pace nel mondo”

Nel frattempo, Burbock ha annunciato che vorrebbe parlare anche di diritti umani e protezione del clima durante la sua visita in Cina. La Cina è il più grande emettitore mondiale di anidride carbonica e il leader di mercato nelle energie rinnovabili. Il Paese è allo stesso tempo partner, concorrente e rivale sistematico dell’Unione Europea. “La direzione che l’ago oscillerà in futuro dipende anche dal percorso scelto dalla Cina”, ha affermato. Durante la sua visita ha voluto farsi un’idea del percorso che stava intraprendendo la nuova leadership di Pechino – “anche in vista della tensione tra controllo politico e apertura economica”.

Alla luce del sostegno di Pechino al presidente russo Vladimir Putin, il viaggio di Berbock sarà probabilmente una delle missioni diplomatiche più difficili della sua presidenza finora. Burbock ha sottolineato che la Cina, in quanto membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha una responsabilità speciale per la pace mondiale. Ha detto che il ruolo della Cina nell’influenzare la Russia “avrà ripercussioni per l’intera Europa e per le nostre relazioni con la Cina”. Burbock ha aggiunto che porre fine alla guerra “il prima possibile, in modo duraturo e giusto” è “in cima alla mia agenda a Pechino”.

Leggi anche

Gli Stati Uniti vogliono imporre sanzioni alle esportazioni di semiconduttori in Cina

Giovedì il ministro degli Esteri si recherà per la prima volta nella città portuale cinese di Tianjin. Nel sud-est della capitale, Pechino, vuole prendere lezioni in una scuola partner a Bash e visitare un’azienda tedesca che produce turbine eoliche. Previsto anche un incontro con il ministro degli Esteri cinese Qin Gang.

I colloqui politici centrali si terranno venerdì a Pechino. Barbock incontrerà anche altri funzionari governativi e rappresentanti di aziende tedesche.

Burbock si recherà in Corea del Sud sabato. Come prima in Cina, questa è la sua visita inaugurale. Secondo le informazioni, Berbuck visiterà prima la zona smilitarizzata tra la Corea del Sud e la Corea del Nord, quindi terrà colloqui a Seoul, anche con funzionari governativi e rifugiati della Corea del Nord. Domenica Berbock si recherà in Giappone per partecipare alla riunione dei ministri degli Esteri del G7.

La Cina chiede all’esercito di aumentare l’addestramento

Nel frattempo, il leader cinese Xi Jinping ha invitato i militari a intensificare l’addestramento per “vere e proprie operazioni di combattimento”. Xi ha detto ai marines, secondo un rapporto dell’emittente statale cinese CCTV, che l’Esercito popolare di liberazione dovrebbe “difendere risolutamente la sovranità territoriale e gli interessi marittimi e mantenere la stabilità nelle periferie”.

Tra sabato e lunedì, l’esercito cinese si è allenato per circondare Taiwan e attaccare “obiettivi chiave” con una grande manovra. Martedì Taiwan ha visto ancora navi da guerra al largo delle sue coste.

“Pechino vuole un mondo che non riguardi i valori, ma le sfere di influenza”

La Cina si sente provocata da Taiwan. In risposta, la Repubblica popolare cinese conduce manovre al largo di Taiwan. I commenti del presidente francese Macron su Taiwan avevano precedentemente suscitato indignazione. Caroline Torzer, responsabile della politica estera, riferisce sulla situazione tesa nella regione indo-pacifica.

La manovra è arrivata in risposta a un incontro tra il presidente taiwanese Tsai Ing-wen e il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Kevin McCarthy che ha fatto arrabbiare la Cina. Tsai ha incontrato il terzo funzionario statunitense durante una visita negli Stati Uniti.

Dopo le controverse osservazioni del presidente francese Emmanuel Macron riguardo al conflitto su Taiwan, il politico straniero della CDU Norbert Röttgen ha implorato Burbock di restare dalla Germania alla Cina su un percorso europeo senza restrizioni. Il ministro degli Esteri tedesco deve allineare incondizionatamente il governo federale a questa linea europea. Se ci fossero dei dubbi al riguardo, si aggiungerebbe al danno fatto da Macron, ha detto Röttgen del “Rheinisch Post” e del “Generale Anzeiger” a Bonn (giovedì).

Leggi anche

Il presidente francese Emmanuel Macron.  L'autrice del WELT Carolyn Torzer

opinione Le dichiarazioni di Macron

Il rappresentante di Taiwan in Germania, Xie Jie, ha dichiarato a Tagesspiegel (giovedì): “Soprattutto prima delle recenti osservazioni di Macron, spero che la signora Berbock, nota per essere una sostenitrice dei valori liberali, parli chiaramente a Pechino e le assicuri che La Germania rifiuta qualsiasi tentativo da parte della Cina di risolvere la questione di Taiwan con la forza”. L’esempio dell’Ucraina mostra che solo l’unità transatlantica può avere successo. “Se anche questa alleanza con Taiwan avrà successo, la Cina saprà che non ha alcuna possibilità di sopprimerci militarmente”, ha aggiunto.

Il vicepresidente del gruppo parlamentare tedesco-cinese al Bundestag, Gide Jensen (FDP), ha invitato Burbock a parlare chiaramente. “Annalina Berbock ha dimostrato di non camminare piano solo per spaventare qualcuno”, ha detto Jensen a RND/Thursday. Dovrebbe anche prendere una posizione chiara in Cina e chiedere il rispetto dei diritti umani, ma anche dei trattati internazionali.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica AmazonE GooglePodcast o direttamente tramite RSS Feed.