Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bafin chiude Mainzer Bank al traffico dei clienti

I reclami derivanti da accordi cum-ex hanno messo in difficoltà la North Channel Bank. Ora l’Autorità di vigilanza finanziaria sta tirando il filo del rasoio.

Il regolatore finanziario Bafin chiude la North Channel Bank GmbH & Co. KG, che si è messo nei guai a causa di transazioni azionarie “cum-ex”. “La banca è cronicamente insolvente e non ha più un modello di business sostenibile”, ha detto giovedì il cane da guardia finanziario federale (Baffin).

La moratoria comprende varie misure: la banca con sede a Magonza sarà chiusa ai clienti con effetto immediato. Inoltre, la FSA ha emesso un divieto di vendita e pagamento alla banca a causa del rischio di sovraindebitamento. Lo scopo della dotazione è quello di garantire i beni.

Sprecare i soldi dei clienti?

Questo differimento viene emesso dall’autorità di vigilanza finanziaria quando vi è un rischio di fallimento e i revisori vogliono avere una visione d’insieme della capacità dell’istituto di sopravvivere senza depositi e pagamenti correnti che distorcono il quadro della situazione economica. Tuttavia, i clienti devono ancora servire i loro prestiti. Secondo Bavin, il provvedimento serve anche a evitare di scatenare una corsa tra i clienti della banca, che temono per i propri depositi.

Secondo l’annuncio, la banca ha solo circa 500 clienti: il bilancio totale a fine novembre ammontava a soli 123,5 milioni di euro. “North Channel Bank GmbH & Co. non ha alcuna connessione sistemica. La sua situazione non è quindi una minaccia per la stabilità finanziaria”, ha detto Baffin. I restanti depositi sono protetti dall’assicurazione legale sui depositi, che protegge fino a € 100.000 per cliente. Oltre agli investitori privati, tra i depositanti devono figurare anche alcuni Comuni.

READ  Energia eolica senza effetto stroboscopico: le turbine "non cinetiche" possono alimentare le case

Le autorità fiscali internazionali chiedono un risarcimento

Secondo Baffin, la banca è stata fortemente coinvolta nelle cosiddette operazioni azionarie “cum-ex” in Danimarca e Belgio tra il 2012 e il 2015. In tali operazioni, molti partecipanti hanno pagato blocchi di azioni con (“cum”) e senza diritti sui dividendi (“cum”). ex”) avanti e indietro sullo storico dei dividendi. Di conseguenza, gli uffici delle imposte hanno rimborsato le imposte sulle plusvalenze che non sono state affatto pagate.

In questo contesto, le autorità fiscali danesi e belghe chiedono un risarcimento di 176 milioni di euro alla North Channel Bank, secondo Baffin. Poiché l’istituto non è in grado di soddisfare tali requisiti, Bafin ritiene che “sono necessarie misure per garantire la liquidità e limitare i rischi alla North Channel Bank GmbH & Co. KG”.

La North Channel Bank è stata fondata a Berlino nel 1924 come Bankhaus Oswald Kruber GmbH & Co. KG. Nel 2009, l’istituto è stato acquisito da un gruppo di investitori nordamericani, successivamente ribattezzato North Channel Bank GmbH & Co. KG, con sede a Magonza.