Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anti-deflazione: il ritorno dell’inflazione dà speranza alla Cina

Anti-deflazione: il ritorno dell’inflazione dà speranza alla Cina

Antirestringimento
Il ritorno dell’inflazione dà speranza alla Cina

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

La maggior parte dei paesi è alle prese con tassi di inflazione elevati, ma la Cina ha altre preoccupazioni. Il calo dei prezzi, combinato con chiare restrizioni sui consumatori, una crisi immobiliare e una contrazione delle esportazioni, potrebbe creare un circolo vizioso deflazionistico. I nuovi dati offrono poco relax.

L’inflazione cinese è tornata il mese scorso dopo il calo dei prezzi al consumo durante l’estate. Per Pechino questo è un segnale di speranza che il rischio di deflazione sia stato in una certa misura contenuto. Tuttavia, gli economisti ritengono che la deflazione non sia stata ancora superata, con l’inflazione dei prezzi al consumo che si aggira appena sopra lo zero e i prezzi alla produzione in calo per l’undicesimo mese consecutivo, anche se a un ritmo più lento rispetto a prima.

I prezzi al consumo in Cina sono aumentati dello 0,1% su base annua ad agosto, dopo essere diminuiti dello 0,3% su base annua a luglio. I dati dell’Ufficio cinese di statistica hanno mostrato che l’inflazione è stata guidata dall’aumento dei prezzi dei servizi, poiché i prezzi dei biglietti aerei, del turismo e dell’alloggio sono aumentati durante le vacanze estive.

La deflazione è l’opposto dell’inflazione e indica una diminuzione del livello generale dei prezzi. Un diffuso calo dei prezzi si verifica quando i consumatori si astengono dall’acquistare in previsione che i prezzi continuino a scendere, il che a sua volta porta a un calo delle vendite, dei profitti e degli investimenti delle aziende.

Attraverso una serie di misure, il governo cinese sta cercando di rilanciare il vacillante mercato immobiliare e incoraggiare i consumatori ad acquistare. Ma molti economisti sostengono che i politici debbano essere più coraggiosi per favorire una ripresa abbastanza forte da riportare l’inflazione a livelli sani. Secondo la maggior parte delle banche centrali, questa cifra sarebbe pari a circa il 2%.

I prezzi alla produzione scendono

L’inflazione core, che esclude i prodotti alimentari e alcune altre voci volatili, è stata dello 0,8%, lo stesso livello di luglio, indicando che la pressione complessiva sui prezzi nell’economia non è cambiata in modo significativo. La debole inflazione in Cina contrasta con il raffreddamento, ma rimane elevata nella maggior parte dell’Asia, negli Stati Uniti e in Europa. L’inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto il 3,2% in luglio, mentre l’aumento annuale dei prezzi nei 20 paesi che utilizzano l’euro ha raggiunto il 5,3% in agosto.

Le pressioni deflazionistiche in Cina riflettono le attuali difficoltà dell’economia cinese. Dopo l’abbandono dei severi controlli anti-coronavirus, il breve boom dei consumi si è in gran parte attenuato. La prolungata stagnazione del settore immobiliare si è rivelata un serio ostacolo alla crescita. Le esportazioni stanno diminuendo mentre il resto del mondo è scosso dagli alti tassi di interesse. I dati pubblicati giovedì hanno mostrato che le esportazioni cinesi sono diminuite per il quarto mese consecutivo in agosto. Anche le importazioni hanno continuato a contrarsi.

I dati mostrano anche che i prezzi alla produzione cinesi sono scesi ulteriormente in agosto, in calo del 3% su base annua, rispetto al calo del 4,4% di luglio. La debolezza dei prezzi alla produzione riflette la capacità inutilizzata dell’industria cinese mentre le esportazioni si prosciugano e i consumatori nazionali resistono all’aumento della spesa.

Gli obiettivi di crescita sono irraggiungibili

I politici di Pechino hanno annunciato nei giorni scorsi una serie di misure per rilanciare il mercato immobiliare e rilanciare la fiducia dei consumatori. Le banche saranno incoraggiate a offrire tassi di interesse ipotecari più bassi ai proprietari di case esistenti e ad allentare alcune restrizioni sulla proprietà delle case nelle principali città. I funzionari governativi hanno confermato la loro fiducia nel successo delle loro azioni. La scorsa settimana il primo ministro cinese Li Qiang ha dichiarato che si aspetta che la seconda economia mondiale raggiunga il suo obiettivo ufficiale di crescita di circa il 5% quest’anno.

Ma gli analisti dicono che l’obiettivo sta diventando sempre più lontano a meno che il governo non intraprenda azioni più coraggiose per rilanciare la crescita. Ad esempio, può pagare aiuti finanziari direttamente alle famiglie o tagliare le tasse per le piccole imprese in difficoltà. “Non vediamo gli stimoli massicci che abbiamo visto nelle recessioni precedenti”, ha affermato Katrina Ell, capo economista di Moody’s Analytics. Elle ha recentemente tagliato le sue previsioni per la crescita economica della Cina quest’anno dal 5,1% al 4,9%, in parte a causa di ciò che ha definito essere un riluttante stimolo da parte del governo.

Se la Cina dovesse affrontare un contesto deflazionistico più grave, sorgerebbe un altro problema: i metodi tradizionali per combattere la deflazione sarebbero impopolari a Pechino o sufficientemente inefficaci a causa dell’elevato debito del paese. Pechino è cauta nei confronti dei grandi programmi di spesa finanziati dal deficit, mentre i tagli dei tassi di interesse finora non sono riusciti a superare la riluttanza dei consumatori e delle imprese a prendere in prestito e a spendere.