Maggio 16, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anche senza grandi concessioni: Johnson: Putin uscirà “salva la faccia”.

Anche senza grandi concessioni
Johnson: Putin uscirà “per salvare la faccia”.

In termini di negoziati di pace, si parla molto di una “soluzione che salva la faccia” che dovrebbe essere offerta a Putin. Il presidente britannico Johnson ritiene che ciò non sia necessario. I media controllati dallo stato russo in qualche modo venderanno il ritiro come un successo.

Secondo il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente russo Vladimir Putin ha il “margine di manovra politico” per porre fine alla sua invasione dell’Ucraina e salvare la faccia, anche grazie alla censura in Russia. Johnson ha detto a TalkTV che ciò era dovuto “al massiccio sostegno russo alle sue azioni e all’apparente dimenticanza dei media russi”.

“La gente dice che dobbiamo scendere a compromessi e dobbiamo preoccuparci di cosa potrebbe fare Putin perché rischia la sconfitta”, ha detto Johnson. Tuttavia, ciò non è necessario, dal momento che la posizione al potere di Putin è assicurata dal suo controllo dei media. Di conseguenza, Putin può dire al popolo russo che il processo iniziato in Ucraina è stato “completo” e “tecnicamente riuscito”, anche se questo potrebbe non essere realistico.

La Russia descrive la sua invasione dell’Ucraina come una “operazione militare” e la Russia vieta termini come “guerra” o “invasione” in questo contesto. Il Cremlino minaccia di imprigionare chiunque pubblichi una versione dei fatti diversa da quella del governo.

Il governo russo ha ripetutamente avvertito di una guerra nucleare a causa del sostegno occidentale all’Ucraina. Nonostante queste minacce, il Segretario di Stato di Johnson, Liz Truss, ha chiesto un’espansione della produzione e delle forniture di armi all’Ucraina. “Il destino dell’Ucraina è ancora in bilico”, ha detto mercoledì in una presentazione iniziale del suo discorso ai diplomatici e agli uomini d’affari a Londra. Pertanto, il sostegno a Kiev deve essere aumentato. “Armi pesanti, carri armati, aerei… Dobbiamo approfondire le nostre scorte e aumentare la produzione.”

READ  Consegne di armi in Ucraina: l'Estonia fa pressione sulla Germania