Dicembre 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anche l’Italia conosce la “nocca”: sulle montagne russe con Angela Merkel

I sentimenti degli italiani per il presidente tedesco di lunga data sono un costante ottovolante. L’oltraggioso rifiuto è proseguito con immeritato rispetto. Addio, un libro cerca di spiegare “l’imprevisto”.

Anche in Italia ci si chiede perché non c’è più Angela Merkel al potere, indifferente allo stato della Germania e dell’Unione Europea. Quanto ai sentimenti degli italiani per il Cancelliere, possono essere paragonati alle montagne russe. Il rispetto quasi illimitato può essere seguito da un giorno all’altro da un completo rifiuto. A volte gli italiani volevano che Roma avesse un capo di governo che governasse “teutonicamente” come un generale che avesse un fermo controllo sulle sue forze. A volte è diventata l’odiata prima della classe, il cui scopo era soggiogare l’intera UE e renderla tedesca.

Parole come “compiti a casa” facevano parte del vocabolario quotidiano in Italia in tempi di crisi. I soprannomi della Merkel, “Coles Madsen” e poi “Mutti” sono stati adottati dai media italiani e, fortunatamente, hanno potuto aggiungere un po’ di colore al servizio di Berlino.

“Inaspettato”

La giornalista Tonia Mastroboni ha scritto un libro sul presidente dicendo che non è così difficile dire addio agli italiani. Si intitolava “L’inaspettata” ed era inaspettato, parola usata dalla Merkel in un’intervista alla fidata ed ex ministro federale dell’Istruzione Annette Schavan Mastrobuoni. Questo non potrebbe essere più appropriato, non solo per l’ascesa della Merkel rispetto all’inaspettato, ma anche per la sua abilità politica.

Mastrobuoni, corrispondente tedesco per il quotidiano italiano La Repubblica, ritrae la Merkel non solo da una prospettiva italiana ma anche da un punto di vista femminile. Non si può negare una certa somiglianza quando cita il Patto andino, a cui tutti i membri maschi avevano già aderito alla fine degli anni ’70 – tuttavia, la Merkel non ha potuto impedire l’ascesa e la caduta. I membri del Patto andino erano dietro il tentativo di colpo di stato del 2002 contro il loro candidato alla presidenza. Il modo in cui la Merkel ha impedito questo con la leggendaria colazione Wolfratschauser a casa di Edmund Stoyber, scrive l’autore, è “un vero successo politico”. Molti anni dopo, il sociologo Ulrich Beck ha abbreviato questo stile con la parola “mercavallismo”.

READ  Quattro fratelli scomparsi - in Italia con il padre?

La prima cosa di cui i lettori tedeschi dovrebbero essere consapevoli è la revisione talvolta tardiva della prospettiva italiana. “Non è vero che la Merkel è entrata in politica dopo la caduta del Muro”, scrive Mastrobuoni. Ha chiesto nei mesi prima della caduta del muro di Berlino, ma non era vincolata da nulla. Riguardo al “Patricidio” di Helmut Cole, si esclude dall’attuale sentenza: “Merkel è ritratta come un difensore ingrato con un abito da boxe sotto il mantello. Molto raramente l’intera faccenda esplora l’enorme senso di colpa e il panico di Cole per la CDU. Il modello italiano per la Merkel è stato qui un monito: lo scandalo in Italia ha spazzato via i democristiani di “Tangondopoli”. La CDU doveva temere che qualcosa di simile ora stesse prosperando.

Mastrobuoni non ha esitato a criticare la Merkel, e ha graffiato l’immagine del presidente con soprannomi noti e mai lodati. Parole come “discounter” e “fisico del potere” sono terribili colpi di scena per gli italiani, ma chiunque traduca sa cosa sono. Il modo della Merkel di analizzare ogni problema nei minimi dettagli prima di prendere una decisione “non si è sempre dimostrato il modo migliore”, dice il libro della crisi dei mercati finanziari, della ripresa della Grecia e della crisi dell’euro. UE del sonno dal 2008 al 2012.

politico di potere

La Merkel era riluttante, soprattutto nell’UE. Quando è salito al potere in Germania, Mastroponi afferma di essere stato molto bravo a prendere decisioni rapide. “Quello che nessuno sapeva all’epoca era che all’inizio di ottobre 2008, il Cancelliere, che aveva mostrato un’azione lenta e riluttante sulla scena europea, ha superato la crisi in Germania alla velocità della luce e ha attuato due generosi pacchetti di stimolo”. È stato fatto di tutto per ottenere il via libera dall’UE al pacchetto di risanamento da un miliardo di dollari per gli istituti di credito tedeschi. Molti anni dopo, ha ricordato il giornalista italiano, Roma ha bussato alla porta di Bruxelles con la stessa richiesta, ma è stata respinta. L’incidente rimane ancora oggi un punto doloroso per gli italiani e aggrava la grande insoddisfazione che già esisteva all’epoca nei confronti della Merkel e della sua politica di austerità.

READ  Ungeimpft: 2254 ore in sospensione italiana

Quando la Merkel si sposta tatticamente a livello internazionale, spesso permette al pubblico di rincorrere la sua casa. Secondo Mastroponi, il disastro nucleare giapponese di Fukushima nel marzo 2011 ne è la prova. Solo sei mesi fa, la Merkel si è offerta di prolungare la durata delle centrali nucleari in Germania, cosa che ha bruscamente cambiato dopo Fukushima. Da questa prospettiva si può valutare anche la loro decisione di aprire le porte agli immigrati che vogliono attraversare i Balcani verso l’Europa e soprattutto verso la Germania a fine estate 2015. Anche in questo caso la comunità le ha fatto pressioni affinché si recasse finalmente in un centro di accoglienza. Mastrobuoni me lo ricorda Incidente con una donna rifugiata Il luglio precedente, la risposta imbarazzante del presidente lo fece piangere, e il soprannome di “congelato” gli fu dato in seguito. Crede che oltre all’empatia e alla solidarietà, l’opinione pubblica abbia sicuramente portato all’accoglienza degli immigrati e alla dichiarazione che “si può fare”.

Il punto principale è che il giudizio di Mastrophony sulla Merkel è positivo, anche se lo si legge attraverso le righe. Alla fine, lascia al lettore la possibilità di formarsi un’opinione basata sui fatti e sugli eventi che gli vengono in mente. Quindi, dove il Cancelliere va in pensione, il suo giro sulle montagne russe italiane può giungere a una conclusione armoniosa con questo libro.