Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anche le terre sono rare in Baviera

Lantanio, neodimio, tulio, ittrio, scandio: ciò che a molti può sembrare strano sono le terre rare (terre: nomi antichi degli ossidi). Sono inclusi un totale di 17 minerali morbidi. Le sue caratteristiche speciali: reagisce rapidamente, soprattutto con l’ossigeno, brucia facilmente ed è molto sensibile all’elettricità. Tutto questo la rende Materie prime desiderabili nella produzione di veicoli elettriciturbine eoliche, convertitori catalitici, batterie ricaricabili e dispositivi elettronici come televisori, telefoni cellulari e computer. Ad oggi, oltre il 90 percento degli elementi delle terre rare viene estratto e lavorato in Cina.

Le terre rare della Baviera: ben poco da riciclare

In tempi di aumento dei prezzi delle materie prime e catene di approvvigionamento stagnanti, la domanda di terre rare è in crescita. Anche in suolo bavarese Questi metalli preziosi sono dormienti. Ci sono già stati studi in merito tra il 2011 e il 2018.

Un totale di 116 siti nella Baviera settentrionale e meridionale sono stati visitati, campionati e analizzati in base al contenuto di materiale riciclabile, ha annunciato l’ufficio governativo per l’ambiente responsabile di Augusta su richiesta per BR24. Il risultato: è infatti possibile trovare un potenziale utilizzabile di elementi di terre rare (REE), chiamati anche terre rare, e altri ossidi metallici ad alta tecnologia. Scoperto in particolare: lantanio, cerio e neodimio, nonché scandio, ittrio, praseodimio e samario. Fa parte di loro Gli stessi minerali dell’ultima scoperta nel nord della Svezia.

Non sono previste ulteriori indagini sul suolo in Baviera

Ma: non c’è abbastanza di tutto sul suolo bavarese. Gli esperti LfU calcolano: se i minerali separabili da tutti i rifiuti di lavaggio di tutti i siti esaminati fossero raccolti, lavorati e separati chimicamente, ogni anno in Baviera potrebbero essere estratte circa 300 tonnellate di ossidi di REE e 36 tonnellate di ossidi di REE pesanti. Per fare un confronto: secondo la compagnia mineraria LKAB, in Svezia sono state trovate più di 1 milione di tonnellate di terre rare.

READ  È disposto a mettere tutto su una carta

Il fabbisogno industriale di queste materie prime non poteva essere coperto dalle piccole quantità di terre rare della Baviera. Di conseguenza, secondo la LfU, non sono previste ulteriori indagini in Baviera.

Domanda dell’economia: più riciclo

Ma: almeno a causa del rapido progresso tecnologico in molti campi, l’importanza e la domanda di elementi di terre rare aumenteranno in futuro, secondo la conclusione degli esperti di materie prime. L’economia bavarese richiede anche un maggiore utilizzo delle materie prime disponibili in loco. Questi includono le cosiddette materie prime secondarie. Viene riciclato da rifiuti industriali e domestici come vetro, plastica, metalli e materiali compositi e restituito ai processi produttivi. Nella sola Germania, ogni anno vengono prodotti 228 milioni di tonnellate di rifiuti da costruzione e demolizione, secondo la Bavarian Business Association (vbw), che rappresenta anche il sindacato bavarese dell’industria metallurgica ed elettrica.

Espandere l’economia circolare agli elettrodomestici, alle auto elettroniche e all’industria delle costruzioni

Questo è il motivo per cui l’economia bavarese chiede un maggiore impegno per espandere l’economia circolare in Germania. Nell’economia circolare c’è un grande potenziale di valore aggiunto, sostenibilità e nuove aree di occupazione, afferma il CEO di Vbw Bertram Brossardt. Ciò richiede una strategia completa con soluzioni di riciclaggio e automazione. “Bisogna ampliare la gamma di materiali riciclati e creare mercati adeguati”, è la richiesta di vbw alla Confederazione. Questo è importante, tra l’altro, per la produzione di smartphone e auto elettriche, ma anche per il settore delle costruzioni ad alta intensità di materiale. Secondo vbw, la sola domanda annuale di minerali non metallici in Germania è di 517 milioni di tonnellate.

READ  Passata di pomodoro Öko-Test: il vincitore del test è a buon mercato nello sconto

ForCYCLE: Scienziati bavaresi studiano l’uso sostenibile delle risorse

gruppo di progetto”forcecycle“.

Con il sostegno finanziario del Ministero dell’Ambiente bavarese, gli scienziati stanno sviluppando tecnologie e processi per l’uso efficiente delle risorse e il riciclaggio. Inoltre, la Baviera promuove Creazione del Fraunhofer Institute for Materials Courses and Resource Strategy (IWKS) ad Alzenau nella Bassa Franconia nella provincia di Aschaffenburg.

Fino ad allora, la maggior parte delle materie prime deve ancora essere importata dalla Cina.