Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alti profitti settimanali: DAX e MDAX messi in turbo


Rapporto di mercato

Stato: 01/06/2023 18:29

L’inizio dell’anno sul mercato azionario tedesco è impressionante. Gli indici DAX e MDAX sono nuovamente saliti, beneficiando degli spunti positivi di Wall Street. I nuovi dati aziendali sono stati ben accolti lì.

L’argomento di oggi è stato l’attesissimo New Topics Dati sul mercato del lavoro statunitense, che gli investitori speravano di ottenere informazioni sul tasso di interesse addizionale della Federal Reserve (Fed) statunitense. Sta diventando chiaro che il mercato del lavoro statunitense rimane teso, ma almeno la pressione sui salari sembra allentarsi un po’. Anche i dati un po’ più deboli sull’inflazione dell’Eurozona hanno avuto un effetto di supporto. Gli investitori hanno impiegato del tempo per elaborare i dati statunitensi, cosa non facile da spiegare a prima vista, ma poi li hanno afferrati con decisione.

DAX e MDAX al loro meglio

Il DAX, che finora aveva iniziato bene il nuovo anno ed era ancora in rosso al mattino al minimo giornaliero di 14.388 punti, è salito bruscamente alla fine della seduta. È arrivato dopo Wall Street, che all’inizio era un po’ titubante, e ha chiuso le negoziazioni a 14.610 punti, in rialzo dell’1,20%. In un confronto settimanale, ciò ha comportato un notevole aumento del 4,9%. L’inizio dell’anno non lascia nulla a desiderare.

L’MDAX pesante per le esportazioni è andato meglio, sparando agli uccelli con un aumento settimanale del 7,3%. Oggi, guidato da K+S (Kali und Salz) e Rheinmetall, è salito dell’1,12% e ha chiuso a 26.970 punti. Il fornitore di armi e fornitore di automobili Rheinmetall, che ha presentato oggi dati economici, è un potenziale successore dello specialista di gas industriali Linde plc. , che vuole lasciare il DAX.

Di recente, il mercato tedesco si è sviluppato meglio di Wall Street grazie ai suoi titoli tecnologici molto apprezzati, che reagiscono in modo particolarmente sensibile quando le banche centrali spostano i tassi di interesse nella lotta contro l’inflazione. In Germania, invece, si è diffuso un cauto ottimismo economico che sta avendo un effetto di supporto.

Wall Street sale dopo i dati sull’occupazione

Un quadro piuttosto raro che, almeno questa settimana, continua a definire il trading a New York, perché nel frattempo tutti i maggiori indici hanno aumentato esponenzialmente i loro profitti. Il principale indice Dow Jones è salito dell’1,9% e la borsa tecnologica Nasdaq, recentemente scossa e sensibile agli interessi, è salita dello stesso importo.

Pertanto i dati dal mercato del lavoro sono stati accolti generalmente positivamente, anche se non si può dedurre una fine immediata dell’attuale ciclo aggressivo dei tassi di interesse della Fed.

READ  Bilancio non verificabile: il gruppo immobiliare Adler è in profonda crisi

Ma soprattutto le retribuzioni orarie, particolarmente inflazionistiche, a dicembre sono aumentate molto meno delle attese. Nel primo pomeriggio prima dell’apertura del mercato azionario a Washington, il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha annunciato che la retribuzione oraria media è aumentata dello 0,3% mese su mese. Gli economisti si aspettavano un aumento medio dello 0,4%.

Nel complesso, a dicembre sono stati creati più posti di lavoro del previsto. I libri paga non agricoli hanno aggiunto 223.000 posti di lavoro il mese scorso, rispetto ai 256.000 di novembre. Gli economisti intervistati si aspettavano solo 200.000 nuovi posti di lavoro a dicembre. Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,5% a dicembre. Questo è il tasso di disoccupazione più basso dal febbraio 2020, prima che la crisi del coronavirus causasse un aumento significativo della disoccupazione.

Voci esperte

“Il mercato del lavoro statunitense rimane relativamente forte e teso. Finora, non ci sono segnali chiari che la dinamica della creazione di posti di lavoro stia ulteriormente rallentando. I numeri sono solidi, ma poiché la pressione salariale sembra allentarsi, è improbabile che le prospettive sui tassi di interesse si rafforzino molto…” commenta Ulrich Wortberg della Landesbank Hessen-Thüringen (Helaba).

“Nonostante tutti gli aumenti dei tassi di interesse, il mercato del lavoro statunitense sta andando molto bene. La Fed non è stata in grado di calmare l’umore tra le imprese statunitensi per le assunzioni con il suo inasprimento della politica monetaria. C’è stata anche una forte creazione di posti di lavoro a dicembre. Così The La Fed continuerà ad aumentare i tassi di interesse, ha affermato il capo economista Thomas Getzel di VP Bank.

Tesla è di nuovo al centro dell’attenzione

Da parte dell’azienda, gli occhi erano di nuovo puntati sul malconcio titolo Tesla, che si è avvicinato alla soglia dei $ 100 con un ulteriore calo del prezzo a $ 101,81 prima di riprendersi quando il mercato complessivo si è ripreso ed è attualmente leggermente più alto di circa $ 110. L’ultima volta che il titolo è stato quotato sotto la soglia dei 100 dollari è stato nell’agosto 2020.

Gli investitori stanno fuggendo dal titolo perché apparentemente il produttore di auto elettriche deve accettare riduzioni di prezzo più elevate per scaricare le sue auto in Cina. Il gruppo deve respingere la concorrenza interna sempre più forte di fornitori come BYD, Xpeng o Nio.

Procedura dettagliata di CureVac

I documenti dello sviluppatore di vaccini CureVac sono saliti di circa il 22% sul Nasdaq dopo uno studio positivo sul vaccino basato su mRNA contro l’influenza e il Covid 19. Anche il governo federale è coinvolto a Tubinga. Gli studi devono continuare. Il CureVac è stato un grande faro di speranza nella battaglia contro il Covid, ma poi ha vacillato perché il vaccino non ha funzionato così come i preparati dei concorrenti BioNTech e Moderna.

READ  Onda di vendita: il CEO di Tesla Elon Musk coglie l'opportunità e dipinge più azioni in argento - Le azioni Tesla chiudono con perdite | newsletter

Segnali economici contrastanti dall’Europa

Ci sono segnali contrastanti per il mercato azionario dal punto di vista economico. L’inflazione nell’Eurozona ha registrato un brusco calo inatteso a fine anno a causa di un rallentamento del rialzo dei prezzi dell’energia. A dicembre, i prezzi al consumo sono aumentati del 9,2% su base annua Dopo il 10,1% di novembre e il 10,6% di ottobre.

Notizie negative arrivano invece dall’industria tedesca: a novembre, 5,3% in meno di nuovi ordini Ricevuto rispetto a ottobre. “Ciò significa che la flessione degli ordini in entrata si è intensificata”, spiega l’economista di Commerzbank Ralph Solvin.

Euro per salire e scendere

Il tasso di cambio dell’euro di oggi è stato dominato dai nuovi dati economici statunitensi e dal suo potenziale impatto sulla politica dei tassi di interesse della Federal Reserve. Nel frattempo, l’euro è sceso sotto 1,05 dollari USA. A mezzogiorno, la valuta condivisa era scambiata a $ 1,0492, il livello più basso in circa un mese. Al mattino a volte costava $ 1,0537.

mentre il Dati sul lavoro negli Stati Uniti Il dollaro si è rafforzato e l’euro si è indebolito, invertendo la tendenza dopo i dati sugli ordini un po’ più deboli del previsto dall’industria statunitense. Attualmente vengono rimborsati 1,0623 USD. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,0500 (giovedì: 1,0601) dollari.

I principali venti contrari per la valuta comune oggi sono venuti da Dati della domanda tedesca più deboliGli economisti sono rimasti particolarmente sorpresi dall’entità del declino.

I prezzi del petrolio sono in leggero aumento

I prezzi del petrolio si sono mossi leggermente verso la fine della settimana e attualmente sono leggermente in rialzo. Nei primi giorni di negoziazione del nuovo anno, i prezzi del petrolio sono scesi in modo significativo, ma per il momento le cose sembrano calmarsi un po’. Il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord è di $ 79,63, in aumento dello 0,3% rispetto a ieri.

Deutsche Post sotto pressione nel DAX

Le azioni Deutsche Post erano inizialmente tra le maggiori perdite del DAX, ma nel tempo si sono riprese. Hanno finito per chiudere quasi in piano, restando indietro rispetto al mercato nel suo complesso. La contrattazione collettiva è iniziata con l’effettiva unione di circa 160.000 dipendenti postali del Gruppo DAX. Ver.di chiede un aumento salariale del 15%. per dodici mesi.

L’entrata di Cusco si avvicina alla stazione portuale di Amburgo

Il controverso ingresso della compagnia di navigazione statale cinese Cosco nel terminal container Tollerort nel porto di Amburgo sta per essere completato. HHLA ha annunciato che nei colloqui tra HHLA Logistics Group del porto di Amburgo, il Ministero federale dell’Economia e CSPL, controllata di Cosco, sono state concordate condizioni concrete per la partecipazione. Gli ultimi dettagli devono ancora essere chiariti, ma la transazione deve essere completata “con urgenza”.

Mercedes-Benz sta portando avanti la sua rete di ricarica elettrica

Mercedes-Benz ha annunciato ieri sera la propria rete con 10.000 punti di ricarica in tutto il mondo entro la fine del decennio. L’azienda con sede a Stoccarda vuole investire una cifra a una cifra di un miliardo. “Non vogliamo guardare e aspettare che venga costruito, quindi stiamo costruendo noi stessi una rete globale di ricarica rapida”, ha dichiarato il capo della Mercedes Ola Källenius.

WhatsApp vuole sfidare i divieti online

WhatsApp vuole rimanere disponibile per gli utenti di Internet in paesi come l’Iran nonostante i blocchi. Il servizio di chat di gruppo Meta di Facebook offre supporto per server proxy che possono essere utilizzati per aggirare tali barriere regionali. Si dice che l’opzione sia disponibile in tutto il mondo con l’ultima versione dell’app.

Samsung con una seconda recessione consecutiva dei profitti

La debole domanda sta accelerando il calo dei profitti di Samsung Electronics. Secondo i calcoli preliminari, l’utile operativo del quarto trimestre è sceso del 69% a 4,3 trilioni di won (3,2 miliardi di euro), ha annunciato il più grande produttore mondiale di smartphone e chip di memoria. Questo è il valore più basso in otto anni.