Gennaio 26, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alta sensibilità: quando manca il filtro in testa

Stato: 14/01/2023 11:08

Le persone gestiscono gli stimoli e le esperienze in modo molto diverso. Molti oggi si definiscono molto sensibili. Cos’è questo in realtà? La scienza è ancora alla ricerca di risposte.

Le persone altamente sensibili sono più sensibili a stimoli come il rumore, la luce o gli stimoli sociali. Sembrano avere filtri più estroversi degli altri e percepiscono direttamente i più piccoli cambiamenti o differenze nel loro ambiente, sono più coinvolti emotivamente ed elaborano gli stimoli più profondamente degli altri, ad esempio pensando alle cose più a lungo.

Spesso eccessivo

Di conseguenza, le persone altamente sensibili vengono sopraffatte dagli stimoli più rapidamente, si irrigidiscono, si sovrastimolano e si esauriscono per le impressioni e hanno bisogno di maggiori opportunità per rilassarsi. “Per alcuni, questo significa che hanno bisogno di una pausa dopo aver visitato il supermercato”, afferma la psicologa Corinna Griffin della Radboud University. ROS, che svolge attività di ricerca in questo campo di ricerca ancora giovane. La cosiddetta inibizione comportamentale – la tendenza a ritirarsi ed evitare situazioni non familiari – è attribuita a persone altamente sensibili.

L’alta sensibilità, spiega Griffin, non è scientificamente definita né come una malattia né come un disturbo, ma come un tratto della personalità come l’introversione.

Gli psicologi americani Elaine N. Aron e Arthur Aron hanno descritto una tale “persona ipersensibile” nel 1997 e l’hanno giustificata all’epoca. Il concetto di alta sensibilità. Elaine Aron ha anche ipotizzato che l’alta sensibilità potrebbe essere ereditata.

Come si misura l’alta sensibilità?

Il fatto che qualcuno sia o meno altamente sensibile è ancora fondamentalmente correlato a una persona Sondaggio Quindi è determinato dall’autoreferenzialità. Il primo test di questo tipo è stato introdotto da Elaine Aron nel 1997, gettando le basi per la ricerca sull’alta sensibilità:La scala di una persona ipersensibile(HSSP). Come linea guida, Aron dice: chiunque sia d’accordo con più di 14 affermazioni su un test è probabilmente molto sensibile.

READ  Vaccinazione corona: il rischio di sviluppare miocardite è più alto del previsto

Questa è ancora oggi una fonte di critica nella scienza. La psicologa Pia Kapitsch spiega che perché anche le persone con disturbi d’ansia, ad esempio, ottengono un punteggio elevato in un simile test.

Quanti ne sono colpiti?

Il 2018 era iniziato studia Ho testato questa bilancia HSPS su un gran numero di persone. Secondo questo, circa il 30 percento è poco sensibile, il 40 percento è mediamente sensibile e circa il 30 percento è altamente sensibile.

Tuttavia, molti esperti presumono che non esista una netta linea di demarcazione tra la normale sensibilità e l’ipersensibilità: secondo lo psicologo Griffin, ognuno di noi si sposta da qualche parte nello spettro della sensibilità. La maggior parte di loro sono nel mezzo, alcuni particolarmente sensibili e altri quasi per niente. Le persone altamente sensibili si trovano all’estremità superiore di questa scala. Griffin spiega che ci sono anche collegamenti tra ADHD, ADD e persone altamente sensibili in termini di sensibilità al sovraccarico sensoriale. Tuttavia, non è stato ancora esplorato molto.

C’è un concetto separato?

Il fatto che ci siano differenze individuali nella risposta agli stimoli ambientali è in qualche modo indiscutibile nella scienza. Tuttavia, se l’alta sensibilità sia il concetto migliore per descriverlo è discutibile.

Ad esempio, lo psicologo berlinese Jens Asendorpf sostiene che le personalità altamente sensibili possono effettivamente essere catturate in modo appropriato con i Big Five, un approccio alla descrizione della personalità umana. Questi cinque fattori sono il risultato di decenni di ricerca sulla personalità e sono i tratti della personalità empiricamente provati che sono i migliori.

Uno dei cinque fattori è il nevroticismo, la tendenza all’instabilità emotiva, all’ansia e alla tristezza. Tuttavia, Griffin trova obsoleto equiparare l’alta sensibilità con essa: “Ora siamo stati in grado di confutarlo molto bene scientificamente, e non è abbastanza. Perché statisticamente, c’è solo un’associazione media, quindi non è la stessa cosa”.

READ  Cosa fa il caffè per il fegato grasso?

Lo stato della ricerca è ancora scarso

Non è chiaro se possano essere identificati segni oggettivi di elevata sensibilità. La ricerca è debole nel capire perché alcune persone sono più sensibili agli stimoli rispetto ad altre. Tuttavia, un gran numero di studi proviene dall’inventore stesso del termine ipersensibilità: Elaine Aron.

I ricercatori dell’Università Helmut Schmidt di Amburgo vogliono cambiare la situazione e stanno attualmente conducendo uno studio in cui viene esaminata l’elaborazione profonda di persone altamente sensibili utilizzando il cosiddetto modello Stroop.

Il compito del soggetto in questo test è nominare il colore in cui sono scritte le parole, ma non leggere le parole stesse. I ricercatori ipotizzano che le persone altamente sensibili abbiano un tempo di reazione più lungo rispetto alle persone meno sensibili una volta che si verifica la “condizione inadeguata” in questo test: cioè una volta che la parola non ha significato. Ad esempio “rosso” è scritto in verde. Inoltre, i ricercatori utilizzano la variabilità della frequenza cardiaca per verificare se le persone altamente sensibili vengono effettivamente stimolate più rapidamente quando gli viene chiesto di esibirsi e alla fine si calmano di nuovo più lentamente.

Alta sensibilità come opportunità

Anche se una maggiore sensibilità è ancora un’area giovane e poco studiata, può aiutare le persone che reagiscono più fortemente agli stimoli e ne vengono sopraffatte più rapidamente a comprendere meglio se stesse. Il loro ambiente può quindi essere progettato di conseguenza.

Le persone altamente sensibili, spiega Greven, arricchiscono anche il mondo del lavoro, perché sono altamente empatiche, innovative e in grado di entrare in empatia con gli altri se le condizioni di lavoro sono giuste.

READ  La fibra alimentare riduce il rischio di ipertensione, obesità, diabete, ecc. - Heilpraxis