Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

All'improvviso le cose sono diventate difficili per la Russia di Putin

All'improvviso le cose sono diventate difficili per la Russia di Putin
  1. Home page
  2. Politica

A seguito dell’espansione della NATO nel nord, la Russia sta perdendo la sua posizione strategica nel Mar Baltico. analisi.

MOSCA/STOCCOLMA – L’Occidente è rimasto sorpreso. Non c'è niente di sbagliato in questo. Le voci di avvertimento che facevano di Vladimir Putin il motore del piano politico-militare russo per il dominio mondiale non sono state ascoltate. Ma quando scoppiò l’impensabile – la guerra nell’Europa centrale, per la prima volta dal 1945 – l’Occidente si lasciò cogliere di sorpresa per la seconda volta.

Un fronte unito di nazioni forti e amanti della pace contro l’aggressione russa? Mai. Due decenni di abbellimento del “cambiamento attraverso il commercio” hanno portato alla smilitarizzazione delle democrazie occidentali, che ora sta minacciando la vita delle democrazie occidentali. Il potere della Guerra Fredda nel periodo pre-1989? Questa era storia.

Ma questo non bastava: non solo il Cremlino si è fatto amici affidabili tra i gruppi populisti in Europa – perché a loro finanziariamente ed energeticamente subordinati – che hanno diffuso la narrativa dei “nazisti ebrei gay” a Kiev. Ma anche questa si è rivelata solo una questione secondaria – nella migliore delle ipotesi un aspetto della strategia russa. Le cose cominciano già a funzionare lontano dai fronti ucraini, in un angolo dimenticato d’Europa.

Niente ostaggi: il piano di Putin comincia a sgretolarsi

Nella Prussia orientale – scusate: nell'ex Königsberg e dintorni, incorporata nell'Unione Sovietica come Kaliningrad dal 1945 e dopo la fine dell'Unione Sovietica rimase un'enclave russa tra Lituania e Polonia. Kaliningrad è principalmente una base militare. La flotta baltica della Marina russa, che tradizionalmente era stata bloccata nella base di Kronstadt, all'estremità del Golfo di Finlandia, è riuscita ad ancorare lì a 825 chilometri di distanza mentre il corvo gira verso sud-ovest. Oltre ai missili nucleari potenzialmente di stanza a Kaliningrad, l’intero Mar Baltico e i suoi vicini potrebbero restare nei guai. Ciò è stato reso più semplice grazie alla Finlandia e alla Svezia neutrali.

Dopo il febbraio 2022, Mosca ha ripetutamente dichiarato di voler tenere la Polonia e gli Stati baltici nel mirino di Kaliningrad e della Bielorussia (collegate tramite il corridoio di Suwalki): quattro paesi sono stati tenuti in ostaggio, per così dire. Ciò è diventato chiaro il 4 aprile 2023, quando la Finlandia è diventata il 31° membro della NATO. Se la Svezia arrivasse al 32° posto, le cose cambierebbero e Kaliningrad diventerà un’isola solitaria nel mare della NATO (letteralmente). L'isolamento della flotta russa nell'ex porto prussiano corrispondeva al precedente isolamento attorno all'isola di Kronstadt, al largo di San Pietroburgo.

Ma Putin non sarebbe Putin se non recitasse contemporaneamente in teatri diversi. Una cosa è costringere la NATO nel nord-ovest a dar prova di moderazione di fronte al contesto minaccioso di Kaliningrad. L’altro si trova nel sud-est, sul tradizionale “fianco morbido” della NATO: vicino alla Turchia e al Mediterraneo. Inizialmente il Cremlino ha accettato l'atmosfera autoritaria e la grazia di Recep Tayyip Erdogan. Quando l’ossatura della flotta ucraina fu sconfitta nel Mar Nero, l’obiettivo era mostrare ad Ankara chi in futuro avrebbe preso il comando lì, nel Bosforo e nel Mediterraneo.

Vladimir Putin.
Il presidente russo Vladimir Putin. (Foto d'archivio) © Agence France-Presse

Il gioco intelligente di Erdogan: l'adesione della Svezia alla NATO avvantaggia anche la Turchia

Tuttavia, sembra che il potente politico Erdogan non si sia precipitato a Mosca, ma abbia piuttosto manovrato abilmente tra Stati Uniti, Russia e Iran, tutti partner e concorrenti di Ankara. Se Erdogan accetterà l’adesione della Svezia, avrà vinto su tutti i fronti e sarà un passo avanti verso il suo obiettivo di diventare una potenza regionale nel Mediterraneo orientale.

A Putin restano solo i porti di Murmansk nell’Oceano Artico ancora ghiacciato (cioè non libero dai ghiacci tutto l’anno) e i porti di Vladivostok nell’estremo Oriente, dove la Cina è la principale responsabile. Pertanto, la Russia di Putin si troverà geostrategicamente nello stesso posto in cui si trovava l’Impero zarista prima della rivoluzione. (Pietro Rutkowski)