Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alex Espargaro (4°) convinto: ‘Era il più veloce’ / MotoGP

Alex Espargaro ha fatto una fantastica rimonta alla Dutch TT Arena di Essen dopo che il leader del Campionato del Mondo Fabio Quartararo ha quasi fatto cadere la stella dell’Aprilia dalla moto.

Alex Espargaro è scattato alla grande dalla seconda fila ed è arrivato secondo dietro al detentore Pico Bagnaia. Ma alla quinta curva del quinto giro, la gara del fuoriclasse Aprilia era quasi finita quando Fabio Quartararo ha tentato il sorpasso ed è caduto. Espargaró è stato spinto nella fossa di ghiaia ed è tornato al 15° posto, ma almeno è riuscito a continuare il Dutch TT.

Ora è chiaro: L’incidente ha avuto conseguenze di vasta portata per il leader della Coppa del Mondo Quartararoperché il leader del mondiale non solo ha segnato uno zero, ma è stato anche condannato a un lungo calcio di rigore al Gran Premio di Gran Bretagna (7 agosto) dai padroni di casa della FIM MotoGP per il suo “eccessivo tentativo di sorpasso”.

D’altra parte, Alex Espargaro è arrivato quarto con il passo più veloce in campo (incluso un record sul giro di 1:32.500 min) e infine un traguardo straordinario, battendo Brad Bender e Jack Miller. Il vincitore di Las Termas ha così ridotto a 21 punti il ​​suo deficit in classifica mondiale.

“Una cosa che non fa guadagnare punti ma che è importante per me è che l’ho mancato nelle ultime quattro o cinque gare e che mi serve se voglio lottare per quel titolo – e questo è essere veloce, il più veloce in pista. E penso che questo fine settimana, a parte le qualifiche. , con la sfortuna con le bandiere gialle, sono stato il più veloce. Oggi ho mostrato loro la mia velocità e questo è molto importante per me. Oggi non ho vinto perché Fabio ha colpito me. Ma penso che la vittoria sia stata chiara. Per me è importante avere quella sensazione”.

READ  Scandalo sugli abusi di ginnastica americana: le vittime vengono pagate milioni

Il pilota che guidava l’Aprilia è rotolato sul campo apparentemente senza sforzo. Perché il sorpasso è stato così facile per lui? “Non avevo niente da perdere e non voglio sembrare arrogante, ma il mio ritmo oggi è stato un po’ più veloce del resto del campo. Se la differenza fosse di mezzo secondo o qualche decimo, sarebbe molto all’ultima chicane ho frenato molto più tardi di tutti Soprattutto nel settore veloce la mia moto era incredibile e nessuno riusciva a mantenere la velocità che potevo portare con me, quindi è stato davvero facile per me. “

Come secondo classificato della Coppa del Mondo, avrà sicuramente qualcosa da perdere. “Dopo che Fabio mi ha incontrato, ho visto il P14 sulla mia tavola. In quel momento mi sono detto: “La tua corsa è finita. Non cambia niente se raccogli due o tre punti. Non importa, devi mirare a più di dieci – e se cadi, cadi. E ho pensato , anche se cadi non sarà colpa mia, è colpa di Fabio”, ha aggiunto Espargaro con un sorriso. “Oggi è stato il giorno in cui ho dimostrato di essere veloce e di avere una buona moto – e l’ho fatto. Quando ho visto i tempi sul giro, ho dovuto sorridere a me stesso. 1:32,5 minuti, va bene. »

Aliix Espargaró aveva previsto un attacco alla curva 5? O è stato solo un “stupido errore” di Quartararo, come ha ammesso lo stesso fuoriclasse Yamaha? “Sì, perché a quel punto ero molto forte – e Fabio lo sapeva. Il motivo per cui Fabio ha fatto questa manovra è perché si sente così bene sulla moto e può chiudere davvero bene le linee. Lo abbiamo visto anche in Germania alla prima curva con Pecco. Non è un pilota scorretto. Ma la sua fiducia è abbastanza alta per chiudere le linee. Ma oggi ero troppo veloce e ho chiuso le linee come lui – e siamo caduto. Si è scusato con me per aver commesso un grosso errore. questa manovra in questo angolo”.

READ  Riuscirà il KSC a vincere di nuovo in casa contro l'Hansa Rostock dopo undici anni? Questi fatti parlano per questo

Risultato MotoGP ad Assen (26 giugno):

1. Bagnaya, Ducati, 26 giri a 40: 25.205 minuti
2. Bezzecchi, Ducati, +0,444 secondi
3. Vinales, Aprilia, +1.209
4. Alex Espargaro, Aprilia, +2.585
Raccoglitore a 5 punte, KTM +2.721
6- Miller, Ducati +3.045.3
7. Martin, Ducati +4.340
8. Mir, Suzuki +8.185
9. Oliveira, KTM +8.325
10. Rins, Suzuki, +8.596
11- Bastianini, Ducati +9.783
12. Nakagami, Honda +10617
13. Zarco, Ducati +14.405
14. Di Gianantonio, Ducati, +17.681
15. Alex Marquez, Honda +25.866
16. Dovizioso, Yamaha, +29.711
17. Marini, Ducati +30.296
18. Bradle, Honda +32.225
19. Gardner, KTM, +34.947
20. Savadori, Aprilia, +35.798
– Fernandez, KTM, 8 giri in meno
– Quartararo, Yamaha, 15 giri indietro
– Darren Bender, Yamaha, 18 giri indietro
– Morbidley, Yamaha, 18 giri indietro

Mondiali MotoGP dopo 11 Gran Premi su 20:

1. Quartararo 172 punti. 2 Aleix Espargaró 151 3 Zarco 114 4 Bagnaia 106 5 Bastianini 105 6 Brad Binder 93 7 Miller 91 8 Mir 77 9 Rins 75 10 Oliveira 71 11 Martin 70 12 Viñales 62 13 Marc Marquez 60 14 Bezzecchi 55 15 Marini 52 16 Nakagami 44 Espargaró 40 18 Alex Marquez 27 19 Morbidelli 25 20 Di Giannantonio 18.21 Darryn Binder 10 22 Dovizioso 10 23 Gardner 9 24 Raul Fernandez 5

Campionato dei creatori:
1. Ducati 246 punti. 2. Yamaha 172. 3. Aprilia 155. 4. KTM 121. 5. Suzuki 101. 6. Honda 85.

Coppa del Mondo a squadre:
1. Aprilia Racing 213 punti. 2 Monster Energy Yamaha 197 3 Ducati Lenovo Team 197 4 Prima Pramac Racing 184 5 Red Bull KTM Factory 164 6 Suzuki Ecstar 152 7 Gresini Racing 123 8 Mooney VR46 Racing 107 9 Repsol Honda 100th 10th LCR Honda 69th 11th WithU Yamaha RNF 20th 12th Tech3 KTM Fabbrica 14