Dicembre 8, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alcune persone non possono mai avere la corona

Si è diffuso nella primavera del 2020 Corona virus Tra l’altro anche in Regno Unito la fine. Molti paziente è venuto in Ospedali. Per medici e infermieri il rischio di autolesionismo è aumentato rapidamente virus infettare. C’era anche una folla infezione. Tuttavia, nel caso di alcuni, non c’è alcuna possibilità che il virus inizi, anche se è probabile che venga a contatto con esso più volte. Sembra che tu sia più di uno immunità speciale contro il coronavirus. possedere ricercatore È arrivato dal Regno Unito. Il risultati della ricerca È stato recentemente pubblicato in una precedente edizione non verificata della rivista specializzata Nature.

I ricercatori hanno analizzato diversi campioni e dati del personale della clinica britannica. Così facendo, scoprono un gruppo universitario 58 persone, che in un periodo di quattro mesi, Il test PCR non è risultato positivo e non sono stati trovati anticorpi, sebbene il personale della clinica fosse regolarmente testato. Allo stesso tempo, un certo numero di colleghi è stato infettato da Corona durante questo periodo.

Cessazione dell’infezione a causa di un aumento del livello di cellule T

In 20 di questi soggetti di studio, i ricercatori hanno riscontrato un aumento dei livelli di cellule TIn 19 di loro, una proteina immunitaria extra chiamata IFI 27. Secondo gli autori, la proteina potrebbe essere un indicatore di un precedente contatto con Sars-CoV-2. Gli scienziati sospettano che nelle persone studiate si sia verificata una sorta di cessazione dell’infezione. Il virus potrebbe aver raggiunto i corpi delle persone, ma è stato combattuto così rapidamente che non è stato nemmeno in grado di prendere piede.

READ  Virus dell'influenza da A a C: ci sono questi diversi virus dell'influenza

“Non ho mai visto niente di simile prima. È davvero sorprendente che le cellule T possano controllare l’infezione così rapidamente”, Will Shane Crotty, Immunità I La Jolla ICalifornia Institute of Immunology, che non è stato coinvolto nella ricerca, è citato su “Nature”. Il sistema immunitario di queste persone sembra essere in grado di combattere il virus prima che possa affermarsi e diffondersi. Questo processo si chiamaInfezione fallitaspecificato.

Secondo i ricercatori, il motivo della difesa efficace contro il virus può essere di un certo tipo cellule T di memoria Sii quello che hanno trovato alle prove. Queste cellule erano attive contro una serie di proteine ​​virali importanti per la replicazione virale, le cosiddette complesso di replica. I ricercatori hanno trovato queste cellule T significativamente più spesso in coloro che non mostravano segni di infezione rispetto a coloro che avevano Covid-19. I ricercatori hanno anche trovato questo tipo di cellule T in campioni di sangue prelevati prima della pandemia.

Lo studio lascia molte domande senza risposta

Gli scienziati sospettano che cellule immunitarie Si forma quando viene infettato da un virus corona umano che causa il comune raffreddore. A differenza della proteina spike, che i virus usano per penetrare nelle cellule umane, ma varia da variante virale a variante virale, è complesso di replica Lo stesso per molti coronavirus. Ciò potrebbe rendere queste proteine ​​un nuovo bersaglio per vaccini efficaci non solo contro SARS-CoV-2, ma contro tutti i potenziali coronavirus.

Tuttavia, lo studio attuale lascia molte domande senza risposta. Per prima cosa, non è chiaro quando il freddo provoca la formazione di tali cellule T. Perché sebbene la stragrande maggioranza delle persone abbia avuto un raffreddore causato dal coronavirus almeno una volta nella vita, è chiaro che solo pochi hanno queste cellule T di memoria. D’altra parte, altri ricercatori osservano che non ci sono prove conclusive che le persone esaminate fossero effettivamente in contatto con Sars-CoV-2.

READ  Il nuovo 2G è vaccinato e pericoloso? : 02.11.2021, ore 9

Sono necessari ulteriori studi per una dichiarazione affidabile

Gli autori dello studio hanno contestato questo sospetto affermando che l’aumento misurato dei linfociti T coincideva esattamente con la prima ondata di epidemie in Gran Bretagna. Una coincidenza molto improbabile. Altri critici affermano che anche se le cellule T specifiche erano in grado di prevenire completamente l’infezione in quel momento, non è chiaro se ciò si applicasse anche alla variante delta più infettiva. Pertanto, sono necessari ulteriori studi con modelli animali e dati umani.

Ulteriori letture: Ricercatori tedeschi hanno studiato anche le cellule T nella lotta al virus Corona