Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aggiornato Corona: diminuisce l’impegno per l’isolamento – Politica

Ridurre l’isolamento prescritto per le persone con corona a cinque giorni. Lo ha annunciato giovedì sera il ministero della Salute della Sassonia-Anhalt, che attualmente presiede la Conferenza dei ministri della Salute. E il ministero federale della Salute ha annunciato, in un collegamento video dei capi dei dipartimenti federale e statale, che la raccomandazione del Robert Koch Institute (RKI) in merito alla durata dell’isolamento e della quarantena dovrebbe essere modificata all’inizio della prossima settimana.

I paesi vogliono rivedere di conseguenza le normative sull’isolamento e sulla quarantena. I ministri della Sanità giustificano la mossa aumentando l’immunità nella popolazione e uno sviluppo più mite della malattia utilizzando la variante omicron. È gratificante che “tutti i paesi abbiano concordato un approccio unificato basato sull’esperienza scientifica dell’RKI”, ha affermato il ministro della Salute della Sassonia-Anhalt Petra Grimm Bain (SPD). La quarantena dovrebbe essere raccomandata solo alle persone in contatto urgente con persone contagiate, si è detto giovedì sera dopo le deliberazioni dei capi dipartimento.

Diversi paesi stanno già facendo progressi nell’accorciare il periodo di isolamento. Anche nel Baden-Württemberg dovrebbe durare solo cinque giorni, come l’agenzia di stampa tedesca ha appreso dai circoli della coalizione. Dall’inizio di maggio, anche il test gratuito finale verrà rimosso dopo cinque giorni per la maggior parte delle persone che non presentano sintomi da due giorni. Ci sono eccezioni per i dipendenti nelle cliniche o nelle case di cura. Lo stato del Baden-Württemberg segue l’esempio della Baviera, dove tale regolamentazione è in vigore da metà aprile. Anche Renania-Palatinato e Turingia hanno annunciato che sarebbero andati in questa direzione.

Finora, l’isolamento e la quarantena sono generalmente durati dieci giorni e possono essere interrotti prematuramente con un test negativo al massimo dopo sette giorni. Il ministro federale Karl Lauterbach (SPD) aveva ritirato la fine inizialmente prevista per l’impegno di confinamento. (29/04/2022)

L’infezione scende per sette giorni a 758,5

Il Robert Koch Institute (RKI) ha riportato 101.610 nuove infezioni entro 24 ore venerdì. Si tratta di 60.108 casi in meno rispetto a venerdì della scorsa settimana, quando sono stati segnalati 161.718 casi di corona. Il tasso di infezione a sette giorni a livello nazionale è sceso a 758,5 da 826,0 del giorno prima. Altre 214 persone sono morte a causa del virus. Ciò ha aumentato il numero di decessi segnalati a 135.292.

Il numero delle vittime è attualmente di importanza limitata. Gli esperti ipotizzano da tempo che ci sarà un gran numero di casi non registrati dall’RKI – a causa dello stress delle autorità sanitarie e perché non tutte le persone infette hanno un test PCR. Solo questi contano nelle statistiche. Ecco perché utilizziamo il dashboard SZ Corona per mostrare il valore medio dei rapporti degli ultimi 7 giorni, che hanno lo scopo di compensare le fluttuazioni quotidiane. Puoi trovare maggiori informazioni su questo su Blog sulla trasparenzaE Maggiori dati e grafici sull’epidemia qui. (29/04/2022)

READ  Wort & Bild Verlag - Rapporti sulla salute: è così che i genitori vengono a conoscenza del diabete dei loro figli in una fase iniziale

Omicron sottovariante BA.2 al 97%, altre varianti sono rare

Secondo i dati del Robert Koch Institute (RKI), è probabile che il sottofattore di omicron BA.2 causi la stragrande maggioranza delle infezioni da corona in Germania. Secondo gli ultimi risultati – un campione della settimana prima della scorsa – la loro quota era del 97 percento, secondo il rapporto settimanale dell’RKI giovedì sera.

BA.1, il sottotipo precedentemente dominante, è poco meno del tre percento. Secondo i dati, le sottolinee omicron BA.4 e BA.5 relativamente nuove non hanno finora svolto alcun ruolo particolare: BA.4 è stato incluso con una quota dello 0% e BA.5 con una quota dello 0,1%. Le varianti miste sono state finora rilevate solo in casi isolati, scrive RKI. In Germania, l’intero genoma viene esaminato solo in una piccola percentuale di campioni positivi. (29/04/2022)

Drosten lascia il comitato Corona

Il virologo Christian Drosten si ritira dal comitato di valutazione scientifica delle restrizioni del governo tedesco su Corona. Sfortunatamente, Drosten lo ha informato che non avrebbe più accompagnato la valutazione della legge sulla protezione dalle infezioni del governo federale e del Parlamento, Lo ha detto su Twitter il ministro della Salute Karl Lauterbach. “Questa è una perdita enorme perché nessuno avrebbe potuto farlo meglio”. Il capo dell’Istituto di virologia della Charité Berlin rimane un membro del Corona Expert Council del governo federale.

Il Bundestag aveva stabilito nella legge sulla protezione contro le infezioni che una valutazione esterna dei requisiti doveva essere effettuata nel contesto della situazione epidemiologica di importanza nazionale che esisteva da diversi mesi. A tal fine è stata costituita una commissione di esperti che, per legge, dovrà presentare una relazione entro il 30 giugno. Fanno parte del comitato scienziati di varie discipline.

Una portavoce della Charité ha confermato su richiesta che Drosten aveva informato la commissione del suo ritiro. È giunto alla conclusione che l’attrezzatura e la configurazione sono insufficienti per poter garantire una valutazione di qualità scientificamente elevata. Inoltre, nelle ultime settimane, il contenuto delle consultazioni è stato più volte oggetto di segnalazioni fuorvianti e errate. “Secondo il professor Drosten, ciò ostacola una cooperazione costruttiva e mirata all’interno del comitato”. Dopotutto, i membri sono vincolati dalla massima riservatezza. (28/04/2022)

Decine di migliaia di violazioni delle vaccinazioni

Secondo un rapporto dei media, più di 47.000 violazioni dei requisiti per la vaccinazione corona nel settore sanitario sono state segnalate alle autorità sanitarie nelle 20 città più grandi della Germania. Come riportato dalla rete editoriale tedesca a seguito del suo sondaggio, ciò non ha avuto conseguenze per le persone colpite finora. Non c’è stato un solo caso di multe o divieti d’ingresso.

Secondo il rapporto, le violazioni più segnalate sono state nelle città di Berlino (6541), Monaco (5330) e Dresda (4.821). In termini di popolazione, Dresda ha di gran lunga gli operatori sanitari più non vaccinati. Ci sono 867 casi segnalati ogni 100.000 abitanti. Bonn segue Dresda con 531 e Hannover con 498 casi segnalati ogni 100.000 abitanti.

Secondo il rapporto, le città non vogliono imporre multe o emettere divieti di ingresso e attività fino a metà maggio. Da metà marzo, alla struttura è stato applicato un obbligo di vaccinazione contro il coronavirus a livello nazionale per il personale ospedaliero e di cura. Senza prove, c’è il rischio di un divieto di lavoro, che potrebbe essere emesso dalle autorità sanitarie comunali. L’impegno pubblico per la vaccinazione non ha trovato la maggioranza nel Bundestag ad aprile. (28/04/2022)

Prima della riunione dei ministri della Salute: i rappresentanti dei medici chiedono regole di isolamento uniformi a livello nazionale

I rappresentanti dei medici hanno chiesto regole uniformi a livello nazionale per isolare le persone con coronavirus. La presidente della Marburg Bond Medical Association, Susan Jonah, ha dichiarato ai giornali del Funk Media Group di aver bisogno di “norme chiare che non differiscano da paese a paese”. Giovedì i ministri della salute federali e statali vogliono discutere il nuovo regolamento sull’aderenza all’isolamento.

La Baviera e la Sassonia hanno già ridotto da dieci giorni a cinque il periodo precedentemente applicato. Tuttavia, questo ha senso solo se il risultato del test è negativo e non ci sono stati sintomi per 48 ore, ha detto John. Le prove dovrebbero provenire dal sito del test, come un centro di test o uno studio medico. (28/04/2022)

READ  Qual è il successo dei test rapidi nell'identificazione di una variabile omcron?

Anche ad Amburgo e nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore le mascherine non sono più obbligatorie nei supermercati

Dopo che la maggior parte dei requisiti del governo sul coronavirus sono scaduti in Germania, gli ultimi e più severi requisiti ad Amburgo e Meclemburgo-Pomerania Anteriore non si applicheranno più. Il Senato della città anseatica e il Consiglio dei ministri di Schwerin hanno deciso di porre fine a ulteriori norme di protezione come requisiti aggiuntivi per le maschere. Per diverse settimane, entrambi i paesi sono stati gli unici a livello nazionale a utilizzare una controversa clausola “hot spot” per le regioni con una situazione critica di pandemia. Ci sono ancora forti fluttuazioni nei numeri ufficiali dei nuovi contagi in Germania dopo le vacanze di Pasqua. Dal punto di vista dell’esperto, c’è il rischio di ulteriore incertezza se le prove non vengono svolte nelle scuole.

Alla luce dell’attuale situazione di infezione, le misure imposte ai sensi della cosiddetta regola degli hotspot non dovrebbero essere prorogate oltre il prossimo sabato, ha affermato martedì il primo sindaco di Amburgo Peter Chencher (SPD) dopo consultazioni con il Senato rossoverde. Non c’è motivo di prorogare. “Ora stiamo facendo di nuovo grandi passi avanti verso la normalità”. (27/04/2022)

Più della metà della popolazione statunitense ha contratto il coronavirus

Secondo uno studio, più della metà della popolazione negli Stati Uniti è ora infetta da Covid-19 almeno una volta. Nella popolazione totale, è il 58 per cento, e nei bambini fino a 11 anni, quella percentuale è superiore al 75 per cento, secondo uno studio pubblicato dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. I numeri si riferiscono ai mesi da dicembre a febbraio.

Prima che la variante del virus omicron iniziasse a circolare negli Stati Uniti all’inizio di dicembre, si poteva dimostrare che solo un terzo degli americani era sopravvissuto a un’infezione da corona. Per i bambini più piccoli era un buon 44 per cento. Nello studio, gli scienziati hanno cercato anticorpi specifici nel sangue dei soggetti del test che vengono prodotti solo dopo l’infezione ma non dopo la vaccinazione. Secondo i funzionari statunitensi, il 66% degli americani è stato completamente vaccinato e il 46% ha anche ricevuto una dose di richiamo. (27/04/2022)