Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Afghanistan: l’esodo degli Hazara


reportage

A partire dal: 21 dicembre 2021 06:53

La minoranza hazara in Afghanistan si trova in una situazione disperata. Lo Stato Islamico minaccia di distruggerli, e c’è poca fiducia nella protezione dei talebani. Molte famiglie siedono su valigie pronte.

Di Sibylle Licht, ARD Studio Nuova Delhi

Perquisizione del corpo davanti all’ingresso della moschea Al-Rasour a Kandahar, nel sud dell’Afghanistan. La moschea appartiene alla comunità Hazara, la più grande minoranza religiosa ed etnica in Afghanistan. La comunità paga le guardie all’ingresso stesso.

Sibilla luce
ARD studio Nuova Delhi

L’imam della moschea, Noor Ali Jafari, dice: “La gente ha paura. Questo è il motivo principale per cui i nostri centri religiosi e sociali hanno un aspetto diverso da prima. In alcune moschee i servizi sono stati completamente interrotti”. Ma quel giorno solo un terzo dei fedeli viene alla preghiera della sera.

Il numero dei credenti sta diminuendo: questa preghiera serale alla moschea Al-Rusour non si avvicina al numero degli hazara come prima.

Foto: Sibylle Licht

Il terrore non si ferma mai

Le comunità hazara in Afghanistan sono perseguitate da decenni dai talebani e dal cosiddetto Stato Islamico (ISIS). I talebani ora stanno di nuovo governando il paese e il terrore dell’ISIS continua. L’ultima volta che c’è stato un attacco suicida contro la comunità hazara è stato alla moschea Bibi Fatima a Kandahar il 15 ottobre. Morirono 45 persone. Quindi l’ISIS ha pubblicato una dichiarazione in cui rivendicava l’atto stesso e minacciava di perseguire tutti gli hazara ovunque si trovassero.

READ  Domanda sulla consegna delle armi: Kubicki protegge Scholz dalle critiche

Pridad Rezaei è il leader spirituale delle comunità Hazara di Kandahar. Ha perso sua sorella nell’attacco e, di conseguenza, ha cercato protezione per le sue comunità, dai talebani. Non ha scelta e deve collaborare con loro.

“Con l’aiuto dei loro servizi segreti, ora controllano la situazione della sicurezza. Hanno istituito un posto di blocco sul retro della moschea Bibi Fatima. L’area è monitorata da lì durante il giorno. Di notte, i talebani pattugliano l’area intorno la moschea.” La protezione si applica solo a una moschea nella comunità Hazara.

Nasconditi e scappa

Nel frattempo, lo Stato Islamico ha dichiarato il suo governatore a Kandahar, tra tutti i luoghi dell’ex roccaforte talebana. Dichiarare guerra ai talebani, il che non fa che aumentare la paura degli hazara.

L’Imam al-Jaafari dice: “La gente migra”. “Temono per la loro vita e per quella delle loro famiglie. Inoltre, non permettono più ai loro figli di andare a scuola, nemmeno la scuola religiosa per le classi islamiche”. Non ha un numero esatto di rifugiati.

In attesa di passaporti

Najibullah, un uomo sulla trentina, è venuto alla piccola moschea di Al-Rawer per la preghiera della sera. Dice anche che quasi l’intera comunità di Kandahar ora è seduta nei bagagli. Conosce 50 famiglie che volevano lasciare il Paese solo a gennaio: “Stanno aspettando i loro passaporti. I miei parenti mi hanno detto stamattina che vogliono partire anche loro. E solo questo è di circa 70-80 persone. Vogliono tutti andare in Iran”.

All’angolo della strada, Muhammad Nizar vende alcuni dei suoi articoli per la casa. La sua piccola figlia è in piedi accanto a lui, senza scarpe, con una temperatura esterna di 14 gradi. In seguito ha lavorato nel governo come tassista. Questo era il suo obiettivo di aprire un’attività dall’altra parte della strada. Ma la gente non aveva più soldi. Ora vende per strada gli articoli per la casa di famiglia per sbarcare il lunario. Anche lui vorrebbe lasciare l’Afghanistan. Ma gli mancano i mezzi.

Sfiducia radicata

Il leader spirituale Priyad Rezaei vede il suo gregge crollare. Anche se i talebani avevano promesso di non voler più agire contro le minoranze religiose o etniche, qui nessuno ci credeva.

Predicano contro l’odio e la violenza nelle loro moschee e gli imam Hazara di Kandahar si sono radunati per questo. “Parliamo nelle moschee del fatto che ci dovrebbe essere unità tra noi credenti. E chi si oppone non lo accetteremo più”, dice Pridad Rezaei. “Il nostro nemico comune è l’Isis”.

Gli imam vogliono fermare l’esodo delle comunità hazara dall’Afghanistan. Ma sempre più famiglie vogliono decollare. I talebani rilasciano di nuovo passaporti dall’inizio della settimana. Poco dopo questo annuncio, si sono formate lunghe code davanti ai dispensari in tutto il paese.

Preghiera solo sotto protezione: una guardia davanti alla moschea Al-Rusour osserva il pacifico svolgimento della vita religiosa. Ma non tutte le moschee degli Hazara sono sorvegliate in alcun modo.

Foto: Sibylle Licht