Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Acquisti vacillano: l’industria automobilistica teme un anno misero

Gli acquisti vacillano
L’industria automobilistica teme un anno miserabile

La gente in Germania compra meno automobili. Ad agosto il numero di nuove immatricolazioni è rimasto a un livello basso. Il mercato automobilistico tedesco teme i peggiori dati di vendita degli ultimi tre decenni per quest’anno.

Le auto continuano a vendere relativamente male. Secondo la Federal Motor Transport Authority, ad agosto sono state immatricolate 19.200 auto di nuova immatricolazione. Sebbene fosse del tre percento in più rispetto ad agosto dello scorso anno, anch’esso debole, il calendario prevedeva anche un giorno di saldi in più. Secondo il settore, i colli di bottiglia nella fornitura di componenti critici non stanno più rallentando la produzione tanto quanto recentemente. Alla luce dell’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari, ad esempio, le persone sono ora sempre più riluttanti a fare acquisti più grandi.

Secondo l’Associazione internazionale dei produttori di automobili, quest’anno il mercato automobilistico tedesco si sta dirigendo verso i peggiori dati di vendita degli ultimi 30 anni. I produttori tedeschi hanno recentemente abbassato di nuovo le loro aspettative. L’Associazione dell’industria automobilistica tedesca ora presume che ci saranno solo 2,5 milioni di nuove immatricolazioni in Germania nel 2022. Si tratterà di una diminuzione del 6% rispetto all’anno precedente.

Con circa il 35%, la maggior parte delle auto nuove ad agosto aveva un motore a benzina e il 18% erano diesel. I veicoli elettrici a batteria hanno una quota di mercato del 16% e un buon 12% erano auto ibride plug-in, che combinano un motore a combustione e un motore elettrico la cui batteria può essere caricata tramite una presa.

Finora quest’anno sono state immatricolate circa 1,6 milioni di auto nuove, circa il 10% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il deficit di vendita rispetto all’anno prima di Corona 2019 era del 34%. Ad agosto, gli ordini dalla Germania sono stati inferiori del 37% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, mentre gli ordini dall’estero sono aumentati del 2%.

READ  2021 e le sue novità