Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Accordo a Bruxelles: i ministri Ue vogliono nuove auto a zero emissioni dal 2035

Affare Accordo a Bruxelles

I ministri dell’UE vogliono nuove auto a zero emissioni a partire dal 2035

Dal 2035 saranno immatricolati solo i nuovi veicoli a emissioni zero

Dal 2035 saranno immatricolate nell’Unione Europea solo le auto nuove senza emissioni di CO2. I ministri dell’Ambiente di 27 paesi dell’Unione Europea hanno deciso di porre fine alle auto con motori a benzina e diesel.

Dopo una lunga lotta, i ministri dell’ambiente dell’UE hanno concordato una posizione sul motore a combustione interna dal 2035. La loro proposta di consentire solo le nuove auto a emissioni zero lascia la porta sul retro aperta ai carburanti elettronici.

ioSecondo la volontà dei paesi dell’Unione europea, a partire dal 2035 nell’Unione europea dovrebbero essere vendute solo auto nuove a impatto climatico zero. I ministri responsabili dell’ambiente dei 27 paesi hanno concordato questo mercoledì sera. Un ultimo compromesso deve ora essere negoziato con il Parlamento europeo, che chiede la fine completa delle nuove auto con motori a combustione a partire dal 2035. I paesi dell’UE si sono espressi a favore della riduzione a zero dei cosiddetti limiti di flotta per le auto entro il 2035.

Questi limiti indicano ai produttori quanta anidride carbonica possono emettere auto e furgoni durante il funzionamento. Ciò significa che dal 2035 non saranno più vendute nuove auto alimentate da motori a combustione convenzionali. I veicoli già immatricolati non saranno interessati dal progetto. Gran Bretagna, Svezia, Danimarca, Paesi Bassi e Belgio puntano già al 2030.

Solo durante i negoziati in corso il governo federale ha trovato una soluzione interna. Secondo un portavoce del governo martedì, la Commissione europea ha promesso di presentare una proposta su come registrare solo i veicoli a carburante rispettosi del clima dopo il 2035. “Secondo l’intesa comune del governo federale, questo vale anche per le autovetture e i veicoli commerciali leggeri”.

La porta sul retro della Commissione dell’Unione Europea

L’FDP aveva preoccupazioni significative sull’approvazione di un’effettiva uscita dal motore a combustione. Il governo federale ha ora la possibilità della commissione di redigere una proposta che tenga conto anche dei carburanti rispettosi del clima per le nuove auto con motori a combustione interna. L’FDP ha insistito sul fatto che dopo il 2035 potrebbero essere approvati anche i veicoli a combustione di carburante elettronico.

il mio annuncio investire nel verde

I combustibili elettronici sono generalmente prodotti da acqua e anidride carbonica utilizzando l’elettricità. Se questo è rispettoso dell’ambiente dipende dalla fonte di elettricità ea quale costo è possibile risparmiare il carburante. Al Parlamento Europeo, che all’inizio di giugno ha deciso di far cessare il motore a combustione dal 2035, è stata bocciata la maggiore importanza dei combustibili sintetici.

Leggi anche

World CR Ulf Poschardt 30 settembre 2016 Foto: Claudius Pflug / Berlino Autore foto

Il prossimo passo è che i paesi dell’UE e il Parlamento europeo negozino insieme. Devono concordare una posizione comune e il Parlamento ha già votato a favore del divieto. La Commissione dell’Unione Europea aveva già presentato l’anno scorso una proposta che metterebbe fine ai motori a combustione dal 2035.

Il ministro federale dell’Economia Robert Habeck ha accolto con favore l’accordo raggiunto dai ministri dell’Ambiente dell’UE. “Questo è il più grande pacchetto di protezione del clima che è stato redatto in Europa in 15 anni”, ha detto mercoledì sera il politico verde. La decisione è un “audace punto esclamativo per la protezione del clima in Europa”.

Oltre ai nuovi requisiti climatici per auto e camion nuovi, i paesi dell’UE hanno anche approvato un fondo per il clima sociale da 59 miliardi di euro e la riforma del sistema di scambio delle quote di emissione dell’UE.

Il ministro federale dell’ambiente Steffi Lemke (i Verdi) ha dichiarato che l’Europa ha “preparato la strada a una maggiore protezione del clima nei trasporti”. L’Unione Europea lancia un chiaro segnale “che dobbiamo raggiungere gli obiettivi climatici. Fornisce all’industria automobilistica la pianificazione della sicurezza di cui ha bisogno”.

READ  Dopo le minacce di Mosca: l'Unione Europea detta le regole per le sanzioni dopo la disputa sul passaggio a Kaliningrad