Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Abbiamo scoperto l’impossibile”

“Abbiamo scoperto l’impossibile”
  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

Il telescopio James Webb capovolge la cosmologia: le galassie massicce nell’universo primordiale non possono essere spiegate dai modelli attuali.

State College – Le galassie che si sono formate nell’Universo dopo il Big Bang dovevano essere piccole. Almeno questo è ciò che l’astrofisica si aspetterebbe. Ma ora le immagini del nuovo James Webb Space Telescope (JWST) delle organizzazioni spaziali NASA, dell’Agenzia spaziale europea e dell’Agenzia spaziale canadese sembrano capovolgere questa comprensione dell’universo. Nelle immagini, un gruppo di ricerca ha scoperto sei enormi galassie nell’universo primordiale.

Il gruppo di ricerca è rimasto sorpreso dalla loro scoperta: “Questi oggetti sono molto più grandi del previsto”, spiega Joel Lega della Penn State University allo State College in una dichiarazione. LIGA fa parte del gruppo di ricerca che ha analizzato l’immagine della galassia. Era un lavoro specializzato per questo nel diario natura pubblicato. “Ci aspettavamo di trovare solo galassie giovani e giovani a questo punto, ma abbiamo rilevato galassie mature come la nostra in quella che si pensava fosse l’alba dell’universo”, ha detto in uno l’astrofisico Leja. comunicazione.

Sei enormi galassie esistite tra 500 e 700 milioni di anni dopo il Big Bang potrebbero ribaltare gli attuali modelli cosmologici. © NASA, ESA, CSA, I Labbe (Swinburne University of Technology). Elaborazione delle immagini: G. Brammer (Center for Cosmic Dawn of the Niels Bohr Institute, University of Copenhagen)

Il James Webb Space Telescope osserva approssimativamente il Big Bang

Il team di ricerca internazionale LIGA ha trovato le galassie circa 500-700 milioni di anni dopo il Big Bang, in proporzioni cosmiche quasi immediatamente dopo il Big Bang. Con i suoi strumenti a infrarossi, il James Webb Space Telescope consente ai ricercatori di rilevare la luce emanata dalle stelle e dalle galassie più antiche. In questo modo, i ricercatori possono guardare indietro di circa 13,5 miliardi di anni nel passato, fino a poco prima del Big Bang, che secondo i modelli attuali è avvenuto circa 13,8 miliardi di anni fa.

Il team di ricerca non è ancora del tutto sicuro di aver effettivamente scoperto antiche galassie giganti, perché le galassie possono essere viste solo come piccoli punti rossi nelle immagini JWST. “Questo è il primo sguardo così lontano, quindi è importante che apriamo le nostre menti su ciò che stiamo vedendo”, ha detto Lega. Mentre i dati indicano che molto probabilmente si tratta di galassie, il ricercatore ritiene anche che sia possibile che alcuni di questi oggetti possano diventare buchi neri supermassicci.

Una stella massiccia potrebbe anche eruttare nella regione di formazione stellare NGC 3324 nella Nebulosa Carena.  Immagine dal telescopio spaziale James Webb.
Immagine dal telescopio spaziale James Webb. © dpa / NASA / ESA / CSA / STScI

Le galassie giganti contraddicono i modelli cosmologici

“Indipendentemente, la quantità di massa che abbiamo rilevato significa che la massa nota delle stelle in questo periodo del nostro universo è fino a 100 volte maggiore di quanto si pensasse in precedenza. Anche se dimezziamo il campione, è comunque un bel cambiamento”, spiega Lega. La scoperta dell’astrofisico “sfida ciò che molti di noi pensavano fosse scientificamente provato”. “Ci siamo riferiti informalmente a queste cose come ‘distruttori di universi’ – e finora sono stati all’altezza del loro nome.”

Secondo il gruppo di ricerca, le galassie sono così massicce da non essere d’accordo con il 99% di tutti i modelli cosmici. Per spiegare la grande massa, bisognerebbe riscrivere i modelli cosmologici o rivedere la comprensione scientifica di come si sono formate le galassie nell’universo primordiale. Fino ad ora, la cosmologia ha ipotizzato che le galassie inizino come piccole nuvole di stelle e polvere e gradualmente diventino più grandi.

Uno sguardo molto approfondito nell’universo primordiale rivela cose sorprendenti

“Abbiamo esaminato l’universo primordiale per la prima volta e non avevamo idea di cosa avremmo trovato”, afferma Lega. “Si scopre che abbiamo trovato qualcosa di così inaspettato che in realtà è un problema per la scienza”. Il suo collega Ivo Lappi, autore principale dello studio, ricorda di aver lavorato con le registrazioni: “Ho eseguito il software di analisi e ha sputato fuori due numeri: la distanza 13,1 miliardi di anni luce, la massa di 100 miliardi di stelle, e ho quasi sputato fuori il mio caffè. Abbiamo appena scoperto l’impossibile. Impossibilmente presto, galassie incredibilmente enormi.”

Un modo per capire se si tratta di galassie molto vecchie è prendere gli spettri dei singoli oggetti. Ciò consentirà ai ricercatori di determinare le distanze effettive e anche di apprendere di cosa sono fatte le galassie. Con l’aiuto di questi dati, gli scienziati possono anche determinare quanto siano effettivamente massicce le galassie. “Lo spettro ci dirà subito se queste cose sono reali o meno”, spiega Lega. (fattura non pagata)