Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

6 alimenti che aumentano il colesterolo buono

6 alimenti che aumentano il colesterolo buono
  1. 24vita
  2. Vivi sano

Esistono due tipi di colesterolo: il colesterolo “cattivo” LDL e il colesterolo “buono” HDL. Quest’ultimo deve rimanere alto nel corpo.

Il colesterolo è l’elemento costitutivo di molti ormoni, nonché delle membrane cellulari e degli acidi biliari. Pertanto, svolge un compito importante nel corpo. Questa è chiamata anche la cosiddetta molecola di grasso, che lega altri grassi nel corpo per trasportarli nei posti giusti. Tuttavia, un eccesso di colesterolo può essere dannoso per l’organismo perché provoca depositi nei vasi sanguigni. Ciò, a sua volta, aumenta il rischio di malattie cardiovascolari come ictus o infarto. Bisogna però distinguere tra colesterolo “buono” e “cattivo”.

Prevenire l’ictus con una dieta sana: sei alimenti che aumentano il colesterolo “buono”.

Nonostante il loro alto contenuto di grassi, la frutta secca può aiutare a bilanciare i livelli di colesterolo nel sangue. La quantità è cruciale. © Westend61/Imago

Il colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL) è noto come colesterolo “cattivo”. Se il valore è alto, le proteine ​​in eccesso si depositano nelle pareti dei vasi sanguigni sotto forma di placche. La sua controparte è il colesterolo legato alle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), che è considerato il colesterolo “buono” perché protegge, ad esempio, dall’aterosclerosi, e il colesterolo LDL dai processi ossidativi. Si raccomanda quindi di mantenere i livelli di colesterolo HDL più alti possibile, a differenza dei livelli di colesterolo LDL. Una dieta sana, tra le altre cose, può aiutare. Puoi aumentare il colesterolo buono con i seguenti sei alimenti:

  1. Seme di lino: Oltre agli acidi grassi omega-3, che abbassano naturalmente la pressione sanguigna, i cereali contengono anche lignani. Queste sostanze vegetali simili a fibre legano il colesterolo dannoso e lo trasportano via, rendendo i semi di lino dei veri agenti per abbassare il colesterolo.
  2. Cereali integrali: I prodotti integrali non solo ti fanno sentire sazio più a lungo e ti aiutano a perdere peso, ma aiutano anche a bilanciare il livello di colesterolo nel sangue grazie alle preziose fibre. Inoltre le sostanze vegetali secondarie in esso contenute vengono utilizzate anche come abbassatori naturali del colesterolo.
  3. Pesce azzurroSalmone, sgombro e tonno sono tipi di pesce che contengono molti acidi grassi insaturi come gli omega 3 e gli omega 6, che aumentano il valore del colesterolo buono HDL e allo stesso tempo aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo LDL.
  4. avocadoI frutti verdi contengono molti componenti che promuovono la salute e non solo aiutano a perdere peso. È ricco di vitamine, calcio, potassio e fornisce buoni acidi grassi che aiutano a bilanciare i livelli di colesterolo nel sangue.
  5. Olio vegetaleI grassi sani fanno parte di una dieta equilibrata. Inoltre, gli oli vegetali ricchi di acidi grassi polinsaturi, come l’olio di oliva, di canapa o di girasole, possono stimolare la produzione di colesterolo nel corpo. Aumentano i livelli di colesterolo HDL e garantiscono l’abbassamento del colesterolo LDL.
  6. Noccioline: Anche se contengono molti grassi, possono comunque aiutare a bilanciare i livelli di colesterolo nel sangue. La quantità è cruciale. Ad esempio, bastano solo cinque noci al giorno per abbassare i livelli di colesterolo. Gli acidi grassi insaturi in esso presenti, insieme ad altre sostanze vegetali presenti in esso, impediscono l’assorbimento del colesterolo dannoso.

Non perdete l’occasione: trovate tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter del nostro partner 24vita.de.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non può rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.