Novembre 28, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

140 miliardi di agevolazioni fiscali, in vista delle banche francesi

Maxim Watano, Jeremy Baruch e Anne Michael

Pubblicato oggi alle 6:00, aggiornato alle 7:30

Questa è la storia di una rapina eccezionale. Stiamo rivalutando il valore del bottino rubato e sospettiamo che i rapinatori continuino a usarlo in sicurezza. La storia è che l’arbitro del dividendo è una grande azienda che saccheggia le risorse finanziarie degli stati di tutto il mondo sulla base di complesse transazioni finanziarie che vengono eseguite nei mercati finanziari e sono state a lungo fuori dai radar dei governi. Il costo di questo saccheggio ad almeno una dozzina di paesi, tra cui Francia, Germania e Belgio, è di almeno 140 miliardi di euro negli ultimi vent’anni.

Questo numero senza precedenti è il risultato di una nuova indagine del gruppo “Comex Files”, un consorzio di sedici testate internazionali guidate dal sito tedesco. CorrezioneHa esposto questa corruzione globale nel 2018.

In collaborazione con il Christophe Spengel Group dell’Università di Mannheim (Germania), Il mondo E i suoi partner sono risultati Una nuova valutazione Perdite fiscali per gli stati causate da commercianti che adottano questi sofisticati accordi per evitare le tasse. Questa cifra di 140 miliardi di euro per coprire la mancanza di azione ufficiale dell’evento è quasi tre volte superiore alla stima di 55 miliardi stabilita nel 2018 perché il team ha potuto documentare l’esistenza di queste pratiche su un ampio periodo (2000-2020) e un ampio spettro geografico.

READ  Serie A: Trasmissione in TV e live streaming in Germania

Francia, prima uccisa

L’importanza dei suoi mercati finanziari ha reso la Francia la prima vittima di questo saccheggio finanziario. Così, in vent’anni, ha perso almeno 33 miliardi di euro di gettito fiscale perché questo arbitrato sui dividendi è praticamente chiamato “gum gum”. Questo è l’equivalente Grande Piano di Investimenti Francia 2030 Annunciato martedì 12 ottobre da Emmanuel Macron.

Se gli strumenti finanziari utilizzati sono complessi, il principio della frode è semplice. Tutti i possessori stranieri di azioni di gruppi francesi quotati in borsa devono sfuggire all’imposta sui dividendi pagabili alla Francia – piccoli depositanti tedeschi e grandi fondi di investimento statunitensi. Per fare ciò, devono rimuovere le loro azioni in modo tempestivo. Una banca francese accetta di fare l’uomo di paglia “portando” le proprie azioni per alcuni giorni, nel momento esatto in cui l’imposta è dovuta – prendendo una commissione sul processo. Di conseguenza, nessuno paga l’imposta sui dividendi: la banca francese non si presenta come intermediario, né il vero proprietario straniero, non identificato.

Il 71,15% di voi dovrebbe leggere questo articolo. Il resto è solo per gli abbonati.