Aprile 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

106° Giro d’Italia: Gamna manca la top ten – “non un momento clou assoluto”

106° Giro d’Italia: Gamna manca la top ten – “non un momento clou assoluto”

106° Giro d’Italia Camna manca la top ten – “non un momento clou assoluto”

Il belga Remko Evenboel ha preso d’assalto il podio con la maglia rosa del Team South. Fotografia

© Jasper Jacobs/Belga/dpa

Il 106° Giro d’Italia è iniziato con una cronometro e il tedesco spera che Lennard Camna si sia assicurato un posto fuori dalla top ten. Una giovane stella è in un campionato tutto suo.

Lennard Kamna è stato spogliato della sua maglia del campionato tedesco ed è rimasto senza fiato mentre se ne andava. All’inizio del suo programma del Giro d’Italia, il promettente tedesco ha chiaramente mancato la top ten mirata.

Il 26enne si è dovuto accontentare del 22esimo posto nella cronometro di apertura. Sui 19,6 chilometri da Foscia Marina a Ortona, Kamna aveva già perso 1:23 minuti contro Remko Evenboel, il miglior campione del mondo su strada che ha vinto la prima maglia rosa.

Kamna: “Va ancora bene.”

“Non è stato un momento clou assoluto, ma non è stato male. Solido, direi. È stato difficile, dritto per molto tempo. Non riuscivi a respirare”, ha detto Kamna dell’agenzia di stampa tedesca. E ha aggiunto: “C’è sicuramente speranza. È il primo stadio ed è tutt’altro che un disastro. Va ancora bene”.

L’ex campione del mondo juniores si aspettava qualcosa in più. Il direttore sportivo Jens Zemke ha sottolineato che Gamna ha “soffrito un po’ negli ultimi giorni”. “Non ha seguito l’intero programma di allenamento. È rimasto in hotel ieri”, ha spiegato Zemke.

Evenepoel, nel frattempo, era in un campionato diverso, battendo il due volte campione del mondo a cronometro Filippo Canna d’Italia di 22 secondi. “Sono molto felice. È un grande ritorno al Giro”, ha detto Evenepole, che ha interrotto il suo primo tentativo nel secondo grande giro del mondo dopo 17 tappe due anni fa.

Lotta per la maglia rosa

In una battaglia tra le due stelle, il belga ha inferto un duro colpo anche al suo rivale sloveno, Primos Roglic. Il 23enne pilota eccezionale aveva già superato Roglik di 43 secondi. Quindi lo sloveno deve colpire le montagne, dopotutto, altre due prove a cronometro attendono i ciclisti professionisti.

Kamna aveva fissato i primi dieci obiettivi sia nel debutto nei test che nella classifica generale. Avendo già festeggiato vittorie giornaliere al Tour de France (2020) e al Giro in alta montagna (2022) come cacciatore di tappe, il corridore più talentuoso di Fischerhütt affronta per la prima volta quest’anno la classifica generale.

Per questo si è preparato per quattro mesi, ha portato il suo peso al limite più basso e “ho raggiunto un livello in cui non ero mai stato”, ha insistito Comna davanti alla Grande Bartenza. Non è riuscito a sottolinearlo all’inizio. “Non so se posso tenere il passo con Remco o Primos. Sono piloti eccezionali”, ha detto Kamna della classifica generale. La risposta finale sarà in condizioni di montagna difficili prima di raggiungere la capitale Roma dopo 3489,2 chilometri il 28 maggio.

Cinque nuovi aiutanti per Roglik

Per il compagno favorito Roglic, che punta a conquistare la maglia rosa dopo il terzo posto ottenuto nel 2019, il Giro è iniziato male. Un totale di cinque assistenti ha dovuto essere sostituito in anticipo. Il connazionale di Roglik, John Dratnick, è stato colto alla sprovvista dopo un incidente di prova venerdì, con tre piloti costretti a passare a causa del coronavirus negli ultimi giorni. Il 33enne si è infortunato al ginocchio e ha dovuto essere sostituito dal nuovo professionista Thomas Glock. È stata la prima partecipazione della Gran Bretagna al Grand Tour.

Domenica i velocisti possono sperare in un arrivo in massa nella seconda tappa pianeggiante, oltre 202 chilometri da Teramo a San Salvo.

dpa