Giugno 5, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

ZfP Winnenden esperto di demenza e depressione: cosa puoi fare al riguardo? – Notizie da Winnenden

Al famoso attore Bruce Willis è stata diagnosticata una rara forma di demenza. Ci sono voluti anni dai primi segni a una diagnosi confermata. Nel frattempo, l’americano ha dichiarato di non poter più recitare perché non ricordava più i testi.

La demenza e soprattutto il morbo di Alzheimer, ma anche la depressione, entusiasmano non solo i fan dell’attore, ma anche i cittadini i cui amici o parenti ne sono affetti. Come si possono identificare precocemente le malattie e cosa si può fare al riguardo? In occasione delle Giornate della salute del Lions Club Winnenden il 18 febbraio Presentato dopo la lezione dal Primario Dr. Andreas Reither del Center for Psychiatry (Dipartimento di psichiatria e psicoterapia geriatrica) ha chiesto a quattro ospiti in forma anonima e per iscritto.

Domanda 1: Quali sono i metodi più recenti per diagnosticare la demenza?

Dr. Reither: Le basi della diagnosi di demenza sono presentate in quelle che vengono chiamate linee guida diagnostiche dell’International Working Group. Recentemente si sono concentrati maggiormente sulle scansioni del cervello e del liquido cerebrospinale. Questi includono una scansione PET (tomografia a emissione di positroni).

Questo è un test a raggi X per il quale una sostanza radioattiva viene iniettata nel flusso sanguigno e prende di mira i depositi proteici patologici nella malattia di Alzheimer, chiamati amiloidi. Di conseguenza, la scansione è anche chiamata PET amiloide. È molto complesso e allo stesso tempo molto costoso e la sua rilevanza è ancora limitata, quindi la certezza di una diagnosi corretta non è molto alta. Ciò significa che la PET amiloide non è una scansione di routine.

Le indagini sulle proteine ​​amiloide e tau nel liquido cerebrospinale hanno un peso maggiore per quanto riguarda la percezione dei processi degenerativi nel cervello. Il liquido cerebrospinale (CSF) si ottiene perforando il fluido. Il cervello è immerso nel liquido cerebrospinale, quindi i cambiamenti nel cervello possono essere rilevati indirettamente esaminando il liquido cerebrospinale. D’altra parte, la degenerazione cerebrale può essere rilevata con l’aiuto di scansioni TC o MRI.

READ  Prevenzione della malattia di Alzheimer: ridurre il rischio di malattia del 40%.

La seconda domanda: esistono farmaci appropriati per il trattamento della demenza?

La demenza è una sindrome di molte malattie, la più comune delle quali è il morbo di Alzheimer. Ma la demenza può svilupparsi anche nel contesto di molte altre malattie, ad esempio nel morbo di Parkinson, ma anche nel caso di disturbi circolatori molto cronici a causa dell’aterosclerosi nei vasi sanguigni del cervello. Pertanto, non esiste un “unico” farmaco per la demenza.

Tuttavia, la curabilità della malattia di Alzheimer sta facendo progressi lenti: negli ultimi anni sono stati sviluppati diversi anticorpi contro i depositi patologici nella malattia di Alzheimer. E ora, qualche mese fa, sembrava possibile sviluppare una sostanza con l’anticorpo lecanemab – già utilizzato nella fase iniziale – in grado di rallentare notevolmente il processo patologico. L’approvazione per l’Europa è prevista nella prima metà del 2023. I costi del trattamento non saranno certamente bassi e la disponibilità probabilmente non sarà nemmeno immediatamente elevata.

Domanda 3: In che modo i medici distinguono tra ADHD e demenza in età avanzata?

ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) è un disturbo del controllo degli impulsi con maggiore distraibilità, che di solito si verifica durante l’adolescenza.

Dieci anni fa, ci sono state le prime indicazioni di una connessione tra l’ADHD negli anziani e la demenza in età avanzata – attraverso un marcato restringimento in alcune parti del cervello coinvolte nella memoria (la formazione dell’ippocampo) e nei sentimenti (il nucleo dell’amigdala).

L’anno scorso, i ricercatori hanno mostrato un legame tra l’insorgenza dell’ADHD e un aumento del rischio di sviluppare in seguito una demenza specifica, la demenza da corpi di Lewy – con molta meno probabilità, questo vale anche per la demenza di Alzheimer.

READ  Vaccinazione contro le zanzare: non più fantasia - ma solo esperienza

Dal punto di vista odierno, la differenza tra ADHD (dall’età di 60 anni) e demenza è dovuta a una diversa distribuzione del peggioramento dei sintomi nell’ADHD e nella demenza: nell’ADHD sembra esserci una più forte associazione di alcuni neurotrasmettitori (i neurotrasmettitori dopamina e norepinefrina), in demenza, è probabilmente causata da un’alterata struttura tridimensionale delle proteine, che si aggregano e non possono essere smontate.

Non dimentichiamo che, in termini di numeri, è anche importante non trascurare le malattie del benessere come l’obesità, l’ipertensione, il diabete e l’aterosclerosi come causa di molte malattie, ma anche danni cerebrali in seguito.

Domanda quattro: quali sono i primi segni di depressione?

I primi segni di depressione possono essere molto diversi e spesso non possono essere riconosciuti come tali, soprattutto in caso di depressione per la prima volta.

Ciò significa che per un bel po’ di persone, i sintomi effettivi della depressione, vale a dire la mancanza di gioia, la diminuzione dell’iniziativa e della motivazione, non devono essere presenti all’inizio. Il punto di partenza possono essere un diffuso declino delle forze (“stanchezza”), irrequietezza interiore, paura, panico e disturbi del sonno, così come l’impotenza e i disturbi del pensiero (con difficoltà di distinzione dalla demenza in età avanzata). Anche il ritiro dalla vita da club o una maggiore irritabilità, negli uomini un aumento del consumo di alcol, possono fornire indizi.

Non è raro che appaiano diversi sintomi fisici, ad esempio sulla pelle con i nuovi cambiamenti che si sono verificati, ma anche debolezza intestinale o addirittura un battito cardiaco irregolare poiché i sintomi psicosomatici vanno di pari passo con la depressione. Ad ogni modo, da un certo punto nel tempo, il corpo reagisce a una reazione fisica e mentale – attraverso il sistema nervoso autonomo, l’ormone e il sistema immunitario – che poi innesca nuovi sintomi e può innescare un ciclo di auto-rafforzamento, così che la depressione, nonostante il trattamento All’inizio può aumentare a un ritmo allarmante.

READ  Una volta si pensava che i pesci di acque profonde fossero estinti - ora il salmerino originale è tornato

D’altra parte, le persone che hanno già superato la depressione in passato conoscono alcuni dei primi segni di imminenti sintomi depressivi.

Se viene confermato un sospetto di depressione, è necessario cercare una consulenza professionale in una fase iniziale. Almeno quando sorgono pensieri sull’insensatezza della vita, pensieri costanti sul presente e sul futuro, con pensieri sulla propria morte, non si può più parlare di sintomi lievi ed è assolutamente necessario un aiuto professionale.