Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Zach: Felice!: Scientificamente provato: cinque cose che ti rendono felice

Zach: Felice!: Scientificamente provato: cinque cose che ti rendono felice

Scarpe nuove, festeggiamenti sfrenati, vincere alla lotteria: è tutto divertente. Ma la vera felicità è diversa: in realtà è molto semplice e si trova nella vita di tutti i giorni, se sai cosa ti aiuta. Lo spiega un esperto.

“La felicità non può essere dimostrata con un teorema matematico”, scrisse nel 1799 il poeta Heinrich von Kleist alla sorella. “Se vuole esserci, bisogna sentirla”.

Ma: cosa ci aiuta a sentirci felici? Che cos'è comunque? Ottenere i numeri giusti della lotteria, cioè fortuna casuale, non lo è. Ma “qualcosa come il benessere, cioè l'esperienza interiore della felicità umana”. Questo è ciò che dice Dorothy Salchow. Originario di Amburgo, è un coach e formatore di psicologia positiva ed è membro dell'Associazione tedesca di psicologia positiva. Lei sa cosa porta la felicità. Anche di questo ci sono prove.

1. Dai vita in modo efficace alle emozioni positive

Dorothy Salchow: “Secondo tutto quello che sappiamo dalla ricerca, da un lato sono le emozioni positive ad avere il maggiore impatto sul nostro benessere. A prima vista sembra controintuitivo: quando non ci sentiamo bene, dovremmo farlo. ” Cerca emozioni positive, è di fondamentale importanza che tutte le emozioni o sentimenti possano essere presenti.

Allo stesso tempo, se vogliamo sperimentare più benessere, è utile guardare: cosa mi interessava oggi e dove ho goduto o sono stato felice? Dove hai sentito amore o speranza? Dove posso essere orgoglioso di me stesso o di qualcun altro?

Consiglio sempre di utilizzare il vocabolario delle 10 emozioni positive di Barbara Fredrickson: gioia, ispirazione, gratitudine, amore, stupore, cura, orgoglio, gioia, serenità e speranza.

Sappiamo – insomma – che provare emozioni positive nel breve termine porta alla nostra capacità di percepire ed elaborare più stimoli. Si formano più connessioni nervose. Ciò supporta la nostra flessibilità mentale e creatività e possiamo risolvere meglio i problemi.

A breve termine, costruiamo nuove risorse a cui possiamo accedere e, a lungo termine, ciò ci permette di affrontare meglio la nostra vita quotidiana e di provare emozioni più positive.

2. Conosci i tuoi punti di forza e usali

“Un altro consiglio per provare più felicità è concentrarsi sui propri punti di forza: in cosa sono veramente bravo? E guardare come mi approccio alle cose piuttosto che in cosa sono bravo? Invece di, ad esempio, “Sono bravo in Excel” ', 'Ho una grande perseveranza' o 'Affronto… le cose con il mio senso della bellezza' o 'La mia saggezza mi ha aiutato in molti momenti'.

Se conosciamo i nostri punti di forza e li usiamo, a lungo termine ci sentiremo meglio. Altri punti di forza del carattere ben studiati includono: curiosità, giudizio, correttezza, saggezza, intelligenza sociale e umiltà.

3. Il significato dell'esperienza

“Ha sempre senso chiedersi: in che misura sento di poter dare un contributo, cioè dove vivo la mia esistenza e il mio funzionamento in modo significativo? Gli studi hanno dimostrato che le persone con un alto senso di significato sono più felici. Il mio consiglio: in famiglia vita, al lavoro o al lavoro di volontariato, per vedere dove posso contribuire con qualcosa a un insieme più grande.

4. Stabilire obiettivi e raggiungerli

“Anche stabilire degli obiettivi e raggiungerli ci rende felici. Non significa che dobbiamo superare subito un test o correre una maratona. A volte ci sono situazioni nella nostra vita in cui, una volta raggiunti, diventa effettivamente un obiettivo, e usciamo dalla porta quel giorno.

Per il nostro benessere è importante realizzare questo obiettivo e anche raggiungerlo – per così dire, questa pausa: guarda, ce l'ho fatta!

5. Buoni rapporti con gli altri

“Il fattore numero 1 in assoluto per una maggiore felicità nella vita sono le relazioni sociali buone e di sostegno. Esiste, tra le altre cose, uno studio su larga scala dell'Harvard Grant condotto dal 1936. Ha dimostrato che non si tratta di questo, soprattutto troppo, è sufficiente avere una o due persone nella nostra vita che consideriamo di supporto.

La cosa positiva è che mi rende più felice quando faccio qualcosa per qualcun altro, o sostengo qualcun altro, o contribuisco con qualcosa alla felicità di qualcun altro, rispetto a quando cerco di rendere felice me stesso. Fondamentalmente spetta a me rendere la relazione solidale e allo stesso tempo contribuire al mio conto della felicità. “Se non sono due piccioni con una fava.”

Cosa ostacola la felicità?

Robert Waldinger, che fu in gran parte responsabile dello studio della borsa di studio e scrisse un libro basato su di essa (“La bella vita… e come può funzionare: risultati dello studio più lungo del mondo sulle vite soddisfacenti”), ha una risposta a questa domanda .

Divide la felicità in due categorie. C'è un senso edonistico di benessere, che significa “mi sto divertendo adesso”. C’è una sensazione di prosperità e benessere, “la sensazione che la propria vita sia fondamentalmente significativa e buona”.

Sebbene sia chiaro che siamo felici in uno stato di benessere edonistico, questo non è necessariamente il caso in uno stato di benessere eudaimonistico. Chi legge per l’ennesima volta la stessa favola della buonanotte al proprio bambino probabilmente non si diverte per niente. “Ma è la cosa più logica da fare in quel momento? Sì.”

Non esiste una scorciatoia per la felicità

Spesso c’è una differenza tra ciò che ci dà piacere o gioia a breve termine e ciò che ha valore e significato per noi. Tutti hanno bisogno di entrambi, dice Waldinger. Abbiamo problemi con la felicità quando inseguiamo solo una felicità piacevole piuttosto che una felicità banale ma in definitiva più significativa.