Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Voyager 2: l’alimentazione di riserva è stata sfruttata e la missione è stata estesa per anni

Voyager 2: l’alimentazione di riserva è stata sfruttata e la missione è stata estesa per anni

Apparentemente, la NASA ha trovato un modo per preservare la strumentazione scientifica del veicolo spaziale Voyager 2 qualche anno in più del previsto. Per fare ciò, la sonda attinge ora a una piccola corrente di riserva, che dovrebbe aiutare a proteggere gli strumenti in caso di potenziale fluttuazione di tensione. Sebbene la tensione non sia più monitorata con la stessa attenzione di una volta, non c’è più bisogno di una rete di sicurezza aggiuntiva perché l’impianto elettrico è stato molto stabile negli ultimi decenni. Inoltre, dato che i dati scientifici possono continuare a essere raccolti negli anni a venire, il rischio è accettabile.

Come la sua navicella gemella Voyager 1, Voyager 2 è alimentata da due batterie a radionuclidi (RTG). Tuttavia, l’energia ottenuta dalla decomposizione radioattiva del plutonio sta diminuendo di anno in anno, motivo per cui i sistemi di riscaldamento e non centrali sono già stati spenti. I prossimi saranno gli strumenti di ricerca rimanenti, ha scritto il Jet Propulsion Laboratory della NASA. Quando hanno pensato a come prevenirlo, hanno scoperto l’alternativa che ora era stata scelta.

Come spiegano i funzionariLe due sonde hanno un meccanismo di protezione a bordo che dovrebbe intervenire se la tensione a bordo cambia improvvisamente in modo drammatico. A tale scopo è installato un regolatore di tensione, che attiva quindi il circuito di alimentazione di emergenza. Per questo può accedere a una piccola quantità di energia inutilizzata dalle batterie a cui è destinato. Questo è ora utilizzato per mantenere gli strumenti ancora attivi per un periodo più lungo. Se la tensione oscilla ulteriormente in futuro, si può ancora reagire da terra. Se la traiettoria scelta funziona ora, può anche essere trasferita su Voyager 1 in seguito.

Lanciate a 16 giorni di distanza nel 1977, due sonde Voyager hanno sfruttato una rara costellazione in cui i quattro pianeti più grandi del sistema solare si avvicinavano particolarmente. Entrambi hanno visitato Giove per la prima volta e hanno guadagnato slancio su di esso verso Saturno, dove si sono separati: la stessa Voyager 1 è saltata fuori dal piano del sistema solare lì, la Voyager 2 su Urano e Nettuno. Originariamente previsti solo per una missione di quattro anni, sono ora in viaggio da 45 anni e sono ancora attivi. Il programma Voyager è stato a lungo uno dei più grandi successi della NASA. Un problema tecnico si è verificato su Voyager 1 solo lo scorso anno, ma è stato risolto. La fine della missione standard non è ancora in vista.


(mese)

alla pagina iniziale