Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Volo di prova riuscito: “Starliner” dalla Stazione Spaziale Internazionale sulla Terra

Il volo di prova è stato un successo
Starliner dalla Stazione Spaziale Internazionale sulla Terra

SpaceX & Co. avrebbe dovuto avere un concorrente di lunga data. Ma lo Starliner di Boeing è in ritardo rispetto al programma a causa di una serie di malfunzionamenti. Ora, per la prima volta, un volo di prova verso la Stazione Spaziale Internazionale e ritorno ha avuto successo.

La navicella spaziale Starliner sviluppata da Boeing per conto della NASA ha completato con successo per la prima volta un volo di prova verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Dopo circa quattro giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale, il veicolo spaziale senza equipaggio è uscito dalla stazione spaziale come previsto ed è atterrato poche ore dopo nello stato americano del New Mexico, hanno annunciato Boeing e NASA.

È stato un test importante per lo “Starliner” in crisi. In futuro, l’astronave trasporterà gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale in sostituzione della capsula spaziale “Crew Dragon” di SpaceX. Tuttavia, il progetto è in ritardo a causa di una serie di problemi. In effetti, la navicella Starliner avrebbe dovuto trasportare gli astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale molto tempo fa, ma durante il primo test di dicembre 2019 la navicella non è arrivata alla Stazione Spaziale Internazionale, in parte a causa del problema di accensione degli azionamenti.

La capsula ha trasportato circa 230 chilogrammi di merci come cibo, vestiti e sacchi a pelo alla stazione spaziale. A bordo c’era anche una bambola di nome Rosie, dotata di sensori e progettata per raccogliere dati durante il volo. Sul volo di ritorno, la capsula trasportava circa 270 chilogrammi di carico, compresi i serbatoi di aria respirabile riutilizzabili. Quando è rientrata nell’atmosfera terrestre, la capsula spaziale ha espulso il suo motore, che avrebbe dovuto bruciarsi nell’atmosfera. La capsula stessa ha dovuto resistere a temperature di 1.650 gradi Celsius durante il rientro.

La missione “Starliner” non è del tutto fluida

Il compito non è stato del tutto privo di problemi. Secondo la NASA, due dei dodici motori che controllano la traiettoria non funzionavano quando l’aereo è decollato dalla Terra. Tuttavia, la capsula è stata messa in pista con l’aiuto di un motore di scorta. Il giorno dell’attracco, la nave ha mancato il tempo di contatto programmato di oltre un’ora dopo che un anello responsabile dell’attracco alla stazione non si è propagato correttamente. In generale, i rappresentanti della NASA e della Boeing sono rimasti soddisfatti del test.

I test sono stati posticipati più volte l’anno scorso, poi lo Starliner ha dovuto tornare completamente in officina a causa di problemi con le valvole. La NASA ha descritto il successo del lancio dal Cape Canaveral Spaceport come una “pietra miliare” la scorsa settimana. Il veicolo spaziale trasportava più di 300 chilogrammi di carico, comprese le forniture per l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale. Lo Starliner è un veicolo spaziale semi-riutilizzabile costituito da una capsula dell’equipaggio e un’unità di servizio di lancio di missili. Una volta approvato per il trasporto umano, può trasportare fino a quattro membri dell’equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale.

READ  Qual è il successo dei test rapidi nell'identificazione di una variabile omcron?