Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Voli per il Ruanda: la Gran Bretagna si è impegnata in piani di espulsione

Stato: 06.06.2022 15:06

Il primo volo britannico di espulsione verso il Ruanda è stato fermato all’ultimo minuto. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha disposto la sospensione. Il governo britannico vuole ancora attenersi al progetto.

La Gran Bretagna si impegna anche a deportazioni programmate in Ruanda Dopo una pausa della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU). Il segretario al lavoro Therese Coffey ha detto a Sky News che il governo britannico avrebbe sicuramente preso provvedimenti contro la sentenza dei giudici. “La cosa più importante è che ce ne occupiamo immediatamente”. La Gran Bretagna si sta già preparando per un nuovo tentativo di viaggio.

Il governo del primo ministro Boris Johnson afferma di voler utilizzare la misura per combattere le bande di contrabbandieri e rendere poco attraente l’ingresso indesiderato attraverso la Manica. L’anno scorso, più di 28.000 migranti e rifugiati hanno attraversato il canale verso la Gran Bretagna.

Il primo volo programmato di espulsione nel Paese dell’Africa orientale è avvenuto martedì sera Annullato all’ultimo minuto. La corte di Strasburgo ha affermato che le deportazioni dovrebbero essere sospese fino a quando i tribunali del Regno Unito non avranno raggiunto una decisione definitiva sulla legalità delle deportazioni. Si tratta dell’accesso dei deportati a procedure eque in Ruanda e del paese classificato come sicuro. Questa decisione dovrebbe essere presa a luglio.

La corte ha giurisdizione nonostante la Brexit

La Corte Umanitaria di Strasburgo non fa parte dell’Unione Europea, ma del Consiglio d’Europa, e quindi è responsabile per la Gran Bretagna anche dopo la Brexit. Il segretario al lavoro Kofi ha detto di no quando gli è stato chiesto se la Gran Bretagna stesse considerando di cambiare il suo rapporto con la corte. “A questo punto, non sono a conoscenza di alcuna decisione o addirittura accenno in tal senso”, ha detto il ministro.

Tali provvedimenti provvisori, ai sensi dell’articolo 39 del regolamento di procedura della Corte europea dei diritti dell’uomo, possono essere ordinati da un giudice vincolante da qualsiasi Stato parte della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Vengono rilasciati solo in rari casi e quando vi è un rischio imminente di danno irreparabile.

Che cos’è la Corte europea dei diritti dell’uomo?

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) con sede a Strasburgo non è un organismo dell’UE. Il Consiglio d’Europa è dietro la Corte europea dei diritti dell’uomo. Ci sono anche paesi che non sono membri dell’Unione Europea, ad esempio la Turchia o il Regno Unito. Per questo motivo, la Corte europea dei diritti dell’uomo può adottare decisioni vincolanti per questi paesi. In termini di contenuto, i giudici di Strasburgo esaminano se le misure dello Stato in questione siano compatibili con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU).

Solitamente, il percorso verso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è aperto solo dopo che si sono esauriti i canali legali a livello nazionale, cioè non ci sono più vie di ricorso nel Paese. In casi particolarmente urgenti, Strasburgo può anche prendere decisioni provvisorie in una procedura d’urgenza. In questi casi, il contenuto riguarda principalmente la minaccia di espulsione. In passato, da 100 a 200 richieste urgenti all’anno hanno avuto successo.

READ  Regole di accesso e Aura - SWR Aktuell

Scritto da Christoph Kilbach e Maximilian Bauer, ARD Affari legali

Il Ruanda vuole ancora accogliere le persone

Il governo ruandese ha detto che non avrebbe lasciato che l’ultima sentenza della corte lo dissuadesse dal piano concordato con la Gran Bretagna. Una portavoce del governo ha affermato che il Paese è pronto ad accogliere i migranti e fornire loro sicurezza e mezzi di sussistenza. Il Ruanda non è del tutto altruista: secondo i piani di Johnson, il Ruanda riceverà inizialmente 120 milioni di sterline – equivalenti a circa 144 milioni di euro – in cambio di collaborazione.

Le deportazioni sono state ampiamente criticate

Con il viaggio, Londra ha voluto annunciare il suo controverso accordo con il Ruanda, in base al quale il governo conservatore vuole dissuadere altre persone in cerca di protezione dall’entrare nel Regno Unito. Le Nazioni Unite e molte altre organizzazioni vedono ciò come una violazione del diritto internazionale.

Da quando il “Rwanda Deal” è diventato noto ad aprile, ci sono state massicce proteste, in particolare da parte di organizzazioni e chiese per i diritti umani. Martedì, in una lettera aperta, la Chiesa inglese ha denunciato la mossa come “immorale” e una “vergogna” per il Paese.