Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vittima del dittatore bielorusso Lukashenko: “Se dovessi tornare indietro mi ucciderei” – Politica all’estero

Le accuse di tortura contro il dittatore Alexander Lukashenko (67 anni) stanno aumentando!

Migliaia di migranti dalla Bielorussia sono fuggiti oltre il confine in Polonia nelle ultime settimane, inclusi iracheni, afgani e siriani. Nota: molti di loro sono dovuti andare in ospedale dopo essere fuggiti e alcuni sono rimasti gravemente feriti!

Siluya Gil dell’organizzazione umanitaria “Granica” al BILD: “Sentiamo le storie peggiori. Si dice che molti migranti vengano torturati in Bielorussia e gli ospedali polacchi sono pieni di feriti”.

Ma cosa sta succedendo davvero oltre confine? In BILD, due rifugiati parlano di orrori che non dimenticheranno mai.

I soldati in Bielorussia hanno minacciato di ucciderci


In un’intervista con BILD, Mansour N. (42) piangendoFoto: M Ferien

Mansour N. (42 anni), un padre di famiglia di Aleppo (Siria), è stato curato nell’ospedale Bielsk Podlasky, vicino al confine.

Dice: “Ho cercato di attraversare il confine con la Polonia due volte. Nel primo tentativo, le guardie di frontiera polacche ci hanno riportato indietro. I soldati bielorussi ci hanno intercettato e picchiato. Poi hanno detto: se fallisci al secondo tentativo, uccideremo tu.”

Il siriano continua: “Non posso tornare in Siria, temo per la mia vita. Ho sofferto abbastanza nei Paesi arabi. Se non posso restare in Europa, tutto sarà vano”.

Poi è scoppiato in lacrime: “Allora mi ucciderò, non so cosa fare dopo. Se l’umanità è ancora lì, ti chiedo di aiutarci”.


Allende O. è stato ferito.  (20 anni) in ospedale e ha detto che non mangiava da cinque giorni

Allende O. è stato ferito. (20 anni) in ospedale e ha detto che non mangiava da cinque giorniFoto: M Ferien

“Mi hanno fatto ingoiare i miei soldi.”

Allen e. (20) di Sulaymaniyah (Iraq) hanno anche riferito di torture. In realtà è riuscito a superare il confine, ma a un certo punto la polizia polacca lo ha rintracciato e riportato in Bielorussia. “Quando mi hanno riportato in Bielorussia, i soldati di Lukashenko hanno trovato i soldi polacchi che avevo con me”.

Inoltre: “Mi hanno costretto a ingoiare le bollette. Mi hanno anche colpito alla testa e distrutto il mio cellulare. Mi hanno tagliato i vestiti con le forbici”.

Alend O. è piuttosto esausto e si dice che sia stato nei boschi per un mese. Qualche giorno fa ha fatto il suo secondo tentativo di fuga oltre confine e attraverso la zona di esclusione polacca. Ora sta aspettando in un centro per rifugiati in Polonia che la sua domanda di asilo venga approvata – con Mansur N.

READ  L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea: la disputa sulla pesca - Londra nomina ambasciatore in Francia