Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vitamina D, Omega 3 e sport contro il cancro, Gütsel Online

Donna anziana: il rischio di sviluppare il cancro può essere facilmente ridotto in età avanzata.

Vitamina D, Omega 3 e sport contro il cancro

  • L’interazione di tutte le misure riduce del 61% il rischio di malattia nelle persone di età superiore ai 70 anni

Zurigo, 25 aprile 2022

Combinazione ad alto dosaggio #vitamina Dott, #omega 3 acidi grassi e un semplice programma di allenamento della forza a casa (SHEP) determinano una riduzione cumulativa del 61% del rischio di cancro negli adulti sani di età superiore ai 70 anni. Questa è la conclusione a cui sono giunti i ricercatori di Ospedale universitario di Zurigo. Secondo gli esperti, questo è il primo studio che esamina i vantaggi combinati di tre misure di salute pubblica a prezzi accessibili per prevenire i tumori invasivi.

Studio con 2157 partecipanti

Secondo gli esperti, i risultati della ricerca potrebbero avere implicazioni per la prevenzione del cancro negli anziani. #cancro È negli anziani in Europa e #Stati Uniti d’America La seconda causa di morte. La probabilità di sviluppare la malattia aumenta con l’età. Secondo il capo della ricerca, Heike Bischoff Ferrari, le misure preventive negli anziani sono attualmente in gran parte limitate a controlli e vaccinazioni. Studi meccanicistici hanno dimostrato che la vitamina D inibisce la crescita delle cellule tumorali. Gli Omega-3 possono anche inibire la trasformazione delle cellule normali in cellule cancerose.

Secondo gli scienziati, l’esercizio fisico è noto per migliorare la funzione immunitaria e ridurre l’infiammazione. Entrambi possono aiutare a prevenire il cancro. Tuttavia, ad oggi, sono mancati solidi studi clinici per dimostrare l’efficacia di queste tre semplici misure da sole o in combinazione. Li possiede il team guidato da Bischoff Ferrari Studia “Fai salute” Superiore. Al sondaggio triennale hanno preso parte 2.157 partecipanti provenienti da cinque paesi europei. Questi erano Svizzera, Francia, Germania, Austria e Portogallo.

Vantaggi cumulativi comprovati

I partecipanti sono stati divisi casualmente in otto diversi gruppi. Un gruppo ha ricevuto 2.000 UI di vitamina D3 al giorno e un grammo di omega-3 e SHEP tre volte a settimana. Il secondo gruppo ha ricevuto vitamina D3 e omega-3 e il terzo gruppo ha ricevuto vitamina D3 e SHEP. Il quarto gruppo ha ricevuto solo omega-3 e SHEP, il quinto ha ricevuto solo vitamina D3, il sesto gruppo ha ricevuto solo omega-3, il settimo gruppo ha ricevuto solo SHEP e l’ultimo è stato un placebo. I partecipanti sono stati contattati telefonicamente ogni tre mesi – inizialmente, dopo 1, 2 e 3 anni sono stati anche sottoposti a screening con test standardizzati.

I risultati degli scienziati svizzeri mostrano che tutte e tre le forme di trattamento hanno vantaggi cumulativi nel rischio di cancro invasivo. Quindi ogni approccio ha un piccolo vantaggio. Tuttavia, quando combinati, i benefici diventano statisticamente significativi. Nel complesso, i ricercatori hanno riscontrato una riduzione del 61% del rischio di cancro. I risultati dell’attuale ricerca scientifica sono stati pubblicati sulla rivista Frontiers in Aging.

READ  Schnelltest: Nur jeder dritte Test korrekt – der Mythos vom sicheren Arbeitsplatz