Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Violazione della cauzione: il fondatore di FTX torna in prigione

Violazione della cauzione: il fondatore di FTX torna in prigione

Violazione dei requisiti di garanzia
Il fondatore di FTX è tornato in prigione

Sam Bankman-Fried vive una vita criminale finanziaria. Ha fondato la piattaforma di criptovaluta FTX e ha dovuto presentare istanza di fallimento dopo accuse di frode ed è stato arrestato alle Bahamas. Dopo aver pagato la cauzione, è stato rilasciato. Ora deve essere di nuovo dietro le sbarre.

Il fondatore della fallita piattaforma di criptovalute FTX, Sam Bankman-Fried, è stato nuovamente arrestato per frode. Venerdì un giudice federale di New York ha annullato la cauzione provvisoria del 31enne, ha detto la corte sul suo sito web. I pubblici ministeri hanno sostenuto che Bankman-Fried ha violato i termini della sua cauzione e ha influenzato i testimoni.

FTX e il fondo di investimento Alameda Research, anch’esso fondato da Bankman-Fried, sono falliti a novembre, provocando un terremoto nel mondo delle criptovalute. Una volta salutato come un prodigio crittografico, Bankman-Fried fu successivamente catturato alle Bahamas ed estradato negli Stati Uniti. La magistratura statunitense accusa il 31enne di frode, riciclaggio di denaro e violazione delle leggi sul finanziamento della campagna elettorale.

In realtà era agli arresti domiciliari con i suoi genitori

Bankman-Fried è stato rilasciato dalla custodia a dicembre con una cauzione di 250 milioni di dollari. Da allora, è agli arresti domiciliari a casa dei suoi genitori in California. Ora, il giudice di New York Louis Kaplan ha ordinato a Bankman-Fried di tornare dietro le sbarre in attesa del processo.

Bankman-Fried ha incarnato l’ascesa della criptovaluta in un investimento apparentemente serio come nessun altro. Tuttavia, all’inizio di novembre, l’edificio commerciale è crollato quando è stato rivelato che FTX deteneva essenzialmente i fondi dei suoi clienti in criptovaluta emessa appositamente senza equivalenti. L’11 novembre la società ha presentato istanza di fallimento.