Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Valencia CF: Grande protesta contro il proprietario Peter Lim: i tifosi paralizzano la città

Citazione da Macardo

Citazione da Strobe

Ed è esattamente ciò che sboccia per noi in Bundesliga quando cade il 50+1.
Molti si promettono apertamente un prestigio maggiore per il campionato tedesco, ma si spera segretamente che l’investitore nel suo “proprio” club ci versi più soldi di altri investitori nella competizione.

Neanche Lim sembra un investitore, ma è come un parassita che risucchia tutto il capitale dal club, pur lasciando i debiti in una spirale discendente senza fine.

Sapevo che un altro commento sarebbe arrivato come prova che 50 + 1 era fantastico. Perché scegli sempre i rari casi negativi e ignori tutti gli altri sviluppi positivi tra gli investitori? Vero, perché solo i cattivi entrano nell’agenda.

Naturalmente, questa voce dell’investitore dovrebbe essere considerata con attenzione. Dubito che i club della Bundesliga attirerebbero qualsiasi investitore asiatico se 50+1 non esistesse più. Le aziende tedesche saranno più interessanti. Sono curioso di sapere quando 50+1 verrà finalmente eliminato e come agirà in seguito. Non saresti in grado di andare avanti senza l’arrivo di un investitore, dovrebbe essere ovvio.

Questa visione è raramente ingenua. Ti invitiamo a dare un’occhiata a tutti i club investitori “di successo” nella seconda e terza lega inglese, in Spagna, Italia e nell’Europa meridionale e orientale. Non si investe nulla, ma si acquistano azioni, ed è meglio pagare il prezzo di acquisto all’associazione come onere del debito (vedi Glazer), e basta. La maggior parte dei proprietari e degli investitori non è nemmeno finanziariamente in grado di investire denaro nel club. L’eccezione assoluta sono i fondi sovrani e 1-2 Abramovich, che non sono interessati al denaro e ne sono entusiasti.

READ  Leroy Sane spiega perché la sua performance è esplosa

La base è Lims, Al Thanis, Ashleys, Ponomarews, Geworkyans, Gauccis, Tans, Whytes, ecc… fuori dal mondo.

È una totale illusione che ci siano “campioni dell’industria tedesca” in coda qui in Germania per portare i club della Bundesliga ai vertici d’Europa. Con SAP, Bayer e VW, tre delle più grandi società sono attive al di fuori dei 50+1 da oltre 20 anni e non hanno ottenuto nulla se non mantenere lo status quo a 4-10 in Bundesliga.

A volte è desiderabile avere un maggiore senso della realtà…