Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vacciniamo con cerotto e inalatore nel 2022? Uno sguardo al futuro dell’epidemia

Il terzo anno dell’epidemia sarà migliore del secondo anno nei paesi ben vaccinati del primo mondo. COVID-19 Non influenzerà la vita quotidiana lì. In paesi come il Regno Unito e Israele I vaccini hanno indebolito il legame tra tassi di infezione e tassi di mortalità.

Tuttavia, nei paesi poveri, o in quelli con un tasso di vaccinazione più basso, o nei paesi che applicano entrambi, gli effetti a lungo termine del virus saranno ancora evidenti. Ciò aumenta la disuguaglianza tra i paesi. La Gates Foundation, una delle più grandi organizzazioni di beneficenza del mondo, prevede che i redditi medi nel 90% delle economie di successo torneranno ai livelli pre-pandemia. Solo un terzo dei paesi a basso e medio reddito può farlo.

Il problema dell'”ultimo miglio” è particolarmente evidente.

Nonostante l’aumento della fornitura di vaccini nell’ultimo trimestre del 2021, molti paesi non saranno in grado di vaccinare adeguatamente fino al 2022 a causa di problemi di distribuzione ed esitazione nella distribuzione dei vaccini. Ciò aumenta la morbilità e la mortalità e ostacola la ripresa economica.

Il problema dell'”ultimo miglio” con la consegna di vaccini alle regioni più povere e remote del mondo è particolarmente angoscioso. I reclami sulla distribuzione irregolare diminuiranno nel 2022 quando ci saranno meno persone disposte a essere vaccinate rispetto ai vaccini. Se i produttori non tagliano la produzione, potrebbe esserci un eccesso di offerta nella seconda metà dell’anno, prevede l’analista di dati Airfinity.

I vaccini di richiamo, a loro volta, aumenteranno nel 2022 perché i paesi sapranno quindi quando sono necessari. Secondo Stanley Plotkin dell’Università della Pennsylvania, l’inventore del vaccino contro la rosolia, le nuove varianti aumenteranno anche l’accettabilità della vaccinazione. Secondo Plotkin, i vaccini attuali e le loro versioni migliorate come booster possono migliorare la protezione contro le varianti.

READ  Combattere il melanoma aggressivo con le cellule killer: una pratica curativa

Si sta ampliando anche la vaccinazione infantile, in alcuni paesi anche per i bambini dai sei mesi in su. Se i governi non dovessero raggiungere i loro obiettivi a causa di dubbi sulla vaccinazione, cercheranno di rendere la vita più difficile ai non vaccinati: ad esempio, facendo passare la vaccinazione il biglietto d’ingresso per alcuni eventi e la vaccinazione di gruppi speciali – ad esempio nel settore sanitario sistema di assistenza – obbligatorio.

Il virus può diventare endemico in molti luoghi

Entro la metà del 2022, l’immunità e il trattamento potrebbero aver ridotto il numero di casi e il rischio di sviluppare nuove varianti. Il virus può diventare endemico in molti luoghi. Tuttavia, sono necessari nuovi vaccini per fermare la trasmissione. Secondo Stefan Bancel, presidente del produttore di vaccini mRNA di Moderna, l’azienda sta lavorando a un vaccino “polivalente” che protegga da più di un tipo di Covid-19. Inoltre, sono in corso ricerche su un vaccino “respiratorio completo” contro vari coronavirus, agenti patogeni respiratori e influenzali.

Altre innovazioni nei vaccini Covid-19 includono versioni liofilizzate di vaccini mRNA e vaccini che vengono somministrati attraverso un cerotto o inalati. I vaccini liofilizzati a mRNA sono facili da trasportare. Con l’aumento della disponibilità di vaccini, aumenta anche la domanda di vaccini a base di mRNA poiché forniscono una maggiore protezione. Questo renderà i vaccini meno efficaci – come dalla Cina – Limitando.

Nei paesi ricchi c’è anche un crescente interesse per le terapie anticorpali per le persone infette da Covid-19. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e altri paesi faranno più affidamento su cocktail come quelli di Regeneron o AstraZeneca.

READ  Perché alcune persone sono immuni all'infezione da corona? Lo studio porta nuove intuizioni

I farmaci più promettenti sono i farmaci antivirali. Pfizer produce già “in serie” del proprio inibitore della proteasi. Il governo degli Stati Uniti prevede di acquistare 1,7 miliardi di confezioni del farmaco antivirale sviluppato da Merck (molnopiravir) che gli studi hanno dimostrato essere efficace; Alla società è stata concessa una licenza di produzione di massa a basso costo.

Diversi altri farmaci antivirali sono in cantiere. Poiché possono essere assunti come compresse, diventeranno probabilmente un bestseller nel 2022 e potrebbero contribuire a rendere il Covid-19 una malattia più curabile. A sua volta, questo porterà anche a nuove preoccupazioni sulla disparità di accesso. Il pericolo più grande in tutto questo è una nuova alternativa che vada oltre la protezione dei vaccini esistenti. il Corona virus Non va sottovalutato come avversario.