Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vaccinazione corona: il rischio di sviluppare miocardite nei giovani è più alto di quanto ipotizzato

Un uomo ha dolore al petto.

© imago

Il rischio di sviluppare miocardite dopo la vaccinazione con mRNA sembra essere più alto di quanto precedentemente ipotizzato, specialmente negli adolescenti e nei giovani adulti.

Kassel – Un vaccino per l’mRNA del produttore statunitense Moderna non è stato utilizzato affatto in Islanda da venerdì 5 novembre 2021, ha annunciato il ministero della Salute del paese sul suo sito web Covid.is. In Svezia e Finlandia CoronaAttualmente, il vaccino non verrà somministrato agli uomini di età inferiore ai 30 anni e in Norvegia e Danimarca non verrà somministrato agli adolescenti di età inferiore ai 18 anni. In Germania, il Comitato permanente per l’immunizzazione (Stiko) ha recentemente modificato la raccomandazione per Moderna in modo che non debba essere data alle persone sotto i 30 anni. In Gran Bretagna, Hong Kong e Norvegia, secondo un rapporto del New York Times, ci sono anche considerazioni per somministrare il vaccino mRNA Biontech/Pfizer agli adolescenti solo in misura limitata, nello specifico: somministrare solo una singola dose e nessuna doppia vaccinazione.

Sebbene questi passaggi differiscano nei dettagli, c’è uno sfondo comune: questo rischio di sviluppare miocardite*, un’infiammazione del muscolo cardiaco, dopo la vaccinazione con mRNA contro la corona, sembra essere maggiore di quanto si pensasse in precedenza, specialmente negli adolescenti e nei giovani adulti, anche se queste complicanze rimangono rare.

Miocardite dopo vaccinazione corona – quadro clinico:

miocardite È una malattia infiammatoria del muscolo cardiaco, con pericardite colpita dal pericardio che circonda il cuore.

causato Sono spesso virus. Anche le cellule di difesa del sistema immunitario possono danneggiare i tessuti.

READ  Dodici morti dopo l'epidemia di corona a Heim: il Brandeburgo rende obbligatori i test giornalieri per il personale infermieristico - Berlin

Sintomi Spesso è indeterminato. Entrambe le malattie possono manifestarsi come affaticamento, debolezza, mancanza di respiro, palpitazioni e dolore cardiaco.

trattamento completo Ci si può aspettare nel 70% dei casi, secondo la Heart Foundation. Le conseguenze a lungo termine possono essere aritmie o, in rari casi, insufficienza cardiaca. bam

Il vaccino Moderna, il marchio Spikevax, è particolarmente colpito, e in misura minore Corminaty di Biontech/Pfizer. Ciò è indicato da diversi studi, come il lavoro da Israele pubblicato sul “New England Journal of Medicine”, i rapporti di Public Health Ontario e il “Nordic Study” dalla Scandinavia devono ancora essere pubblicati.

Reuters ha citato Mika Salminen, direttore dell’Istituto finlandese di sanità, affermando che il “Nordic Study” ha mostrato che gli uomini di età inferiore ai 30 anni che erano stati vaccinati con Spikevax avevano un rischio leggermente maggiore di sviluppare miocardite. Lo studio dovrebbe essere pubblicato tra poche settimane ed è già a disposizione dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA).

Vaccinazione corona: l’Islanda sospende l’uso del vaccino Moderna

L’Islanda giustifica l’iniziale sospensione completa del vaccino Moderna con un marcato aumento dell’incidenza di miocardite e pericardite (infiammazione del pericardio). In Islanda, le persone vaccinate con il vaccino Johnson & Johnson monodose hanno ricevuto solo una dose extra del vaccino Moderna.

(Lo sfondo è l’apparentemente inadeguata protezione del vaccino Johnson & Johnson contro la variante delta, motivo per cui il Comitato permanente tedesco per l’immunizzazione ora raccomanda una seconda vaccinazione con il vaccino mRNA.) Inoltre, gli anziani e gli immunocompromessi in Islanda avevano un dose Booster La vaccinazione Spikevax è stata ottenuta da Moderna.

READ  Ecco perché alcune persone non si infettano affatto

Nel video: L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera “possibile” il legame tra la vaccinazione con mRNA e la miocardite

Rapporti già disponibili da Israele e Canada sono giunti alla conclusione che la miocardite dopo la vaccinazione Covid con il vaccino mRNA si verifica molto raramente, ma è più frequente di quanto ci si aspetterebbe normalmente. Nella maggior parte dei casi, circa il 70%, si sono verificate complicazioni entro pochi giorni dalla seconda dose.

Vaccinazione corona: la miocardite si verifica più frequentemente del previsto

C’è anche accordo sul fatto che i giovani siano particolarmente colpiti e che gli adolescenti ei giovani uomini siano più gravi (costituiscono circa l’80 per cento dei casi) rispetto alle ragazze e alle giovani donne. Tuttavia, le cause della disuguaglianza di genere non sono ancora note.

Nello studio israeliano, la maggior parte dei casi si è verificata nella fascia d’età dai 16 ai 19 anni, mentre i giovani dai 18 ai 24 anni erano i più a rischio nel rapporto dal Canada. Tuttavia, i due studi possono essere confrontati solo in misura limitata, poiché in Israele è stato utilizzato solo il vaccino Biontech/Pfizer. Nel lavoro canadese, i rischi di miocardite sono stati confrontati secondo Corminaty e Spikevax.

L’Ontario Public Health Report per il periodo dal 13 dicembre 2020 al 7 agosto 2021 ha registrato 263,2 casi per caso nella fascia di età tra i 18 ei 24 anni più colpita per il vaccino Moderna dopo la seconda dose di 1 milione di scatole. Alla Biontech/Pfizer, ci sono 37,4 casi per milione di dosi.

Miocardite dopo vaccinazione corona: “più del doppio del rischio”

Per lo studio israeliano intitolato “Miocardite dopo il vaccino contro l’mRNA BNT162b2 contro il Covid-19”, sembrava da dicembre 2020 a maggio 2021, con circa cinque milioni di persone vaccinate lì. Il Ministero della Salute israeliano ha registrato 136 casi di “miocardite terminale o probabile” verificatisi in prossimità della vaccinazione. Questo è “più del doppio del rischio nelle persone non vaccinate”.

READ  Ecco perché alcune persone non prendono il virus

Circa 1 su 6.637 maschi vaccinati e 1 su 99.853 femmine vaccinate di età compresa tra 16 e 19 anni presenteranno una miocardite “confermata o probabile” entro 21 giorni dalla seconda vaccinazione. In tre casi su quattro, la miocardite è stata definita lieve.

Con miocardite dopo la vaccinazione Covid-19 per lo più corsi lievi

Perché il vaccino di Moderna provoca più miocardite di quanto si possa immaginare da Biontech/Pfizer, ma non è stato ancora dimostrato: Spikevax contiene 100 mcg di mRNA per dose, Corminaty 30 mcg. Poiché la composizione di entrambi i vaccini non è identica, non è facile confrontare, anche se l’ipotesi che abbia qualcosa a che fare con la quantità è ovvia.

Sul “rialzo” di Modena, dice che l’effetto protettivo del vaccino potrebbe durare più a lungo di quello di altri vaccini. La miocardite è stata osservata anche prima della corona dopo le vaccinazioni, ma non così frequentemente. Potrebbe essere lo stesso Covid-19, come l’influenza* Provoca miocardite. (Pamela Doerhofer) *il padre è uno spettacolo di IPPEN.MEDIA.