Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vacanza da sogno invece che da incubo: come l'Italia vuole cambiare il turismo

Vacanza da sogno invece che da incubo: come l'Italia vuole cambiare il turismo

L’Italia è uno dei paesi più visitati al mondo e, come destinazione di viaggio da sogno, deve affrontare due grandi sfide: come gestire il turismo di massa e come possono le vacanze diventare sostenibili? Anche gli ospiti dovrebbero essere coinvolti nella ricerca di soluzioni.

Dopo anni drammatici di pandemia, l’industria del turismo globale è in ripresa. Naturalmente l'Italia è al quinto posto nella classifica dei paesi più visitati. Nel 2023, secondo gli studi dell'Osservatorio Turismo Visit Italy, i pernottamenti sono stati 427 milioni. Al primo posto si collocano gli ospiti tedeschi con 61 milioni di pernottamenti.

Ma anche se gli affari sono in ripresa, ciò non significa che tutto vada bene. Rimangono due sfide che esistevano prima della pandemia. Ciò che è cambiato è che la soluzione è diventata più urgente.

Da un lato parliamo del cosiddetto “overtourism”. Un ottimo esempio di ciò è la città lagunare di Venezia, dove in alcuni periodi dell'anno la folla riesce a malapena a muoversi, insinundosi invece tra le strette strade. Al contrario, è stata annunciata e poi rinviata più volte negli ultimi anni. Ma ora è davvero arrivato il momento: dal 25 aprile i visitatori giornalieri dovranno pagare un biglietto d'ingresso di cinque euro a persona nelle ore di punta. In questo modo l’amministrazione comunale spera di convertire i visitatori in giornate ad accesso gratuito, di cui andranno a vantaggio gli ospiti, ma soprattutto le infrastrutture cittadine e i residenti.

Rivoluzione nella mente del pubblico

La seconda sfida con la massima priorità è “Abbiamo due opzioni”, ha detto Werner Zanotti, direttore dell'Associazione turistica di Brixon, in un incontro con ntv.de. “Possiamo continuare come prima e ignorare tutto ciò che accade intorno a noi oppure guardare alle linee guida europee, ben sapendo che i controlli proposti sulla CO2 prima o poi diventeranno parte dell'attività economica.”

Con quasi 23.000 abitanti Bressanone è la terza città più grande dell'Alto Adige. Si trova a circa 40 chilometri a nord-est di Bolzano, nella valle centrale dell'Isac. L'ex città vescovile e il suo bacino d'utenza del Franzensfest, del monastero di Neustift e della catena montuosa di Ploss sono particolarmente apprezzati dai vacanzieri tedeschi, confermano le statistiche. Lo scorso anno, con un totale di 482.193 pernottamenti, gli ospiti tedeschi sono stati al primo posto, quasi il doppio (254.367) degli ospiti italiani.

Il paesaggio alpino unico e le opportunità che offre per rilassarsi e godersi la natura sono una meravigliosa calamita. Affinché tutto ciò rimanga tale, sono chiamati in causa anche i gestori della città e del turismo, ma non solo. Altrettanto importante è una piccola rivoluzione nella mente del pubblico.

Bressanone ora sta cercando di capire come farlo funzionare. La cittadina alpina partecipa come area pilota al “Progetto Sostenibilità Turismo Alto Adige”. Inoltre è stata commissionata un’indagine su larga scala sulla CO2 – “sappiamo dove apportare modifiche”, ha detto Zanotti – ed è stato elaborato un piano in otto punti.

Treno o macchina?

I punti più importanti del programma riguardano la micromobilità, la durata del soggiorno, l'esclusività e i diritti di codecisione della popolazione. In tre di questi quattro punti è richiesta la reale collaborazione del pubblico, perché dovrà decidere se qualcosa cambierà oppure no. Ad esempio, viaggiano in macchina o in treno; Oppure rimarranno un giorno in più e contribuiranno ad evitare ingorghi lunghi chilometri verso l'autostrada a valle, soprattutto durante le festività lunghe e alcuni fine settimana estivi? In entrambi i casi, gli sconti premiano una decisione più rispettosa del clima. Alcune strutture ricettive stanno già sperimentando questa opzione.

Un altro aspetto del progetto è l’esclusività. «Non c'entra l'arroganza», insiste Zanotti. “Ma se vogliamo che alcuni luoghi conservino la loro magia, dobbiamo avere il coraggio di trattarli in modo più esclusivo.” Pertanto per determinati scenari dovrebbe essere introdotta una clausola al giorno.

Queste misure dovrebbero essere prese in considerazione anche dai residenti, «che per noi è un'altra cosa molto importante», dice Zanotti. Non è solo a Venezia che il turismo scaccia i locali. Nel centro di Firenze ci sono 7.500 appartamenti solo per vacanzieri, per questo il sindaco della città ha decretato il divieto di prenotare nuovi B&B nel centro storico sito UNESCO.

In alcuni luoghi sono stati affissi manifesti che invitavano i visitatori a “tornare a casa”. Il problema non riguarda solo le città. Pensa all'incantevole Hallstatt in Austria. Alla fine di agosto 2023, una parte del consiglio comunale ha bloccato l'ingresso del tunnel in città a causa dell'inquinamento ambientale causato dal turismo pubblico e da molte automobili.

Vi è una crescente opinione secondo cui i residenti locali non dovrebbero essere ignorati ma dovrebbero essere inclusi nelle decisioni che riguardano l’industria del turismo. Quando si prendono decisioni importanti, ad esempio, si dovrebbero svolgere sondaggi tra la popolazione e una parte dei profitti del turismo dovrebbe essere investita in servizi per i residenti.

Il Duomo di Bressanone risplende con una produzione luminosa del gruppo Spectaculars.

Il Duomo di Bressanone risplende con una produzione luminosa del gruppo Spectaculars.

(Foto: Foto Brixon Turismo, Matthias Gasser)

Zanotti spiega cosa vuol dire avvicinare la popolazione attraverso l'annuale Water Light Festival. Il periodo in cui è stato possibile vedere le installazioni all'aperto nel centro è stato limitato – senza considerare gli abitanti che vivono nel centro di Bressanone. Un altro esempio: “Qualche anno fa, un artista ha creato un'installazione all'aperto con un forte fascio di luce contro il cielo. Un'associazione ambientalista ci ha fatto notare che avrebbe interrotto la migrazione degli uccelli. Abbiamo anche dei biologi nel nostro team di progettazione .”

Tutto ciò può ancora sembrare un approccio molto cauto. Si parla almeno di una responsabilità condivisa: ognuno, nel proprio ruolo, sia ospitante che ospite, deve contribuire a garantire che paesaggi e città da sogno non diventino un incubo.