Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

USA: i repubblicani bloccano nuovi aiuti finanziari a Ucraina e Israele

USA: i repubblicani bloccano nuovi aiuti finanziari a Ucraina e Israele
al di fuori Disaccordo sulla politica dell’immigrazione

I repubblicani americani bloccano nuovi aiuti a Ucraina e Israele

I repubblicani americani bloccano nuovi aiuti a Ucraina e Israele

I repubblicani americani dell’opposizione avevano inizialmente bloccato un pacchetto di aiuti da un miliardo di dollari per Israele e Ucraina. Lo sfondo è il disaccordo sulla politica di immigrazione e sulla sicurezza del confine meridionale degli Stati Uniti con il Messico.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Il Partito Repubblicano non rinuncia a resistere: il pacchetto che comprende nuovi fondi per Ucraina e Israele non è riuscito a raggiungere la maggioranza necessaria al Congresso degli Stati Uniti. Il leader della maggioranza al Senato ha parlato di “un momento pericoloso che avrà conseguenze durature per il 21° secolo”.

DottI repubblicani americani dell’opposizione avevano inizialmente bloccato un pacchetto di aiuti da un miliardo di dollari per Israele e Ucraina. Mercoledì i conservatori si sono rifiutati di sostenere il pacchetto per un totale di 106 miliardi di dollari (circa 98 miliardi di euro) in un voto trasversale al Senato, con tutti i repubblicani al Senato che hanno votato “no”. Lo sfondo è il disaccordo sulla politica di immigrazione e sulla sicurezza del confine meridionale degli Stati Uniti con il Messico.

Oltre ai repubblicani, anche il senatore indipendente Bernie Sanders ha rifiutato di approvare il pacchetto. Sanders di solito vota per i democratici, ma ha espresso preoccupazione per il finanziamento dell’“attuale strategia militare disumana” di Israele contro i palestinesi. Anche il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha votato “no” per motivi procedurali per consentire la revisione della proposta. Dopo il voto, il democratico ha parlato di “momento pericoloso che avrà conseguenze durature per il 21° secolo” e minaccia di distruggere la democrazia occidentale.

Leggi anche

Il presidente americano Joe Biden aveva espresso la volontà di raggiungere un accordo prima del voto del Congresso. Biden si è detto disposto a fare “concessioni significative” sulla politica di immigrazione in modo che il Congresso possa rilasciare finanziamenti all’Ucraina. Il rilascio di risorse finanziarie per sostenere l’Ucraina “non può più aspettare” e il fallimento sarebbe “il regalo più grande” per il presidente russo Vladimir Putin. I democratici affermano che bloccare il disegno di legge segnalerebbe sia agli oppositori che agli alleati degli Stati Uniti che gli Stati Uniti non sostengono i suoi partner internazionali.

Biden ha chiesto al Congresso in ottobre un pacchetto finanziario del valore di 106 miliardi di dollari. Comprende, tra le altre cose, 61,4 miliardi di dollari per l’Ucraina, 14,3 miliardi di dollari per Israele nella guerra contro l’organizzazione estremista islamica palestinese Hamas, aiuti ad altri alleati come Taiwan e denaro per proteggere il confine con il Messico.

Resistenza da parte dei repubblicani a maggiori aiuti all’Ucraina

Tra i repubblicani c’è sostegno a nuovi aiuti a Israele, ma resistenza a nuovi finanziamenti per l’Ucraina. Con il loro rifiuto, i repubblicani vogliono, tra le altre cose, far valere le loro richieste per una politica di immigrazione più dura e per il controllo del confine meridionale. Al Senato, le leggi richiedono una maggioranza di 60 senatori su 100 per effettuare un voto iniziale procedurale. Attualmente ci sono 49 repubblicani al Senato e possono bloccare i progetti legislativi con la loro minoranza ostile.

Repubblicani e democratici al Congresso litigano da mesi per il finanziamento di miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina e a Israele, per gli interessi degli Stati Uniti nell’Indo-Pacifico e per gli aiuti umanitari internazionali. È stato possibile raggiungere un accordo sul nuovo bilancio solo dopo aver escluso gli aiuti all’Ucraina.

Leggi anche

Volodymyr Zelenskyj visita le truppe nella regione di Odessa

Gli Stati Uniti sono il principale sostenitore dell’Ucraina nella guerra contro le forze d’invasione russe. Dall’inizio della guerra di aggressione della Russia nel febbraio 2022, gli Stati Uniti hanno già fornito o promesso di fornire più di 44 miliardi di dollari in aiuti militari all’Ucraina.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.