Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’enorme raffica di raggi gamma rivela la nascita di un buco nero

L’onda ha attraversato il nostro sistema solare per dieci ore: i telescopi hanno registrato esplosioni di radiazioni insolitamente violente.

Quando le stelle massicce esauriscono il carburante e collassano sotto il loro stesso peso, si verifica un’esplosione in tutto l’universo. Il primo segno di una tale supernova è un enorme lampo di radiazione radioattiva che viaggia attraverso lo spazio quasi alla velocità della luce. Una tale esplosione di raggi gamma ha colpito la Terra solo pochi giorni fa e da allora ha deliziato gli astronomi.

“Il lampo di raggi gamma 221009A di durata insolitamente lunga è il più luminoso mai registrato e il successivo bagliore ha battuto tutti i record”, ha scritto l’astronomo Brendan O’Connor in una dichiarazione. “Poiché è così luminoso e relativamente vicino, questo lampo rappresenta un’opportunità irripetibile per i ricercatori di saperne di più su supernove, buchi neri e materia oscura”. L’esplosione di raggi gamma è stata registrata dal telescopio spaziale Fermi della NASA, i cui rilevatori di radiazioni erano attivi da più di dieci ore il 9 ottobre.

Visualizzazione dei dati dal telescopio a raggi gamma Fermi: i ricercatori ora sperano di ottenere nuove intuizioni. (Fonte: NASA)

Molto più vicino ai tipici lampi di raggi gamma.

Secondo i ricercatori, il lampo di raggi gamma ha avuto origine nella costellazione della Sagitta, a 2,4 miliardi di anni luce da noi – solo “vicino” in senso astronomico. Per fare un confronto, il più potente lampo di raggi gamma mai registrato ha colpito la Terra nel 2008 da una distanza di 7,5 miliardi di anni luce. “L’attuale esplosione è molto più vicina ai tipici lampi di raggi gamma, il che è eccitante perché possiamo vedere molti dettagli che altrimenti sarebbero molto deboli”, afferma Roberta Pellera, un’astronoma dell’Università di Bari. “Ma indipendentemente dalla sua distanza, questo è il flash più luminoso e vibrante che abbiamo mai visto, il che lo rende doppiamente eccitante”.

Analizzando i dati misurati, i ricercatori sperano di ottenere nuove informazioni sulle condizioni nelle galassie lontane, sul comportamento della materia vicino alla velocità della luce e sul collasso delle stelle. L’esplosione di raggi gamma 221009A è stata probabilmente causata da una supernova di una stella di massa diverse volte quella del nostro Sole. Tra circa cinque miliardi di anni, questa si espanderà prima in una “gigante rossa” e poi collasserà in una “nana bianca” – la nostra stella centrale è priva di materia di supernova e si trasformerà in un buco nero.

READ  Le infezioni associate a influenza e corona possono essere molto pericolose