Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una serie di errori: il tribunale dichiara nullo il consenso dell’UE ad aiutare Lufthansa

Una serie di errori: il tribunale dichiara nullo il consenso dell’UE ad aiutare Lufthansa

Ha commesso diversi errori
Il tribunale dichiara nullo il consenso dell’UE ad assistere Lufthansa

Durante la pandemia, Lufthansa ha registrato perdite significative. Il governo federale sta saltando avanti con il pacchetto di salvataggio da 1 miliardo di euro, che è stato approvato dalla Commissione dell’Unione Europea. Questo è sbagliato, come sta ora chiarendo il tribunale dell’UE. I concorrenti Ryanair e Condor hanno citato in giudizio.

Secondo il tribunale dell’UE, la Commissione europea non è stata autorizzata ad approvare miliardi di aiuti dal governo federale a Lufthansa durante la pandemia. Lo hanno annunciato i giudici in Lussemburgo. La sentenza può essere appellata alla più alta corte europea, la Corte di giustizia europea. Nel giugno 2020 – nel pieno della pandemia di Corona – la Commissione dell’Unione Europea ha approvato un aiuto di sei miliardi di euro. Al contrario, i concorrenti di Lufthansa, Ryanair e Condor, si sono difesi davanti al tribunale dell’UE.

I giudici hanno in parte condiviso con loro, stabilendo che la Commissione Ue aveva commesso diversi errori nella sua valutazione. Da un lato, presumeva erroneamente che Lufthansa non potesse ottenere i fondi necessari dai mercati. Inoltre, hanno valutato erroneamente il significativo potere di mercato di Lufthansa in alcuni aeroporti. Pertanto, gli obblighi imposti alla società non garantivano il mantenimento di una concorrenza effettiva.

Le restrizioni ai viaggi dovute alla pandemia hanno quasi bloccato Lufthansa. Nel gruppo di circa 138.000 dipendenti, decine di migliaia di posti di lavoro erano al limite. Ecco perché il governo federale ha sostenuto la più grande compagnia aerea tedesca nella primavera del 2020 con un pacchetto di aiuti del valore di miliardi. In cambio, Lufthansa doveva impegnarsi a evitare distorsioni della concorrenza, come la cessione alla concorrenza dei diritti di decollo e atterraggio a Francoforte e Monaco.

Il piano di salvataggio richiedeva che il Fondo statale per la stabilizzazione economica sottoscrivesse quote dell’aumento di capitale per costruire una quota del 20% nel capitale della compagnia aerea. Sono inoltre previste partecipazioni tacite fino a 5,7 miliardi di euro e un prestito fino a tre miliardi di euro. Tuttavia, quest’ultimo non era soggetto a condizioni ed era stato precedentemente approvato in linea di principio.